Onore agli Svizzeri, difensori dellaFede e della Tradizione

Roma, sotto il potere temporale del suo Re Pio IX Vicario di Cristo, è la metropoli dei cattolici

Luciano Garibaldi in "Corrispondenza Romana" 28 settembre 2020



E veniamo a Porta Pia. Otto anni fa, il 29 settembre 2012, in occasione della festività di San Michele Arcangelo, patrono della Gendarmeria vaticana, il principe Sforza Ruspoli, che l'aveva ereditata dai suoi avi e la custodiva con cura e amore, donò al Pontefice Benedetto XVI la bandiera sotto la quale le truppe pontificie si erano battute contro gli invasori dell'esercito piemontese in difesa dello Stato Vaticano a Porta Pia. Un evento di rilevante portata storica, ancorché ignorato nella maniera più totale da tutti i mezzi d'informazione. Sotto quella bandiera, infatti, erano caduti gli ultimi difensori della sovranità della Chiesa, tutti svizzeri: gli zuavi del generale Kanzler, che lasciarono sul posto, dilaniati dai cannoni, 16 morti e 49 feriti. Per decenni, fino ai Patti Lateranensi del 1929, il 20 settembre fu, in Italia, festa nazionale.

Tutti sembrano aver dimenticato che anche allora, in quel lontano ed infuocato settembre 1870, vi fu chi non condivise l'entusiasmo ufficiale per la presa di Roma. Soprattutto una nobile figura finita nel dimenticatoio: il conte Edoardo Crotti di Costigliole, membro del Parlamento, che, gravemente ammalato (sarebbe passato a miglior vita dopo pochi giorni), scrisse in proposito una coraggiosa e significativa lettera a Re Vittorio Emanuele II. L'abbiamo recuperata e la riproduciamo:


«Sire! Tornato in Italia dall'estero, trovo il mio Paese in uno stato di profonda agitazione per l'ordine dato dal governo di occupare Roma…Non posso pensare senza un sentimento di profonda indignazione che il mio governo assalga a baionetta e a mitraglia la metropoli della Cristianità e l'augusta persona del Vicario di Gesù Cristo…(che) è un sovrano. Chi lo scorona deve rispondere a Dio. E poi chi non conosce la mano di ferro dei governi che si sono succeduti? (…) Non hanno forse spogliato il clero dei suoi beni, profanato chiese, ostacolato le vocazioni religiose, imprigionato sacerdoti, vescovi, cardinali? Sì! … Conosciamo molto bene il loro rispetto per la religione…L'occupazione di Roma è considerata con orrore dalla quasi totalità degli italiani. Lo affermo come italiano e come deputato…Io protesto contro coloro che considerano stranieri quei cattolici che servono sotto le bandiere del Sovrano Pontefice. No, non sono stranieri questi figli che fanno scudo coi propri petti al venerato Padre loro. Gli unici stranieri a Roma sono quelli che bombardano il Vaticano. Roma, sotto il potere temporale del suo Re Pio IX, è la metropoli dei cattolici!».





.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Don Gino Oliosi

Prete da sessanta anni!

Intervista a Padre Flavio Uboldi, teologo cappuccino, per il 103 anniversario dell'inizio delle apparizioni di Fatima