Post

Non dalla vita procede il pensiero, ma dal pensiero la vita e, teologicamente, non dallo Spirito Santo il Verbo ma dal Verbo lo Spirito Santo

Rifacendomi a Romano Amerio Iota unum (pp.329-33) l'azione umana nasce dalla persuasione della verità. Per la dottrina della Chiesa la ragione prova non soltanto la possibilità dell'esistenza di Dio, ma la realtà di tale esistenza e quindi una realtà naturale della ragione al centro pubblico per la libertà e il bene di ogni persona.  
La Chiesa non insegna che l'esistenza di Dio è possibile cioè che non implica contraddizione. La non contraddittorietà è infatti condizione della possibilità di una cosa. Però la Chiesa non insegna che l'esistenza di Dio, giudice del bene e del male, è possibile, ossia non è assurda, ma che essa è reale e quindi il bene comune è teocentrico non antropocentrico. Di fronte alle verità naturali le quali sono il suo proprio oggetto intelligibile, la ragione apprende e vede. Di fronte invece alle verità soprannaturali la ragione non apprende, ma ha per officio di dimostrare che non ripugnano alla ragione cioè la loro ragionevolezza.La ragione n…

Un'intervista di Aldo Maria Valli al prof. Roberto de Mattei sull'attuale sitauzione globale della Chiesa e del mondo

Nella storia agiscono le creature razionali, uomini e angeli che saranno fisicamente separati solo alla fine del mondo. E gli angeli decaduti, i demoni, oggi svolgono un ruolo importante nel portare avanti l processo rivoluzionario, soprattutto attraverso le armi della guerra psicologica. L'anarchia mentale ha qualcosa di diabolico. Ma ai demoni si oppone Maria, Regina degli angeli e Signora della storia. La Madonna a Fatima ha promesso il trionfo finale del suo Cuore Immacolato. Noi combattiamo con questa speranza che, con l'aiuto di Dio in un momento drammatico, nessuno potrà estirpare dai nostri cuori senza il nostro consenso.
Come vede questo 2020, l'anno del coronavirus?L'anno di una grande svolta. Limitiamoci ad un esempio: i viaggi del Papa. Tutti i viaggi di papa Francesco sono stati sospesi, da quello in Argentina, dove avrebbe dovuto incontrare il nuovo presidente Alberto Fernandez, a quello, non ancora calendarizzato, a Pechino, per solennizzare l'accordo…

Domenica 25*

Nel Vangelo di oggi troviamo un insegnamento di Gesù piuttosto sconcertante che ci può far sembrare ingiusto il Signore. In realtà egli vuole aprire i nostri cuori: non vuole che rimaniamo nella prospettiva di una giustizia distributiva stretta, ma che ci apriamo alla generosità divina, che cambia le nostre prospettive
Nella liturgia di oggi la lettura della Lettera di San Paolo ai Filippesi, cioè ai membri della comunità che l'Apostolo stesso fondò nella città di Filippi, importante colonia romana in Macedonia, oggi Grecia settentrionale. Paolo giunse a Filippi durante il suo secondo viaggio missionario, provenendo dalla costa dell'Anatolia e attraversando il Mare Egeo. Fu quella la prima volta in cui il Vangelo giunse in Europa attraverso una ispirazione dello Spirito a San Paolo tra Asia ed Europa. Siamo intorno all'anno 50, dunque circa vent'anni dopo la morte e la risurrezione di Gesù. Eppure, nella Lettera ai Filippesi, sono contenute le radici cristiane del nostr…

Al Cardinale Bassetti. Il disinteresse del mondo cattolico sulla strage degli innocenti

Come ha scritto recentemente Benedetto XVI, occorre smascherare la "dittatura mondiale di ideologie apparentemente umanistiche", con le quali si sta "formulando una fede anti cristica, cui non ci si può opporre senza essere puniti con la scomunica sociale". È esattamente la colonizzazione ideologica" di cui ha parlato molte volte Papa Francesco
Eminenza,siamo un gruppo di sacerdoti e di fedeli di varie città italiane, da tempo impegnati nella battaglia culturale e politica perché abbia termine lo sterminio dei nascituri nel nostro Paese.
Le scriviamo per confidarLe anzitutto il nostro sconforto e il nostro sconcerto, che perdura ormai da molto tempo, di fronte al pressoché totale disinteresse del mondo cattolico italiano verso la strage degli innocenti che viene portata avanti da 42 anni con accanimento ideologico, politico e giudiziario nella nostra Nazione.
Tutti i movimenti, le associazioni e le nuove comunità laicali non intervengono più pubblicamente da dece…

Referendum, perché NO

È bene o male ridurre il numero dei parlamentari? Sembrerebbe questo il tema su cui decidere nel referendum di domenica prossima. In realtà per scegliere cosa votare bisogna considerare sia la natura della Costituzione e sia l'attuale contesto politico in cui si colloca. Elementi che spingono a votare NORiccardo Cascioli in "La Nuova Bussola" 18 settembre 2020
È meglio avere più parlamentari o è meglio averne meno? Il tema del referendum del 20 e 21 settembre apparentemente è questo. Saremo infatti chiamati a confermare o far decadere la riforma degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione, che portano i deputati da 630 a 400, i senatori da 315 a 200 e un massimo di 5 senatori a vita. Ma bisogna dire che molti degli argomenti pro e contro la diminuzione dei parlamentari sentiti in queste settimane non sono tali da rendere chiaro come schierarsi. Risparmio importante o inutile? Miglioramento o peggioramento della rappresentatività democratica? Argomenti tutto sommato molt…