giovedì 19 aprile 2012

Un aiuto URGENTE per Fede & Cultura!


Il lavoro di Apostolato Culturale che Fede & Cultura sta facendo da SEI ANNI è stato benedetto da Dio, soprattutto grazie a persone generose come Lei che in questi anni ci hanno sostenuto comperando i nostri libri, regalandoli e consigliandoli. In meno di sei anni abbiamo pubblicato e diffuso oltre 250 titoli!
Fra questi ben quattro e un'altro è in lavorazione di Mons. Gino Oliosi.
Nel contesto attuale di crisi economica Fede & Cultura - che non ha alcun tipo di finanziamento pubblico - si trova in difficoltà a proseguire l'Apostolato dell'intelligenza e della Buona Stampa. Nel nostro piccolo facciamo le cose secondo la Dottrina Sociale della Chiesa, pagando il giusto stipendio ai dipendenti e collaboratori e sostenendo la formazione di nuovi sacerdoti.
Ci troviamo quindi nella necessità di trovare urgentemente la cifra di CENTODIECIMILA EURO per garantire la continuità a tutto il 2012 delle pubblicazioni di Apologetica, Nuova Evangelizzazione e Verità in campo storico, culturale, letterario: mille persone che versano centodieci euro, o cento che ne versano millecento; o anche venti generosi sostenitori che arrivano a poco più di 5mila euro.
Sappiamo di chiederle un grande sacrificio, soprattutto in tempi di crisi economica come questi, ma conosciamo anche la grande stima e amore che ha per Fede & Cultura e che farà il possibile per non fare morire questo autentico miracolo editoriale nel panorama italiano.
Non le suggeriamo alcuna cifra da versare, perché facciamo affidamento esclusivo sulla sua generosità. Ci permettiamo, però, di indicarle che con un versamento minimo di 300 euro, abbiamo previsto anche la possibilità per lei di ricevere gratuitamente 20 titoli pubblicati da Fede e Cultura a Sua scelta in un'unica spedizione.
Le suggeriamo anche la possibilità di dilazionare il versamento in più soluzioni, con un bonifico permanente mensile, che in qualsiasi momento può essere revocato o adoperando gli altri strumenti a disposizione.
Così come sarebbe fondamentale per noi, al fine di espandere la nostra possibilità di comunicazione, che ci desse indirizzi e mail di suoi conoscenti e amici, se li ritenesse interessati a ricevere la nostra newsletter e le nostre informazioni.

Vogliamo dimostrarLe la nostra gratitudine offrendoLe un regalo che più grande non si può.
Ogni settimana per tutti i nostri Lettori, Benefattori e Diffusori un sacerdote celebra una Santa Messa per i Suoi bisogni spirituali, materiali e per le Sue intenzioni.
Il Santo Sacrificio della Messa ha valore agli occhi di Dio più di ogni altro sacrificio, perchè Gli viene offerto il Suo stesso Figlio nella Sua Gloriosa Passione.
Siamo sicuri che questo regalo che dura per tutta l'eternità Le sarà gradito e La invito a fare partecipi tanti altri fratelli di questa Grazia meravigliosa continuando - nella misura della Sua generosa bontà - a farsi promotore della Diffusione della Buona Stampa di Fede & Cultura, o contribuendo economicamente a questa Nuova Evangelizzazione.
Per aiutare quest'opera di Apostolato della Buona Stampa, svolta in nome di Gesù e della Madonna, può versare:

Carta di credito o PayPal 
Con carta di credito o ricaricabile in maniera facile e sicura!
Inserisca la cifra che vuole donare dopo aver cliccato il bottone qui sotto o comunichi i dati della tua carta di credito telefonando allo 045-941851

Bollettino di conto corrente postale
Si può utilizzare un bollettino di conto corrente postale
sul c/c 83065748 intestato a Fede & Cultura
specificando nella causale "A sostegno della Buona Stampa"
CLICCA QUI per scaricare il bollettino e stamparlo.

Bonifico bancario
Clicchi sulle coordinate bancarie sono: Fede & Cultura - Unicredit Banca, Agenzia Verona Stadio
IBAN: IT59T0200811723000040977857. Per l'estero è necessario il Codice BIC SWIFT: UNCRITB1P10.
Specificare nella causale "A sostegno della Buona Stampa"

Dio La ricompensi!

mercoledì 18 aprile 2012

La verità ci viene incontro nella fede‏


Con tutto il sapere e tutte le capacità, che pure sono necessari, non dobbiamo perdere il cuore semplice, lo sguardo semplice del cuore, capace di vedere l’essenziale

“Nel giorno del mio compleanno e del mio Battesimo, il 16 aprile, la liturgia della Chiesa ha posto tre segnavia che mi indicano dove porta la strada e che mi aiutano a trovarla. In primo luogo c’è la memoria di santa Bernadette, la veggente di Lourdes; poi, c’è uno dei Santi più popolari della storia della Chiesa, Benedetto Giuseppe Labre; e poi, soprattutto, c’è il fatto che questo giorno è sempre immerso nel Mistero pasquale, nel Mistero della Croce e della Risurrezione, e nell’anno della mia nascita è stato espresso in modo particolare: era il Sabato Santo, il giorno del silenzio di

mercoledì 11 aprile 2012

Più forte della morte


Gesù risorge dal sepolcro. La vita è più forte della morte. Il bene è più forte del male. L’amore è più forte dell’odio. La verità è più forte della menzogna

“A Pasqua, al mattino del primo giorno della settimana, Dio ha detto nuovamente: “Sia la luce”!. Prima erano venute la notte del Monte degli Ulivi, l’eclissi solare della passione e morte di Gesù, la notte del sepolcro. Ma ora è di nuovo il primo giorno – la creazione ricomincia tutta nuova. “Sia la luce!”, dice Dio, “e la luce fu”. Gesù risorge dal sepolcro. La vita è più forte della morte. Il bene è più forte del male. L’amore è più forte dell’odio. La verità è più forte della menzogna. Il buio dei giorni passati è dissipato nel momento in cui Gesù risorge dal sepolcro e diventa, Egli stesso, pura luce di Dio. Questo, però non si riferisce soltanto a Lui e non si riferisce solo al buio di quei giorni. Con la risurrezione di Gesù, la luce stessa è creata nuovamente. Egli ci attira tutti dietro di sé nella nuova vita della risurrezione e vince ogni forma di buio. Egli è il nuovo giorno di Dio, che vale per tutti noi.
Ma come può avvenire questo? Come può tutto questo giungere a noi così che non rimanga solo

martedì 10 aprile 2012

Cristiani dritti di fronte al mondo, inginocchiati di fronte a Dio‏

I cristiani sono dritti di fronte al mondo, in ginocchio come figli nel Figlio davanti al Padre

“Se ci domandiamo in che cosa consista l’elemento più caratteristico della figura di Gesù nei Vangeli, dobbiamo dire: è il suo rapporto con Dio. Egli sta sempre in comunione con Dio. L’essere con il Padre è il nucleo della sua personalità. Attraverso Cristo conosciamo Dio veramente. “Dio nessuno lo ha mai visto”, dice san Giovanni. Colui “che è nel seno del Padre…lo ha rivelato” (1,18). Ora conosciamo Dio così come è veramente. Egli è Padre, e questo in una bontà assoluta alla quale possiamo affidarci. L’evangelista Marco, che ha

Concilio e Catechismo


I testi del Concilio Vaticano II e il Catechismo della Chiesa Cattolica sono gli strumenti essenziali che ci indicano in modo autentico ciò che la Chiesa crede a partire dalla Parola di Dio

“Cari amici, vorrei brevemente toccare due parole – chiave della rinnovazione delle promesse sacerdotali, che dovrebbero indurci a riflettere in quest’ora della Chiesa e della nostra vita personale. C’è innanzitutto il ricordo del fatto che siamo – come si esprime Paolo – “amministratori dei misteri di Dio” (1 Cor 4,1) e che ci spetta il ministero dell’insegnamento, il (munus docendi), che è

lunedì 9 aprile 2012

Non si può rinnovare la Chiesa disobbedendo


Puntare a rinnovare la Chiesa ignorando decisioni definitive del Magistero è soltanto la spinta disperata a fare qualcosa, a trasformare la Chiesa secondo i nostri desideri e le nostre idee

“In questa Santa Messa i nostri pensieri ritornano all’ora in cui il Vescovo, mediante l’imposizione delle mani e la preghiera, ci ha introdotti nel sacerdozio di Gesù Cristo, così che fossimo “consacrati nella verità” (Gv 17,19), come Gesù, nella sua Preghiera sacerdotale, ha chiesto per noi al Padre. Egli stesso è la Verità. Ci ha consacrati, cioè consegnati per sempre a Dio, affinché a partire da Dio e in vista di Lui, potessimo servire gli uomini. Ma siamo anche consacrati

martedì 3 aprile 2012

Gesù è risorto!


Gesù è risorto, è vivo, è presente qui e ora e opera anche questa sera quello che i Vangeli ricordano che faceva allora, prima di morire in Croce:
liberazione, guarigione, consolazione

Se Cristo non fosse risorto, non sarebbe sempre vivo, non sarebbe presente qui e ora, non potrebbe operare anche questa sera quello che i Vangeli memorizzano che operava allora cioè liberazione dal male che opera il Maligno, la guarigione o consolazione in tutte le tribolazioni, le malattie, le negatività. La risurrezione è il fondamento della nostra fede di poter rivolgere in questo momento mente a cuore a Lui presente in