Post

Visualizzazione dei post da giugno, 2024

Riforma del Papato, il banco di prova sarà il Sinodo

Nulla di nuovo nel documento di studio sull'esercizio "ecumenico" del primato petrino , ma per il card. Grech sarà il processo sinodale la "grande occasione" per innescare i cambiamenti . Che chiamano in causa l'essenza della Chiesa Luisella Scrosati in "La Nuova Bussola" – 14 giugno 2024 Nulla di nuovo nel documento di studio sull'esercizio "ecumenico" del primato petrino, ma per il card. Grech sarà il processo sinodale la "grande occasione" per innescare i cambiamenti. Che chiamano in causa l'essenza della Chi esa. Il Vescovo di Roma. Primato e sinodalità nei dialoghi ecumenici e nelle risposte all'enciclica Ut unum sint, è il documento frutto del lavoro del Dicastero per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, presentato ieri, giovedì 13 giugno, durante una conferenza stampa presso la Sala Stampa della Santa Sede.   Il Prefetto del Dicastero, cardinale Kurt Koch, ha subito precisato che si tratta di un documen

San Gaspare Bertoni, il predicatore della Passione di Cristo

Fondatore degli Stimmatini,  si dedicò con amore alla predicazione, in particolare sul tema della Passione di Nostro Signore . Lui stesso la visse eroicamente sul proprio   corpo, subendo quasi tr e cento operazioni alla gamba destra Antonio Tarallo nella "Nuova Bussola" – 13 giugno 202 4 «Egli appartiene a quella schiera di santi, di beati, di servi di Dio, che prodigiosamente si sviluppò in terra veneta all'inizio del secolo scorso, in mezzo a gravissime vicende di guerre, devastazioni e povertà. Consapevole, come altre anime elette di quell'epoca, che si stava scrivendo una nuova pagina di storia e che era in formazione una nuova cultura, si prodigò per una rinnovata evangelizzazione tra il popolo. Egli era convinto che la predicazione è chiamata ad affrontare contesti storici sempre diversi ed esige, in situazioni di conflittualità e di contrasto, sempre nuove riflessioni». Queste parole furono pronunciate da san Giovanni Paolo II durante l'omelia di canonizza

Il voto europeo è un sonoro 'no' a verticismo e ideologie delle élites

Il significato politico delle elezioni per l'Europarlamento  è chiaro: rifiuto dell'ideologia green, della politica dell'immigrazione senza controlli , dello strapotere dell'agenda Lgbt e dell'esasperazione dello scontro con la Russia Eugenio Capozzi in "La Nuova Bussola" – 11 giugno 2024 I risultati delle elezioni per il Parlamento europeo sono stati netti e inequivocabili. Pur nelle differenze anche sensibili tra un paese e un altro, il quadro generale è quello di una decisa svolta a destra, con il rafforzamento dei gruppi del Ppe (Partito Popolare Europeo), di Identità e Democrazia (Id) e dei Conservatori e riformisti (Ecr), il crollo dei liberal-centristi di Renew Europe e dei Verdi, la tenuta a sinistra soltanto dei socialisti.   Se si guarda poi ai grandi temi su cui si è prevalentemente imperniata la campagna elettorale e alla distribuzione di successi e insuccessi nei rispettivi paesi, la vittoria delle destre assume un significato molto preciso, a

Europee, l'avanzata delle destre provoca un terremoto politico

Exit pool e prime proiezioni vedono il Partito popolare  mantenere posizioni, ma anche il crollo di socia l isti e verdi a vantaggio  di conservatori e identitari. Batosta per Macron ch e  sciog l ie  il Parlamento e convoca le elezioni per  il 30 giugno. E il premier belga si dimette in lacrime. Il voto italiano consolida la Meloni Luca Volonté in "La Nuova Bussola" – 10mgiugno 2024 Nei giorni scorsi circa quattrocento milioni di europei hanno avuto la possibilità scegliere con il loro voto che tipo di Europa volevano nei prossimi cinque anni. Gli elettori di 27 Stati membri hanno eletto 720 membri del Parlamento europeo, che a loro volta condizioneranno composizione, politiche e provvedimenti della prossima Commissione ed il presidente della Commissione europea stessa. I primi risultati provvisori sono emersi dallo spoglio notturno di domenica.     Gli exit polls consolidati emersi nelle ore notturne vedono il PPE a 189 seggi, in leggera crescita con il 26.25%, i Socialisti

Meditazione del Vescovo alla Corona

Intervento del Vescovo Domenico Santuario della Madonna  della Corona: Pescatori e non soltanto pastori (Mc 1,16-20) Giovedì 6 giugno 2024 Rileggere il senso della visita di papa Francesco a Verona e, in filigrana, il cammino che stiamo vivendo è lo scopo di questa meditazione. Essa trae spunto dalla medesima pagina di Marco da cui eravamo partiti (ricordate?) nell'ottobre scorso. In tal modo diamo seguito alla lettera pastorale "Sul silenzio", nel quale è insito un meraviglioso potere di osservazione, di chiarificazione, di concentrazione sulle cose essenziali (pag. 9).  Papa Francesco si è introdotto con queste parole: "All'inizio del suo ministero in Galilea, Gesù passa lungo la riva del lago e posa il suo sguardo su una barca e su due coppie di fratelli pescatori, i primi che gettano le reti e gli altri che le rassettano. Si avvicina e li chiama a seguirlo (cfr Mt 4,18-22; Mc 1,16-20)".  Sotto la volta a carena di san Zeno il papa ha valorizzato l'im

“Esistete fortes in fide”.Messaggio di monsignor Viganò alla Resistenza cattolica in Polonia

"Resistete  fortes  in fide!". Messaggio di monsignor  Viganò alla resistenza cattolica in Polonia.   6 giugno 2024   Eccellenza Reverendissima, caro Mons. Michal, Reverendi sacerdoti e chierici, carissimi fedeli: permettetemi anzitutto di ringraziarvi per avermi invitato ad intervenire al vostro convegno, a difesa della Fede cattolica e a denuncia delle deviazioni della Gerarchia modernista. La vostra comunità in Polonia costituisce il nucleo della futura rinascita del Cattolicesimo nella vostra amata Patria.   La vostra fedeltà, e la fedeltà ancor più coraggiosa dei vostri Pastori vi rende oggi privilegiati: perché con gli occhi della Fede, e con l'ammaestramento della vostra Storia patria, siete in grado di riconoscere quell'epocale battaglia in corso tra Dio e Satana, che si concluderà alla fine dei tempi con la vittoria di Cristo sull'Anticristo, proprio nel momento in cui il regno del figlio dell'iniquità sembrerà al suo apogeo. Una battaglia senza quart

X Domenica

X Domenica (Mc 3,20-35) "Satana è finito"   L'uomo, sedotto dal diavolo, si ritrova smarrito e turbato.  Si nasconde; a Dio che lo cerca risponde: "Ho avuto paura" (I Lettura) . Mentre Gesù  si trova a tavola in casa di Levi, il pubblicano, i farisei e i seguaci di Giovanni Battista  gli domandano perché i suoi discepoli non stanno digiunando come loro. Gesù risponde che gli invitati a nozze  non possono digiunare mentre lo sposo è con loro; digiuneranno quando lo sposo sarà loro tolto  (Mc 2,18-20) . Così dicendo, Cristo  rivela la sua identità di Messia, Sposo di Israele, venuto per le nozze con il suo popolo. Quelli che lo riconoscono e lo accolgono con fede sono in festa e non hanno paura di Satana.  Egli però dovrà essere rifiutato e ucciso proprio dai suoi : in quel momento, durante la sua passione e la sua morte, verrà l'ora del lutto e del digiuno .  Con lo spirito nuovo di chi ha trovato in Gesù e nel suo mistero pasquale  di presenza il senso della