Post

Visualizzazione dei post da 2020

Lo Stato fa la Chiesa

C'era un tempo in cui la Chiesa indicava il bene comune e si opponeva allo Stato accentratore che pensava di imporre una propria etica. Ora la Chiesa italiana ha accettato di fatto, e sempre più nche il diritto  ceh sia lo Stato a determinare (vedi i Dpcm) cosa sia il bene comune. Il caso della Messa di mezzanotte è solo la punta dell'iceberg di una Chiesa che non fa più la Chiesa Stefano Fontana, "La Nuova Bussola" 2 Dicembre 2020 Se oggi è lo Stato che fa la Chiesa C'era un tempo in cui la Chiesa indicava il bene comune e si opponeva allo Stato accentratore che pensava di imporre una propria etica. Ora la Chiesa italiana ha accettato di fatto, e sempre più anche di diritto, che sia lo Stato a determinare (vedi i Dpcm) cosa sia il bene comune. Il caso della Messa di mezzanotte è solo la punta dell'iceberg di una Chiesa che non fa più la Chiesa. Riccardo Cascioli ha toccato il punto della questione della Messa di mezzanotte, quando ha spiegato ch

Bocciati certi virologi

Inattendibili e incoerenti i virologi che passano ore e ore al giorno a disquisire di virus in tv, ma senza curare i malati di Covid. Reputation Science ha analizzato l'esposizione mediatica e la coerenza di virologi, immunologi e medici Ruben Razzante, "La Nuova Bussola" 2 Dicembre 2020 Inattendibili e incoerenti: bocciati i virologi da salotto Virologi, epidemiologi, infettivologi, immunologi e perfino veterinari. Il festival degli specialisti in Tv non conosce soste dall'inizio della pandemia. Prima del Covid nessuno li conosceva, ora assurgono agli onori della cronaca facendo concretamente dubitare il pubblico del fatto che lavorino davvero o invece indossino il camice solo per collegarsi con i salotti televisivi. Trascorrono infatti ore e ore al giorno a disquisire di virus, ma senza in realtà curare davvero i malati di Covid, che invece sono assistiti generosamente da medici che si occupano di loro sia a domicilio (medici di base che visitano e prescrivono

Il divorzio

Il divorzio che sfasciò famiglia e società Gianfranco Amato, "La Nuova Bussola" 2020 Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L'indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Poco prima del sorgere dell'alba del 1 dicembre 1970, al termine di una tra le sedute notturne più lunghe nella storia del Parlamento italiano, l'allora presidente della Camera dei deputati, il socialista Sandro Pertini, annunciò l'approvazione definitiva della contrastata proposta di legge "Fortuna-Baslini" (dal nome dei due deputati che l'avevano promossa), la quale prevedeva l'introduzione dell'

Solleviamo lo sguardo

Chiamati a guardare in alto, è difficile sollevare lo sguardo. (Osea 11,7) Qui sta la crisi. Questo è il fondamento del problema. La vera emergenza che stiamo vivendo è quella indicata in modo lucido e puntuale da un profesta vissuto 3 mila anni fa: " "Chiamati a guardare in alto Nessuno sa sollevare lo sguardo" (Osea 11,7) il tempo di Avvento è il tempo opportuno. "La nuova Bussola" 2 Dicembre 2020 Qui sta la crisi. Questo è il fondamento del problema. La vera emergenza che stiamo vivendo è quella indicata in modo lucido e puntuale da un profeta vissuto quasi 3mila anni fa: non saper sollevare lo sguardo. L'errore, anzi, chiamiamolo col suo nome, il peccato è quello di non saper convertire la nostra attenzione, il nostro giudizio e il nostro cuore davanti a una prova come il Covid-19 che la storia ci sta ponendo davanti. L'errore, anzi, il peccato sta in una lettura dei fatti che lascia che siano la morte e la malattia a definire il valore de

Governo di minoranza

Come fa il Pd, che straperse le elezioni del 2018 (Minimo storico), a stare al governo? E perché l'Italia ha un governo di minoranza? Ecco il motivo…Lo Straniero Antonio Socci, "Lo Straniero", 1 Dicembre 2020 Di sicuro "Il Fatto quotidiano" non ha alcuna simpatia per l'opposizione di centrodestra ed anzi è vicino al governo. Ebbene ieri, sopra la testata (dove Marco Travaglio ogni giorno sintetizza in una frase il suo giudizio sulle notizie del giorno), si leggeva: "Sondaggi: Pd e M5S hanno 2 punti sotto le Europee del 2019. Ma, anziché fare autocritica, reclamano il rimpasto. Sicuri che il loro problema sia il governo?". Il riferimento è al sondaggio pubblicato sabato scorso dal "Corriere della sera" dove in effetti il Pd ha il 2,1 per cento in meno rispetto alle Europee del 2019 e 2,1 per cento in meno ha pure il M5S (il quale retrocede a quarto partito, sorpassato da Fratelli d'Italia). Questi due partiti sono in calo p

L'appello alla santità

La Regina della pace nelle apparizioni non escluse di Anguera parla, nei suoi messaggi dal 1987 fino ad oggi, più di 500 volte della santità. Più che complesse catechesi, si trovano appelli continui ad intraprendere questa strada e a perseverarvi fino alla fine perché è l'unica vera strada per il cristiano, discepolo di Gesù e figlio di Maria: solo la santità dura in eterno mentre tutto il resto passa svanisce per sempre e l'Immacolata ce lo fa volere anche in questa novena "Gloria.tv" 1Dicembre 2020 È volontà di Dio certa per ciascuno di noi, infallibile. Dio crea tutti per la santità. Perché è sempre vera e sempre valida l'equivalenza: santità = Paradiso e Dio crea tutti per il Paradiso eterno, non destina nessuno all'Inferno e nemmeno in Purgatorio. Esso esiste a causa delle piccole e medie infedeltà verso Dio. Egli non le vuole: il Purgatorio è, in realtà, un atto di infinita misericordia di Dio per salvare dall'Inferno coloro che non muoiono in di

Concilio Vaticano II

Nel bel libro Christus vincit. Il trionfo di Cristo sulle tenebre del nostro tempo, nel quale monsignor Athanasius Schneider  risponde alle domande di Diane Montagna su numerosi argomenti riguardanti la fede e la Chiesa, un intero capitolo, l'ottavo, è dedicato a un esame del Concilio Vaticano II, e Aldo Maria Valli ritiene che le considerazioni del vescovo Schneider vadano prese in considerazione Aldo Maria Valli, "Duc in altum", 30 Novembre 2020 Nel bel libro Christus vincit. Il trionfo di Cristo sulle tenebre del nostro tempo, nel quale monsignor Athanasius Schneider risponde alle domande di Diane Montagna su numerosi argomenti riguardanti la fede e la Chiesa, un intero capitolo, l'ottavo, è dedicato a un esame del Concilio Vaticano II, e mi sembra che le considerazioni del vescovo Schneider vadano prese in considerazione. Monsignor Schneider ricorda di aver incominciato a riflettere sulla crisi della Chiesa quando aveva quindici anni. Fu allora, alla metà

Sant'Agostino risponde

Sant'Agostino risponde a chi ha stravolto il Padre Nostro Dai discorsi di Sant'Agostino, vescovo Disc. 256,1.2.3; PL 38,1191-1193 Cantiamo l'alleluia a Dio che è buono, che ci libera da ogni male Cantiamo qui l'alleluia, mentre siamo ancora privi di sicurezza, per poterlo cantare un giorno lassù, ormai sicuri. Perché qui siamo nell'ansia e nell'incertezza. E non vorresti che io sia nell'ansia, quando leggo: Non è forse una tentazione la vita dell'uomo sulla terra? (cfr. Gb 7,1). Pretendi che io non stia in ansia, quando mi viene detto ancora: «Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione»? (Mt 26,41). Non vuoi che io mi senta malsicuro, quando la tentazione è così frequente, che la stessa preghiera ci fa ripetere: «Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori»? (Mt 6,12). Tutti i giorni la stessa preghiera e tutti i giorni siamo debitori! Vuoi che io resti tranquillo quando tutti i giorni devo domandare p