sabato 28 luglio 2018

Lucidità profetica con l'Humana Vitae di Paolo VI

Con l’”Humanae vitae” Paolo VI aveva ragione. “L’Osservatore Romano” detta la linea

Di Lucetta Scaraffia 25 luglio 2018
Cinquant’anni dopo la pubblicazione, l’enciclica "Humanae vitae" di Paolo VI si presenta agli occhi degli uomini di oggi in modo completamente diverso. Nel 1968 era un documento coraggioso – e quindi controverso – che andava contro l’aria del tempo, quella della rivoluzione sessuale, per realizzare la

venerdì 27 luglio 2018

Immigrazione: ascoltare i vescovi africani

Siccome gli emigranti illegali sono per lo più giovani maschi originari dell’Africa sub-sahariana, occorre decidersi a parlare con i vescovi africani

Anna Bono in La Nuova Bussola Quotidiana 24-07-2018
Un “esercito di poveri, vittime di guerre e fame”. Così la Presidenza della Conferenza episcopale italiana definisce gli emigranti. Un'immagine stereotipata e ben lontana dalla realtà. Le cifre dimostrano che questo "esercito" è una piccola minoranza in un mare di clandestini

Un “esercito di poveri, vittime di guerre e fame”. Così la Presidenza della Conferenza episcopale italiana definisce gli

mercoledì 25 luglio 2018

Domenica XVII anno B

Nell’Eucaristia il crocefisso risorto moltiplica ogni giorno l’attualizzazione del suo sacrificio per donarci la capacità di amare  come Dio ci ama in tutti come figli, come fratelli 

Nell’odierna domenica abbiamo iniziato la lettura  del capitolo 6° del Vangelo di Giovanni. Il capitolo si apre con la scena della moltiplicazione dei pani, che poi Gesù commenta nella sinagoga di Cafarnao, indicando in Se stesso il ”pane” disceso da cielo, che dona la vita di figli nel Figlio di Dio che

L'accoglienza va fatta con la possibilità di integrare

La politica dell’accoglienza deve coniu-garsi con la difficile opera dell’integrazione. Ma con quale civiltà?

Non possiamo non renderci conto dei tanti progetti e tentativi volti ad annullare, anche con l’immigrazione, le identità dei popoli, perché ciascun uomo sia più solo e debole, sganciato dai riferimenti culturali di una comunità in cui possa identificarsi fi-no in fondo: lo possiamo costatare dalla

venerdì 20 luglio 2018

Garantire ai popoli la possibilità di non emigrare

“Come garantire ai popoli la possibilità di non emigrare, di vivere nella propria terra e offrire là dove si è nati il proprio contributo al miglioramento sociale” (Mons. Antonio Suetta)

Il Vescovo di Ventimiglia risponde alla lettera della CEI sull’immigrazione

Carissimi,
leggendo con attenzione la Vostra lettera, ho ritenuto di dover rispondere alle Vostre riflessioni innanzitutto a partire dall’esperienza della Chiesa di Ventimiglia San Remo, da qualche anno fortemente coinvolta dal fenomeno dell’immigrazione, passando da qui una delle principali rotte dei migranti prevalentemente africani e provenienti dal Sud

Humanae Vitae dopo cinquant'anni

A cinquant’anni dalla pubblicazione dell’enciclica di Paolo VI “Humanae vitae”. “ringrazierete Dio e me”
Da Settimo cielo di Sandro Magister 19 luglio 2018
Erano passati vent'anni dalla pubblicazione di "Humanae vitae" e papa Karol Wojtyla, il 12 novembre 1988, colse l'occasione per difenderla come di più non si può, scolpendo nella roccia parole come le seguenti:
"Non si tratta di una dottrina inventata dall’uomo: essa è stata inscritta dalla mano creatrice di Dio nella stessa natura delta persona umana ed è stata da lui confermata nella rivelazione. Metterla in discussione, pertanto, equivale a

Domenica XVI anno B

Oggi la liturgia ci propone come Gesù vede la vita pastorale dei suoi apostoli, pieno di compassione, perché si rende conto che la gente, senza il suo ministero sacerdotale cioè di chi agisce in persona di Lui, è come pecore senza pastore

Il Vangelo riferisce che gli apostoli, dopo la prima missione ritornano da Gesù e gli raccontano quello che hanno fatto e insegnato, secondo le istruzioni ricevute da Lui. Essi non

lunedì 16 luglio 2018

Sinodo dei Vescovi: I Giovani, la Fede e il Discernimento vocazionale

Una risposta al documento finale del pre-sinodo 2018

Parte I
Prefazione: Siamo un gruppo di giovani cattolici, di età compresa tra i 16 e i 29 anni, che praticano e vivono in modo appassionato la fede, nell’adesione al Magistero e al Catechismo della Chiesa Cattolica. Alla luce del processo e delle discussioni del Gruppo Facebook di lingua inglese per il “Pre-Synod Meeting on the Youth”, ci siamo formati in modo naturale e spontaneo riscontrando non rappresentati o insufficientemente rappresentati i nostri appelli ad una

Lo gnosticismo oggi

Clicca per info
Di Thomas Gr. Weinandy, OFM, Cap. in “Messainlatino” 13/luglio/2018.

Si discute molto oggi sulla presenza di un nuovo gnosticismo all'interno della Chiesa cattolica. Un po’ di quello che è stato scritto è utile, ma molto di ciò che è stato descritto come un "revival" di questa eresia ha poco a che fare con il suo antico antecedente. Inoltre, le attribuzioni di questa antica eresia a varie correnti all'interno del cattolicesimo contemporaneo

Le coneseguenze morali della svolta antropologica antimetafisica

Dalla svolta antropologica antimetafisica alla duplice dimensione della persona umana ovvero umana e cristiana, individuale e collettiva, privata e pubblica e dunque alla dottrina dei due ordini morali, a uno sdoppiamento della morale tra dottrina e prassi, una schizofrenia etica della gradualità della legge

Com’è attuale il richiamo alle conseguenze delle teorie opposte al magistero da parte di san Giovanni Paolo II insegnando con la Veritatis Splendor già 25 anni fa, quasi in modo profetico, come se avesse visto il nostro presente con

martedì 10 luglio 2018

Domenica XV anno B

Tutta la storia, anche nell’attuale crisi del secolarismo, ha come centro Cristo, il quale garantisce anche novità e rinnovamento in ogni epoca

Oggi, 15 luglio, nel calendario liturgico è la memoria di san Bonaventura da Bagnoreggio, francescano, Dottore della Chiesa, successore di San Francesco d’Assisi alla guida dell’Ordine dei Frati Minori. Egli scrisse la prima biografia ufficiale del Poverello, e alla fine della vita fu anche Vescovo

venerdì 6 luglio 2018

L'opzione Benedetto

Clicca per info
L’Opzione Benedetto di Rod Dreher perché la vita della Chiesa locale nelle Unità Pastorali conservi una presenza capillare in mezzo alla gente di ogni età e condizione in un mondo culturalmente post-cristiano
Quando Benedetto XVI nel 2006 venne a Verona per il IV Convegno Ecclesiale Nazionale affermò: “L’Italia … costituisce ancora un terreno assai favorevole per la testimonianza cristiana. La Chiesa, infatti, qui attraverso le parrocchie è una realtà molto viva, che conserva una presenza capillare in mezzo alla gente di ogni età e condizione”. Come far sì che ciò

mercoledì 4 luglio 2018

Domenica XIV anno B

Maria, mamma come tutte le mamme, non si scandalizza di suo Figlio: la sua meraviglia per Lui è piena di fede, è piena di amore e di gioia, nel vederlo così umano come tutti i bambini e insieme così divino
Ritengo utile soffermarmi brevemente sul brano del Vangelo di questa domenica, un testo da cui è  tratto il celebre detto, cioè nessuno è bene accetto tra la sua gente, che lo ha visto

L'Europa ha dimenticato le sue radici cristiane

L’Europa ha dimenticato le sue radici cristiane. Ratzinger lo aveva preannunciato già nel 1969 quando, in qualche modo profetizzando il futuro della Chiesa cattolica, aveva parlato dell’irrilevanza cui sarebbe destinata la nostra religione. Costretta a ripartire da piccoli gruppi e da una posizione minoritaria

Il primo atteggiamento di fronte a questo momento storico è suggerito da Benedetto XVI: “Fa parte del divenire cristiani l’uscire dall’ambito di ciò che tutti pensano e vogliono, dai criteri dominanti, per entrare nella luce della verità sul nostro e altrui essere dono, di tutto il mondo che ci circonda e, con

Comunione sacramentale

La Comunione? Chiunque voglia ricevere sacramentalmente il Corpo e il Sangue di Cristo deve essere già inserito nel corpo di Cristo, che è la Chiesa, attraverso la confessione della fede e il battesimo sacramentale
Di Gerhard Muller in La Nuova Bussola 30-04-2018
Secondo il Cardinale Reinhard Marx, i vescovi tedeschi hanno di recente preparato delle linee guida che contemplano la possibilità di ammettere alla Santa Comunione dei protestanti che sono sposati con un coniuge