giovedì 14 agosto 2014

Papa Francesco e il principe di questo mondo

C’è l’azione ordinaria e straordinaria del Maligno. L’azione straordinaria che avviene attraverso il tormento dei corpi, pur essendo una realtà sconvolgente e drammatica e che necessita il ministero dell’esorcista, non è l’attività primaria dell’azione demoniaca. L’attività più subdola, deleteria e devastante è altra. Le possessioni, che oltretutto sono rare, le vessazioni, le ossessioni sono la punta di un immenso iceberg. E’ della massa sommersa dell’iceberg che dobbiamo anche preoccuparci. E Papa Francesco nelle sue omelie a Santa Marta ce ne offre una panoramica

15 aprile 2013: 
“Stefano, il primo martire della Chiesa, è una vittima della calunnia. E la calunnia è peggio di un peccato: la calunnia è un’espressione diretta di Satana. La lettura degli Atti degli Apostoli  presenta Stefano, uno dei diaconi nominati dai discepoli, che viene trascinato davanti al Sinedrio per via della sua testimonianza del Vangelo, accompagnata da segni straordinari. E davanti al Sinedrio – si legge nel testo – compaiono ad accusare Stefano “falsi testimoni”. Poiché “non andava bene la lotta pulita, la lotta tra