Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2019

Perché deve essere la Chiesa a darsi un volto amazzonico e non l'Amazzonia darsi un volto cattolico

Penso utile offrire la relazione di Stefano Fontana presentata al Convegno internazionale "Sinodo dell'Amazzonia: la posta in gioco". Il centro è: Perché deve essere la Chiesa a darsi un volto amazzonico e non l'Amazzonia a darsi un volto cattolico? Siamo di fronte a due paradigmi teologici
Tre errori nell'approccio al sinodo  Nell'affrontare il sinodo sull'Amazzonia bisogna porre attenzione a non compiere tre errori. Il primo errore consiste nel considerare il sinodo, le sue tematiche e l'approccio teologico che emerge dall'Instrumentum laboris (IL), come nati da esigenze di questi nostri tempi, come qualcosa che non ha una storia alle spalle e non risente degli effetti di un lungo periodo di innovazioni teologiche. Il sinodo sarebbe qualcosa di nato dalle esigenze di oggi, come un fungo che nasce nel bosco nel giro di una notte. Andrebbe considerato quindi privo di

Domenica XXXI

Gesù per risvegliare in tutti la capacità di conversione è attento a loro, vuole tutti salvi anche il pubblicano, il peccatore Zaccheo disonesto e a servizio di una potenza pagana
Oggi la liturgia presenta alla nostra meditazione il noto episodio evangelico dell'incontro, dello sguardo di Gesù con Zaccheo su di un albero nella città di Gerico. Chi era Zaccheo? Un uomo ricco che di mestiere faceva il "pubblicano", cioè l'esattore delle tasse per conto dell'autorità romana pagana, e proprio per questo, come pure per la disonestà, veniva considerato pubblico peccatore, da evitare. Avendo saputo che Gesù, noto perché non si fermava a

Le tre religioni monoteiste pur nella diversita ci mettono la firma L'eutanasia va vietata

Il 28 ottobre è stata presentata in Vaticano da parte di ebrei, cristiani e musulmanila Dichiarazione congiunta delle religioni monoteiste abramitiche sulla problematica della fine vita. Il documento è stato proposto dal rabbino Avraham Steinberg, vicepresidente del Consiglio nazionale israeliano di bioetica, a papa Francesco che l'ha affidata alla Pontificia accademia per la vita. La stesura quindi è stata realizzata da un gruppo congiunto interreligioso, formato da ebrei, musulmani, ortodossi e cattolici e coordinato dalla Pontificia accademia. L'elemento comune è il monoteismo abramitico, distinto dal compimento cristologico trinitario per ortodossi e cattolici. Ho attinto da L.Ber. in La Verità del 29 ottobre 2019. "È netto il "no" all'eutanasia e al suicidio medicalmente assistito, che "sono moralmente e intrinsecamente sbagliati e

Lettera aperta di mons. Schneider a condanna dell'abominio idolatrico

Lettera aperta di mons. Schneider a condanna dell'abominio idolatrico consumatosi al sinodo per l'Amazzonia In Corrispondenza Romana 28 ottobre 2019 1. «Non avrai altri dei davanti a Me», dice il Signore Iddio, come il primo dei Comandamenti (Es 20, 3). Consegnato originariamente a Mosè e al popolo ebraico, questo comando rimane valido per tutte le persone e tutte le epoche, poiché Dio ci dice: «Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai» (Es 20, 4-5). Nostro Signore Gesù Cristo osservò perfettamente questo comandamento. Quando Gli furono offerti i regni del mondo se solo Egli si

In questo momento i fedeli sono allarmati

Immagine
I fedeli sono allarmati. "E anche Bergoglio di recente ha riconosciuto che qualcuno sta meditando umo scisma. Cosa che egli comunque dice di non temere" (Vittorio Messori) Parte dell'intervista di Stefano Filippi a Vittorio Messori per la riedizione di "Ipotesi su Gesù" in LaVerità del 28 ottobre 2019 Il libro "Ipotesi su Gesù" uscì nel 1976, nel pieno degli anni di piombo. "Era l'anno in cui per la prima volta i voti al Pci superarono quelli della Dc. Il clima non era certo favorevole a un testo sulla storicità dei Vangeli. Ma il mondo cattolico era ancora numeroso. Ora i cattolici sono più che dimezzati. Direi però che i superstiti sono più motivati e più informati di un tempo,

È grave l'attuale situazione della Chiesa

Martin Hahnel ha individuato cinque punti nel testo non vincolante offerto a papa Francesco in vista della preparazione dell'apposita esortazione post-sinodale: l'idea di progresso ha sostituito la Provvidenza, una morale senza più il paradigma della verità e della ragione, la mondanizzazione della Chiesa, l'abbandono del sensus fidei e infine ragioni economiche. Un'agenda in cui il Papa rischia di farsi complice e per il quale dobbiamo pregare molto in questo momento Nico Spuntoni presenta i contenuti del Documento finale del Sinodo in "La Nuova Bussola Quotidiana" 27-10-2019 I 185 padri sinodali aventi diritto hanno votato il documento finale del Sinodo speciale dei Vescovi per la Regione Panamazzonica. Il testo non è vincolante ma sarà offerto a papa Francesco in vista della preparazione dell'apposita

Manipolare il Sinodo sull?Amazzo nia sarebbe un insulto a Dio

«Sono scioccato e indignato per il fatto che il disagio spirituale dei poveri in Amazzonia venga usato come pretesto per sostenere progetti tipici del cristianesimo borghese e mondano», come l'abolizione del celibato e l'ordinazione delle donne. «Il declino della fede nella Presenza reale di Gesù Eucaristia è al centro dell'attuale crisi della Chiesa». «Alla radice di tutte le crisi, antropologiche, politiche, sociali, culturali, geopolitiche, c'è l'oblio del primato di Dio». Oggi siamo

Solennità di tutti i santi, memoria dei nostri caridefunti

Sul fondamento della Pasqua di Cristo, celebrata in aprile, della Pasqua di Maria in agosto, la celebrazione della nostra Pasqua nella solennità di tutti i Santi, nella memoria dei nostri cari in Paradiso o nel pre-paradiso cioè nel Purgatorio
Il primo novembre abbiamo la gioia di incontrarci nella solennità di Tutti i Santi e nel pomeriggio con tutti i nostri cari Defunti in Paradiso o nel pre-paradiso del Purgatorio:

Domenica XXX

Umiltà, fiducia e perdono  sono atteggiamenti che dobbiamo sempre coltivare nella preghiera
Nel Vangelo Gesù dà ora molti insegnamenti sulla preghiera, insiste sulla necessità delle preghiere di ogni giorno e della continua preghiera cioè di innalzare mente e cuore continuamente a Lui. In questa domenica richiama le

Domenica XXIX

Dio è una persona; anzi, sono tre persone nell'unico essere divino che è amore, il Padre, l'eternamente amante, il Figlio, l'eternamente amato, lo Spirito Santo, l'eterno amore che possono storicamente intervenire con esseri liberi se consapevoli e liberamente accoglienti e questo avviene nella preghiera con fede
La liturgia di questa domenica ci offre una consapevolezza significativa, richiamata anche da tutte le riconosciute o presunte apparizioni: la necessità di pregare sempre cioè le preghiere e la preghiera o innalzare continuamente mente a

Il primato della verità sulla bontà

Immagine
Due criteri per discernere la presenza di un'autentica voce della coscienza: essa non coincide con i propri desideri e coi propri gusti; essa non si identifica con ciò che è socialmente più vantaggioso, col consenso di gruppo o con le esigenze del potere politico o sociale

Il cardinale Joseph Ratzinger sul Il Sabato del 1991  […] A questo punto vorrei fare una breve digressione. Prima di tentare di formulare risposte coerenti alle questioni sulla natura della coscienza, occorre che allarghiamo un po' le basi della riflessione, al di là della dimensione personale da cui abbiamo preso l'avvio. Per la verità non ho l'intenzione di sviluppare qui una dotta trattazione sulla storia delle teorie

Newman denuncio gli errori del liberalismo religioso, teologico

Immagine
Il cardinale John Henry Newman, proclamato santo da Papa Francesco nove anni dopo la beatificazione celebrata da Benedetto XVI a Birmingham, è uno dei pensatori più importanti della Chiesa cattolica degli ultimi due secoli in rapporto al rischio del liberalismo religioso e teologico Intervista, in LaVerità del 13 ottobre 2010, di Lorenzo Bertocchi al vescovo di Ivrea, monsignor Edoardo Aldo Cerrato, prete dell'Oratorio come Newman fin dalla conversione nel 1845 Monsignor Cerrato, come spiegherebbe la figura di Newman a chi non lo conosce? "Per spiegargli occorrerebbe un po' di tempo; come qui, nell'intervoista. Allora direi: è un uomo, un sacerdote, uno studioso che ha cercato instancabilmente la verità tar ombre e apparenze, per mezzo delal ragione e del cuore; e incontratala la testimoniò con le sue opere e la sua vita: Uno

Un missionario al sinodo Sull'Amazzonia spiega in che cosa la Chiesa sbaglia

Un missionario chiamato dal Papa al Sinodo sull'Amazzonia spiega in che cosa la Chiesa sbaglia e con chiarezza tagliente affronta le questioni cruciali, a cominciare dalla diffusa richiesta – che egli respinge – di ordinare sacerdoti degli uomini sposati.
Padre Martin Lasarte in Sandro Magister 12 ottobre 2019 Si dice che l'ordinazione sacerdotale di laici sposati nelle comunità lontane è necessaria, perché il prete difficilmente le può raggiungere. A mio modo di vedere, l'impostazione del problema in questi termini pecca di un enorme clericalismo. […] Si è creata una Chiesa con poco o nessun protagonismo

Serve gioia, non vacuo ottimismo

Serve gioia, non vacuo ottimismo Cardinale Luis Antonio Gokim Tagle, arcivescovo di Manila, in "Il Foglio" 12-X-2019 "Il termine "conversione" nel Nuovo Testamento compare nella forma greca di metanoia, che significa letteralmente "cambiare strada". La conversione, nella tradizione cristiana, almeno nella sua accezione comune, ha assunto nel tempo il significato allargato di "cambiare vita", indicando così la decisione di abbandonare atteggiamenti invischiati

Chi è contro il Papa è ipso facto fuori dalla Chiesa. La Provvidenza ci vede benissimo (Sarah)

"Bisogna sempre interpretareleparole di Papa Francesco con l'ermeneutica della continuità con Benedetto XVI. Così come vi era tra Giovanni Paolo II e Paolo VI" (Sarah) Intervista di Gian Guido Vecchi al cardinale Roberto Sarah in "Roma/Cronaca Corriere della Sera" Molti hanno letto o leggeranno il suo libro in contrapposizione al pontificato attuale. D'altra parte il testo è dedicato sia a Benedetto XVI sia a Francesco, «figlio fedele di Sant'Ignazio». Dove sta la verità?
«La verità è che tanti scrivono non per testimoniare la verità, ma per opporre le persone le une contro le altre, per danneggiare i rapporti umani. A costoro non importa la verità. La verità è che coloro che mi oppongono al Santo Padre non possono presentare una sola mia parola, una sola mia frase

Domenica XXVIII

È la fede, ridonando l'amore, che salva l'uomo, ristabilendolo nella verità del suo ed altrui essere dono del Donatore divino, come di tutto il mondo che lo circonda  Il Vangelo di questa domenica presenta Gesù che guarisce dieci lebbrosi, dei quali solo uno, samaritano e dunque straniero cioè non appartenente al popolo di Dio, non ebreo, torna a ringraziarlo (Lc 17, 11.19). Al samaritano riconoscente il Signore dice: "Alzati e va'; la tua fede ti ha salvato!" (Lc 17,19). Solo questo samaritano ascolta dalla

Il Motu proprio Aperuit illis sulla Parola di Dio in rapporto al Sinodo

Basterebbe leggere il meraviglioso motu proprio di Papa Francesco sulla Parola di Dio, sulla Rivelazione, Aperuit illis, per trarre utili suggerimenti al fine di coprire le lacune dell'Instrumentum laboris del Sinodo amazzonico Matteo Matzuzzi pubblica sul "Il Foglio" del 7 ottobre 2019 un'intervista al cardinale Gerhard Ludwig Muller e da quella del giornalista ho preso Il porporato osserva "che alcuni vogliono usare e strumentalizzare questo Sinodo per promuovere una loro agenda finalizzata a dare il via libera all'ordinazione delle donne, a mettere in discussione il celibato sacerdotale e l'autorità ecclesiastica, vista come un mero potere politico". Il Sinodo dice, "avrà conseguenze sulla chiesa universale,

L'ultimo libro del Card. Robert Sarah disponible!

Immagine
Card. Robert Sara, Si fa sera e il giorno ormai volge al declino€ 24,90 € 22,50

«Alla radice della decadenza dell'Occidente c'è una crisi culturale e identitaria. L'Occidente non sa più chi è perché non sa più, e non vuole sapere, chi lo ha plasmato...». L'affermazione del cardinale Robert Sarah esprime con precisione l'intenzione del suo terzo libro di conversazioni con Nicolas Diat. La conclusione a cui perviene è semplice e insieme impietosa: il nostro mondo è sull'orlo di un abisso. Crisi della fede e della Chiesa, declino dell'Occidente, relativismo morale, mondialismo sfrenato, capitalismo selvaggio, nuove ideologie, inaridimento della politica, derive da totalitarismo islamista... È necessario tentare una diagnosi senza invocare pretestuose attenuanti. Non si tratta però soltanto di prendere in esame il grande cambiamento cui è andata incontro la nostra epoca: richiamando l'attenzione sulla gravità della situazione che stiamo attraversando, il car…

Le sofferenze dei veri cattolici

Il pastore che svilisce la dottrina cristiana ha scelto di indossare la maschera di Giuda. "Perdonatemi se alcune mie parole vi scandalizzeranno", scrive il cardinale Sarah. "Non voglio anestetizzarvi con propositi rassicuranti e ingannevoli. Non vado in cerca di successo o di popolarità. Questo libro 'Si fa sera e il giorno ormai volge al declino' è il grido della mia anima". Robert Sarah da "LaVerità" di venerdì 4 ottobre 2019 "Permettetemi di meditare con voi sulla figura di Giuda. Come tutti gli apostoli lo aveva chiamato Gesù. Egli lo amava! Lo aveva inviato ad annunciare la buona novella. Ma a poco a poco il dubbio si è impadronito del suo cuore. Senza rendersene conto, ha iniziato a giudicare

Noi cattolici siamo, senza eccezione, leali al Papa e ai vescovi in comunione con lui

Noi Cattolici siamo, senza eccezione, leali a Papa Francesco e ai vescovi in comunione con lui. Questa è l'essenza del mandato del Papa, che riunisce ancora e ancora di nuovo i discepoli e che li riunisce nella professione di San Pietro che, quando gli viene chiesto da Gesù cosa la gente pensi Chi io sia, pronuncia la professione della Chiesa di tutte le epoche: "Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente" (Mt 16,16). E disse questo senza prestare attenzione alle opinioni volubili della gente Riportiamo la traduzione di Corrispondenza Romana (03 ottobre 2019), autorizzata, di un'importante dichiarazione di Sua Eminenza il cardinale Gerhard Ludwig Muller, prefetto emerito della Congregazione per la dottrina della fede. A me, don Gino, sembra un metodo oggi per essere, come Cattolici, leali a Papa Francesco e ai vescovi in comunione con lui.  L'istanza sulla quale il Sinodo dell'Amazzonia dovrà deliberare, cioè se il Sacramento degli Ordini Sacri – in primo grad…

8° Festival nazionale di Fede & Cultura

Immagine
Iscriviti adesso all'8° Festival nazionale di Fede & Cultura che sarà a Verona domenica 17 novembre 2019! Aldo Maria Valli, Mons. Nicola Bux, Don Ernesto Zucchini, Stefano Fontana, Ettore Gotti Tedeschi e molti altri grandi cattolici e apologeti per una giornata di Fede, cultura e spiritualità!!! Prenotazioni da ora stesso! https://associazione.ecwid.com/Contributo-8°-Festival-nazionale-di-Fede-&-Cultura-p121587993

Il cardinale Marc Quellet denuncia i pericoli dei sinodi d'Amazzonia e Germania

Nel capitolo introduttivo del libro "Amici dello Sposo" il cardinale Marc Ouellet antepone alla questione del celibato del clero un'altra questione ancor più capitale, che è appunto la stessa su cui Giovanni Paolo II e l'allora cardinale Joseph Ratzinger ritennero di dover pubblicare la "Dominus Jesus", non a caso la più contestata e discussa dichiarazione dottrinale della Chiesa dell'ultimo mezzo secolo. In "Settimo Cielo" di Sandro Magister, 2 ottobre 2019 Scrive il cardinale: "i nuovi cammini del futuro porteranno frutti evangelici se sono coerenti con un annuncio integrale del Vangelo, 'sine glossa', che nulla sacrifica dei valori permanenti della tradizione cristiana. […] Sotto questa luce, cercare vie nuove per l'evangelizzazione degli autoctoni in Amazzonia significa

Peccati carnali, la porta che apre a quelli spirituali

Peccati di natura sessuale meno gravi di quelli più spirituali? Sì, ma la frase del Papa pronunciata ai gesuiti è una mezza verità che contiene un grande rischio pastorale: i peccati carnali non sono mai da soli e sono la porta verso forme di insensibilità che conducono a peccati più alti o spirituali. Il risultato è quello di far abbassare le difese e spianare la strada ai peccati più alti o spirituali. Ecco un po' di documentazione. Dalla "Bussola Quotidiana" di Riccardo Barile, 30 settembre 2019 «Una delle dimensioni del clericalismo è la fissazione morale esclusiva sul sesto comandamento. Una volta un gesuita, un grande gesuita, mi disse di stare attento nel dare l'assoluzione, perché i peccati più gravi sono quelli che

Domenica XXVII

Tutti i testi della liturgia di questa prima domenica del mese missionario ci parlano della fede: senza la fede non c'è l'amore cristiano, senza la fede non c'è la speranza. Perciò l'enorme importanza per la nostra vita e per la vita di tutti
Gesù ha educato i suoi discepoli a essere convinti dell'importanza della fede, della fiducia in Lui, il Figlio del Padre che per opera dello Spirito Santo ha assunto nel grembo verginale di Maria un volto umano, ha vinto la morte morendo, la sofferenza soffrendo e Risorto alla destra del Padre si fa sacramentalmente presente nel suo corpo che è la Chiesa per la salvezza e la felicità di tutti quelli che