Le sofferenze dei veri cattolici

Il pastore che svilisce la dottrina cristiana ha scelto di indossare la maschera di Giuda. "Perdonatemi se alcune mie parole vi scandalizzeranno", scrive il cardinale Sarah. "Non voglio anestetizzarvi con propositi rassicuranti e ingannevoli. Non vado in cerca di successo o di popolarità. Questo libro 'Si fa sera e il giorno ormai volge al declino' è il grido della mia anima".  
Robert Sarah da "LaVerità" di venerdì 4 ottobre 2019
"Permettetemi di meditare con voi sulla figura di Giuda. Come tutti gli apostoli lo aveva chiamato Gesù. Egli lo amava! Lo aveva inviato ad annunciare la buona novella. Ma a poco a poco il dubbio si è impadronito del suo cuore. Senza rendersene conto, ha iniziato a giudicare
l'insegnamento di Gesù. Si è detto: questo Gesù è troppo esigente, poco efficace. Giuda ha preteso di realizzare il regno di Dio sulla terra, all'istante, con strumenti umani e secondo il proprio personale disegno. Eppure, aveva udito Gesù rivolgersi anche a lui: "I miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie" (Is 55,8).
Nonostante tutto, Giuda si è allontanato. Non ha più voluto ascoltare Cristo. Non lo ha più accompagnato in quelle lunghe notti di silenzio e preghiera. Si è rifugiato nelle preoccupazioni mondane. Si è occupato della borsa, del denaro e del commercio. L'impostore continuava a seguire Cristo, ma non gli credeva più. Mormorava. La sera del giovedì santo, il Maestro gli ha lavato i piedi. Il suo cuore doveva essere così indurito da non lasciarsi toccare. Il Signore era davanti a lui, in ginocchio, come un umile servo che lava i piedi a colui che l'avrebbe tradito. Gesù ha posto su di lui un'ultima volta il suo sguardo pieno di dolcezza e di misericordia. Ma il diavolo si era già introdotto nel cuore di Giuda. Egli non ha abbassato lo sguardo. Avrà pronunciato interiormente l'antica espressione: non serviam,  "non servirò". Durante la cena si è comunicato quando ormai il suo progetto era già compiuto. Fu la prima comunione sacrilega della storia. E ha tradito.
Giuda è per l'eternità il nome del traditore e oggi la sua ombra incombe su di noi. Sì, come lui, anche noi abbiamo tradito! Abbiamo abbandonato la preghiera. Il male di un efficiente attivismo si è infiltrato dappertutto. Cerchiamo di imitare l'organizzazione delle grandi imprese. Ma dimentichiamo che solo la preghiera è il sangue che può irrorare il cuore della Chiesa. Diciamo di non avere tempo da perdere. Vogliamo utilizzare questo tempo per operare socialmente utili. Chi non prega più, però, ha già tradito. E' ormai disposto a ogni compromesso con il mondo. Si è avviato sulla strada di Giuda. 
Sopportiamo ogni contestazione. La dottrina cattolica viene messa in dubbio. In nome di sedicenti posizioni intellettuali certi teologi si divertono a decostruire i dogmi, a svuotare la morale del suo significato profondo. Il relativismo è la maschera di Giuda travestito da intellettuale. Come meravigliarsi se poi veniamo a sapere che tanti sacerdoti infrangono le loro promesse? Relativizziamo il senso del celibato, rivendichiamo il diritto a una vita privata, tutte cose in contrasto con la missione del sacerdote. Alcuni arrivano persino a rivendicare il diritto di esercitare comportamenti omosessuali. Tra i sacerdoti e tra i vescovi si susseguono scandali.
Il mistero di Giuda si dilata. A tutti i sacerdoti voglio dire: siate forti e retti. Certo, per colpa di qualche ministro sarete tutti etichettati come omosessuali. La Chiesa cattolica verrà infangata. Sarà presentata come composta da preti ipocriti e avidi di potere. Non sia turbato il vostro cuore. Il venerdì santo, Gesù si è caricato di tutti i peccati del mondo, mentre Gerusalemme gridava: "Crocifiggilo! Crocifiggilo!". Nonostante le inchieste tendenziose che vi presentano a situazione disastrosa di ecclesiastici irresponsabili dall'anemica vita interiore, che sono posti addirittura al comando della Chiesa, siate sereni e fiduciosi come la Vergine e san Giovanni ai piedi della croce. I sacerdoti, i vescovi, e i cardinali privi di morale non riusciranno mai a screditare la luminosa testimonianza di più di 400.000 sacerdoti sparsi per il mondo, che, con quotidiana fedeltà servono il Signore in santità e letizia. Nonostante la violenza degli attacchi che potrà subire, la Chiesa non verrà meno. E' la promessa del Signore, e la sua parola è infallibile.
[…] Spesso ci viene chiesto: che cosa dobbiamo fare? Quando la divisione incalza bisogna rafforzare l'unità. Essa non ha niente a che vedere con lo spirito corporativo di cui è pieno il mondo. […] Non dobbiamo inventare e costruire noi l'unità della Chiesa. La fonte della nostra unità ci precede e viene offerta. E' la rivelazione nel noi di Cristo nella Chiesa che abbiamo ricevuto. Se ciascuno difende la propria opinione, la propria novità, si diffonderà dappertutto la divisione.
Mi addolora vedere tanti pastori svendere la dottrina cattolica e seminare la divisione tra i fedeli. Al popolo cristiano dobbiamo un insegnamento chiaro, fermo e sicuro. Come possiamo accettare che le conferenze episcopali si contraddicono? Dio non può abitare là dove regna la confusione!
L'unità della fede implica l'unità del magistero nello spazio e nel tempo. Quando viene trasmesso un insegnamento nuovo, esso deve sempre venire interpretato coerentemente con quello che l'ha preceduto. Se introduciamo rotture e rivoluzioni spezziamo l'unità che regge la Santa Chiesa attraverso i secoli. Ciò non significa essere condannati al fissismo. Ma ogni evoluzione deve essere una migliore comprensione e un approfondimento del passato. L'ermeneutica di riforma nella continuità, che Benedetto XVI ha insegnato con tanta chiarezza, è una condizione sine qua non dell'unità. Coloro che annunciano con tanto clamore il cambiamento e la rottura sono falsi profeti. Essi non cercano il bene del gregge. Sono mercenari introdottisi con l'inganno nell'ovile. La nostra unità sarà forgiata attorno alla verità della dottrina cattolica. Non vi sono altri mezzi. Voler guadagnare la popolarità al prezzo della verità significa di nuovo agire come Giuda.
Non dobbiamo aver paura! Quale dono più meraviglioso da offrire all'umanità della verità del Vangelo? Certo, Gesù è esigente. Sì, seguirlo implica il portare la sua croce ogni giorno! La tentazione della vigliaccheria si annida dappertutto. Insidia in particolare i pastori… L'insegnamento di Gesù sembra  troppo duro. Quanti di noi sono tentati di pensare: "Questo linguaggio è duro; chi può intenderlo?" (Gv 6,60). Il Signore si rivolge a coloro che ha scelto, a noi sacerdoti e vescovi, e di nuovo ci domanda: "Volete andarvene anche voi?" (Gv 6,67). Fissa il suo sguardo nel nostro e chiede a ciascuno: vuoi abbandonarmi? Vuoi rinunciare a insegnare la fede in tutta la sua pienezza? Avrai il coraggio di predicare la mia presenza reale nell'Eucaristia? Avrai il coraggio di chiamare i giovani alla vita consacrata? Avrai la forza di affermare che senza la confessione frequente la comunione sacramentale rischia di perdere il proprio significato? Avrai l'audacia di richiamare la verità dell'indissolubilità del matrimonio? Avrai la carità di farlo anche con coloro che forse te ne faranno una colpa? Avrai il coraggio di invitare con dolcezza i divorziati, impegnati in una nuova unione, a cambiare vita? Preferisci il successo o mi vuoi seguire? Voglia Dio che, come san Pietro, possiamo rispondergli, colmi di amore e di umiltà: "Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna!" (Gv 6,68)".
Dopo aver trascritto, dal giornale LaVerità, questa pagina del cardinale Sarah vi presento la breve omelia fatta nell'adorazione del primo giovedì di ottobre per le vocazioni sacerdotali e di  consacrazione ricevendo questa valutazione: don Gino bella ma sarà valutata da Medio-evo.
"Abbiamo pregato per i giovani perché con coraggio prendano in mano la loro vita, mirino alle cose belle e più profonde e conservino sempre un cuore libero e quindi capace di amare e di essere amati: è la vocazione cioè progettare la vita cogliendo negli avvenimenti la chiamata del Signore o per la castità matrimoniale, o per quella del celibato per il sacerdozio o per quella verginale della vita consacrata, religiosa. In ogni primo giovedì soprattutto quella del celibato per il sacerdozio, quella verginale per la vita consacrata. Lui qui sacramentalmente dinnanzi a noi ci ha detto che la castità in ogni scelta o amore gratuito viene dalla fede in Lui nell'ascolto della sua Parola. Ogni vocazione accade incontrandolo presente con la certezza che Lui è con noi, personalmente è con me.
La vocazione al matrimonio avviene quando l'attrattiva tra un uomo e una donna o eros mi invia alla disponibilità che Cristo unisca per sempre nel sacramento del matrimonio con il suo amore anche per l'atto sessuale aperto alla fecondità cioè per divenire pro-creatori di Lui Creatore.
La castità del celibato per il sacerdozio è la gioia, originaria in ragazzi, adolescenti e giovani non corrotti, di amare mai per motivo di sesso ma per consentire a Cristo risorto, Capo e Pastore del gregge del Padre, di agire, con il dono del suo Spirito, attraverso la persona dell'ordinato soprattutto nella consacrazione della Messa (è il Crocefisso risorto che attualizza il suo sacrificio attraverso la mediazione del sacerdote dicendo questo è il mio corpo…questo è il calice della mia alleanza…) e nel Sacramento della Penitenza ( e io ti assolvo dai tuoi peccati…). Sempre i fedeli non possono non sentire nell'amore celibe, pur con tutte le fragilità e i limiti del vissuto, un riflesso dell'amore gratuito e duraturo di Cristo per uomini e donne. Allo stesso tempo, offerto con gioia, il celibato riempie di gioia il cuore del sacerdote spingendolo a darsi sempre più pienamente a tutti, uomini e donne. La castità matrimoniale punta all'amore gratuito nella sessualità aperta alla fecondità. Nella vita consacrata alla castità verginale si aggiunge anche non per motivo di possesso (voto di povertà), non per motivo di successo (voto di obbedienza).
Comunque in tutte le vocazioni per amare occorre essere liberi e per essere liberi con un eros che punta all'agape cioè alla gratuità occorre la virtù della castità, per l'amore casto cioè gratuito cui tutti sentono originariamente da ragazzi, adolescenti, giovani occorre il rapporto con la presenza di Cristo e come sotto la Croce con Giovanni e la sua e nostra mamma".

Commenti

Post popolari in questo blog

Monteforte: la mia esperienza di esorcista

Del Noce a Ratzinger sulla sessualità

Nel nuovo paradigma la famiglia non sempre sul matrimonio