Non paura

"Perché avete paura? Non avete ancora fede?" (Mc 4,40) Nella situazione di pandemia e dei problemi a essa collegati, la testata digitale Ecclesia Dei propone una giornata di preghiera e digiuno nella giornata di venerdì 11 dicembre 2020

Aldo Maria Valli "Duc in altum" 10 Dicembre 2020


 Una giornata di preghiera e digiuno nella giornata di venerdì 11 dicembre 2020 per chiedere a Dio:

– perdono per i nostri peccati e di quelli di tutto il mondo.

– la fine della pandemia da coronavirus;

– la guarigione dei malati, specialmente dei più gravi;

– il ritorno a una vita normale, con contatti e socialità;

– la consolazione e la ripresa per chi ha perso il lavoro e si trova in difficoltà economica;

– la degna celebrazione del culto divino, troppo spesso sacrificata per l'incuranza dei sacerdoti o per le norme anti-contagio.

Vi proponiamo quindi di innalzare, insieme a noi, la preghiera al cielo. E ci permettiamo di suggerire quanto segue:

– recita delle litanie in tempore mortalitatis et pestis davanti al Santissimo Sacramento, ove possibile;

– preghiera del Santo Rosario davanti a un'immagine mariana, con le litanie domenicane e il canto Stella cœli extirpavit;

– giornata di digiuno e astinenza.

A peste, fame et bello, libera nos Domine!

*

Lettera di accompagnamento e benedizione per la giornata di preghiera e di riparazione indetta dalla pagina cattolica Ecclesia Dei per domandare a Dio la fine della pandemia, la guarigione di chi soffre, la ripresa economica e sociale e la riparazione dei sacrilegi perpetrati contro la Santa Eucarestia.

Sia lodato Gesù Cristo!

Carissimi fratelli e sorelle,

ci troviamo in un periodo difficile, caratterizzato dalla confusione e delle angosce causate dall'attuale emergenza sanitaria. Mentre il mondo si affanna alla ricerca di un vaccino confidando solo nell'uomo, noi non disprezziamo la scienza e il lavoro dei medici, ma ci affidiamo soprattutto alla potenza di Dio. Vogliamo pregare per tutti coloro che hanno bisogno e in riparazione per i sacrilegi eucaristici: in quante celebrazioni il Santissimo Sacramento, Dio incarnato, non è trattato col giusto rispetto per le normative anti-contagio! L'ostia consacrata, il Pane degli angeli che è il santissimo Corpo del Nostro Dio e Salvatore, è trattato come un veleno, senza adorazione e attenzione. Il Signore ci ottenga queste grazie che Gli chiediamo con la preghiera, la riparazione e il digiuno, per l'intercessione di Maria, Aiuto dei cristiani, e di tutti i Santi.

Di cuore benedico tutti coloro che aderiranno a questo momento di preghiera.

+ Athanasius Schneider

Vescovo ausiliare di Maria Santissima in Astana

 




Commenti

Post popolari in questo blog

L'atto di dolore perfetto nel tempo della pandemia

Nata per il paradiso. La straordinaria vita di Laura Degan giunta in cielo a sette anni dopo cinque di tumore

La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti boom