Intenzione di preghiera per Trump

C'è chi ritiene che da Trump cioè dal suo soggetto politico potrebbe dipendere tutto il futuro dell'umanità. Si tratta evidentemente di una opinione

Massimo Viglione "gloria.tv" 20 Dicembre 2020

Trump non è Carlomagno. E nemmeno san Luigi IX.

E' un esponente importante di questa società postmoderna ed è legato a settori ben precisi dei poteri mondiali che la dominano. E' però il presidente statunitense che ha fatto del bene più di ogni altro e l'unico degli ultimi decenni che non abbia portato la guerra in alcun luogo. D'altro canto, ha fatto anche cose sbagliate, come aver aderito al vaccinismo di massa.


Eppure, quest'uomo ricchissimo, potentissimo, legato a un settore dei massimi poteri che controllano il corso degli eventi oggi, per ragioni che sfuggono all'umana comprensione, si è messo di traverso verso i poteri mondiali. Questa ormai è una verità incontrovertibile, confermata non solo dai fatti (sempre la massima delle prove), ma dall'odio viscerale da cui è sommerso da parte di quegli stessi poteri: che sia Soros che lo minaccia di morte, che sia la Pelosi che lo disprezza pubblicamente, che siano la CNN o i media mondiali che lo svillaneggiano (italiani in primis, iene e sciacalli da quattro soldi), che siano i suoi stessi amici mondiali che lo abbandonano appena il giorno dopo le elezioni, è fuori discussione che sia oggi l'uomo più odiato al mondo.


Pertanto, è inutile ricordare chi era, da dove viene, con chi è legato. Oggi è l'ultima speranza di resistenza umana al Nuovo Ordine Mondiale. Questa è la pura e semplice verità dei fatti.


Non è Carlomagno né san Luigi IX. Ed è pure vaccinista. Ma la Rivoluzione sovversiva, gnostica e liberal-comunista lo odia perché incarna la volontà dei popoli ancora liberi e lo vuole scalzare per ora con i brogli, domani con ogni mezzo.


Ora tocca a Trump prendere la decisione più importante della sua vita e della storia umana dalla Seconda Guerra Mondiale a oggi - e, forse, a seconda della conseguenze che ne verranno, una delle decisioni più importanti di tutta la storia umana nel suo insieme. Da lui potrebbe dipendere tutto il futuro dell'umanità e di ogni singolo uomo su questa terra.


Verrà meno e si ritirerà? O combatterà fino alla fine, consapevole del peso immane che lo sovrasta?


Lo sapremo a giorni, forse a ore.


Noi possiamo solo PREGARE COSTANTEMENTE per lui e sostenerlo come tanti minuscoli puntelli, sapendo bene che l'odio nei suoi confronti non si limita certo solo ai servi del male e agli zerbini dei potenti, ma è pervasivo perfino tra i "buoni".


Dobbiamo pregare nella consapevolezza che, qualora decidesse di resistere fino in fondo, a qualsiasi prezzo, questo qualsiasi prezzo, qualunque esso sia, perfino il più terribile, sarebbe di gran lunga il male minore che ci potrebbe capitare.


In caso contrario, nel caso cedesse o venisse fisicamente eliminato, tutto passerebbe - totalmente ed esclusivamente, senza più contributo umano alcuno - nelle mani di Dio, e inizierebbe un'altra fase della nostra storia.

(Massimo Viglione)



Commenti

Post popolari in questo blog

L'atto di dolore perfetto nel tempo della pandemia

Nata per il paradiso. La straordinaria vita di Laura Degan giunta in cielo a sette anni dopo cinque di tumore

La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti boom