Putin, 'Ecco perché siamo intervenu

Aldo Maria Valli, in "Duc in altum" – 9 Marzo 2022

Giorni fa, in vista della giornata della donna, Vladimir Putin ha tenuto un incontro con alcune dipendenti della compagnia di bandiera russa, l'Aeroflot. Sulla stampa occidentale l'incontro è stato per lo più descritto come una mossa propagandistica e l'attenzione si è concentrata su un dettaglio che è apparso strano: nelle immagini via Twitter una mano di Putin sembra "attraversare" il microfono posto sul tavolo. "Ecco la prova che il video è un falso!" hanno esclamato in molti. In realtà, l'effetto visivo è stato causato dalla compressione video fatta da Twitter. Ma la storia della mano misteriosa ha contribuito a sviare l'attenzione da ciò che Putin ha detto.

 

Ecco qui, dunque, la traduzione di ampi stralci del discorso tenuto dal presidente russo in risposta ad alcune domande. Un discorso nel quale Putin ha riassunto scopi e metodi dell'intervento militare in Ucraina. Dopo il testo, trovate il video in russo.

 

A.M.V.

 

***

 

Domanda di un'assistente di volo – La mia domanda riguarda l'attuale situazione in Ucraina. Sosteniamo tutti le vostre azioni e l'operazione speciale che è in corso lì. Naturalmente, la domanda più importante, e che in un modo o nell'altro tutti noi ci siamo posti, è perché è iniziata questa operazione speciale. Non poteva essere evitato? Razionalmente comprendiamo e sosteniamo le vostre azioni, ma come donne non possiamo fare a meno di preoccuparci: per la nostra famiglia, i parenti, per coloro che sono in Ucraina. Sappiamo che i civili non vengono colpiti. Tuttavia, ci dica, ci rassicuri: cosa dobbiamo aspettarci alla fine di questa strada? Quale sarà il risultato finale dell'operazione militare in Ucraina?

 

Putin – Sarò breve ma dovrò comunque partire, come si suol dire, "dal centro del campo". Ne ho parlato all'inizio dell'operazione e ne ho parlato anche prima che questa decisione venisse presa, una decisione difficile, senza dubbio.

 

Cosa riguarda? Il fatto è che dopo il colpo di stato anticostituzionale in Ucraina, il quale, purtroppo, è stato fortemente sostenuto dai paesi occidentali, dobbiamo affrontare la situazione. Ormai non nascondono nemmeno il fatto di averci speso cinque miliardi di dollari, per non parlare dei biscotti regalati a Maidan e così via… Hanno organizzato un colpo di stato e hanno sostenuto gli autori. Ciò che ne è seguito sono stati i noti eventi legati alla Crimea e al Sud-Est dell'Ucraina, il Donbass, dove la gente si è rifiutata di sostenere il colpo di stato. Come sappiamo, la Crimea ha preso una decisione: la gente è andata a votare in un referendum per tornare nella Federazione Russa. Naturalmente, non possiamo che appoggiare quella decisione, tanto più che la popolazione si sentiva in pericolo a causa dei nazionalisti e dei neonazisti, e ci sono prove evidenti che aveva assolutamente ragione.

 

Più tardi, o meglio parallelamente, si svolgevano gli eventi del Donbass. A cosa hanno portato questi eventi? Le persone che hanno resistito al colpo di stato sono state perseguitate e alla fine su quel territorio le nuove autorità di Kiev hanno avviato un'operazione militare. Hanno condotto due operazioni punitive su larga scala utilizzando armi pesanti e aviazione da combattimento. Hanno attaccato direttamente Donetsk distruggendo le piazze della città con l'aviazione, usando carri armati e artiglieria. Entrambe queste campagne militari sono fallite. L'esercito ucraino è stato sconfitto. Successivamente sono stati conclusi i cosiddetti accordi di Minsk, o Pacchetto di misure, per usare il termine ufficiale. Accordi che hanno offerto una via per una soluzione pacifica del conflitto.

 

Abbiamo fatto tutto il possibile per indirizzare gli eventi lungo questa strada, per ripristinare l'integrità territoriale dell'Ucraina e proteggere gli interessi delle persone che vivono in questi territori. Cosa chiedevano queste persone? Nient'altro che le cose basilari: il diritto di parlare la propria lingua madre, cioè il russo, e di mantenere le proprie tradizioni e la propria cultura. Queste non erano affatto richieste straordinarie. E invece questi territori sono stati posti sotto blocco economico, disconnessi dal sistema bancario. Le forniture di cibo sono state interrotte. I pagamenti delle pensioni e dell'assistenza sociale sono stati sospesi. A volte venivano dati dei sussidi, ma per ottenerli una persona doveva attraversare la linea di separazione.

 

[…] In questi anni nel Donbass sono state uccise circa 13 o 14 mila persone. Oltre cinquecento bambini sono stati uccisi o feriti. Ma ciò che è particolarmente intollerabile è che il cosiddetto Occidente "civilizzato" ha preferito in tutti questi anni guardare dall'altra parte. Tutti questi anni, otto anni! Otto anni!

 

Inoltre, ultimamente le autorità di Kiev hanno iniziato a dire apertamente e pubblicamente che non avrebbero rispettato gli accordi di Minsk. Lo hanno detto dagli schermi televisivi e online. Lo dicono ovunque: "Non ci piacciono, non li rispetteremo". E per tutto questo tempo è stata la Russia a essere accusata di non aver rispettato gli accordi. Questa è semplicemente una sciocchezza, il teatro dell'assurdo, il bianco chiamato nero e il nero chiamato bianco. Ultimamente, poi, le cose sono peggiorate. In realtà, il discorso è iniziato molto tempo fa, ma negli ultimi tempi si è intensificato. Sempre più spesso abbiamo sentito dire che l'Ucraina sarebbe stata ammessa nella Nato. Capite a che cosa potrebbe portare?

 

Se l'Ucraina diventa membro della Nato, secondo il Trattato del Nord Atlantico tutti gli altri membri devono sostenere il paese in caso di conflitto militare. Nessuno oltre a noi ha riconosciuto la Crimea come territorio russo. Stanno conducendo operazioni militari nel Donbas, ma potrebbero anche trasferirsi in Crimea, e in tal caso dovremmo combattere con l'intera Nato. Capite le conseguenze? Penso che tutti capiscano.

 

Ora l'Ucraina sta affermando di acquisire lo status nucleare, ovvero di sviluppare armi nucleari. Non possiamo assolutamente ignorare queste cose, soprattutto considerando che sappiamo bene come il cosiddetto Occidente si comporta nei confronti della Russia. In primo luogo, l'Ucraina ha alcune competenze nucleari rimaste dall'epoca sovietica. Per quanto riguarda l'arricchimento e il materiale nucleare, sarebbero in grado di organizzare tale lavoro. Hanno capacità missilistiche: basti citare Yuzhmush, società che costruiva apparecchiature per missili balistici intercontinentali per l'Unione Sovietica. Potrebbero recuperare quella capacità e farlo. E quelli dall'altra parte dell'oceano li aiuterebbero a farlo. E dopo direbbe: "Beh, non riconosciamo lo status nucleare; hanno fatto tutto da soli". E poi metterebbero sotto controllo questi complessi, e da quel momento in poi il destino della Russia sarebbe completamente segnato. Perché in quel caso i nostri avversari strategici non avrebbero nemmeno bisogno di missili balistici intercontinentali. Ci terrebbero qui sotto la minaccia delle armi nucleari, ecco tutto. Come potremmo ignorare una cosa del genere? Queste sono minacce assolutamente reali, non una fantasia sciocca e inverosimile.

 

I nostri ragazzi, che ora stanno combattendo e rischiando la vita, stanno combattendo e dando la vita per il nostro futuro, per il futuro dei nostri figli. Questo è qualcosa di perfettamente ovvio. E le persone che non vogliono capirlo, in particolare tra i leader attuali dell'Ucraina, devono capire che se continuano a fare ciò che hanno fatto – ne ho parlato prima – mettono a rischio il futuro stesso dello Stato ucraino. Se ciò accade, sarà interamente colpa loro.

 

Cosa sta succedendo adesso? Ho già accennato ai nostri obiettivi in ​​questa operazione. Il primo, ovviamente, è proteggere le persone che vivono nel Donbass. Come? Demilitarizzando e denazificando l'Ucraina e stabilendo il suo status neutrale. Perché? Perché lo status neutrale significa che l'Ucraina non entrerà a far parte della Nato. Lo hanno scritto nella Costituzione che il paese entrerà a far parte della Nato. Capite? L'hanno incluso nella Costituzione!

 

Denazificazione: cosa significa? Ne ho parlato con i miei colleghi occidentali. Dicono: "Qual è il problema? Hai anche tu i nazionalisti radicali". Sì, ma non li abbiamo nel governo, mentre tutti concordano sul fatto che loro, gli ucraini, li hanno. Forse anche noi abbiamo degli idioti che girano con la svastica, ma li sosteniamo a livello di governo? Forse che migliaia di persone marciano con torce e svastiche per le strade della nostra capitale o di altre città della Russia, come accadde negli anni Trenta nella Germania nazista? Qualcosa del genere sta accadendo in Russia? No, ma succede in Ucraina, ed è dimostrato. Forse noi sosteniamo coloro che hanno ucciso i russi, gli ebrei o i polacchi durante la guerra? Forse li salutiamo come eroi? No. Ma in Ucraina lo fanno.

 

Anche l'attualità è importante. Cittadini stranieri sono stati presi in ostaggio a Sumy e Kharkov: oltre seimila giovani, studenti. Sono stati portati in una stazione ferroviaria e tenuti lì per tre giorni. Abbiamo informato le attuali autorità ucraine. Hanno detto: "Sì, sì, certo, ce ne occuperemo subito". Abbiamo informato i leader dei maggiori paesi europei, ho parlato con loro personalmente. "Sì, sì, faremo pressione sull'Ucraina in questo momento". Abbiamo informato il segretario generale dell'Onu: "Sì, sì, risolveremo subito il problema". Nessuno ha fatto niente.

 

Coloro che sono considerati cittadini ucraini sono trattati anche peggio. Sono semplicemente usati come scudo umano. Proprio ora, proprio in questo momento, ciò sta accadendo a Mariupol. Il governo di Kiev ha chiamato i nostri militari: "Fornire corridoi umanitari in modo che le persone possano andarsene". Naturalmente, la nostra gente ha risposto immediatamente, ha persino sospeso le attività militari e stava osservando ciò che stava accadendo. Ma a nessuno è stato permesso di partire. Capite? A nessuno è stato permesso di uscire. Non lasciano partire nessuno, ma usano le persone come scudi umani. E chi sono loro? I neonazisti, ovviamente.

 

Osserviamo già la presenza di militanti dal Medio Oriente e da alcuni paesi europei. Li conosciamo; possiamo sentirli parlare alla radio. Stanno usando le cosiddette jihad-mobiles, cioè auto imbottite di esplosivo, che guidano verso le truppe russe. Ma non ottengono nulla e alla fine falliranno. Chi sono, allora, se non i neonazisti? Con tali azioni, stanno distruggendo il proprio paese e la propria statualità.

 

Ecco perché una delle nostre richieste chiave è la smilitarizzazione. In altre parole, stiamo aiutando le persone del Donbass, lavorando per lo status neutrale dell'Ucraina e la smilitarizzazione del paese. Dobbiamo sapere con certezza quali armi ci sono, dove sono schierate e chi le controlla. Sul tavolo ci sono una serie di opzioni. Ne stiamo discutendo ora, anche con i rappresentanti del governo di Kiev nei nostri colloqui in Bielorussia. Siamo grati al presidente Lukashenko per aver organizzato gli incontri e averci aiutato a condurre questi negoziati. Le nostre proposte sono sul tavolo per far studiare i gruppi dei negoziatori di Kiev. Ci auguriamo che Kiev risponda positivamente. Questo è praticamente tutto ciò che volevo dire. Ma, per favore, continuiamo.

 

Domanda di Yulia Schvidko, secondo pilota della compagnia aerea Aeroflot – Vladimir Vladimirovich, la mia domanda riguarda la situazione attuale. Circolano molte voci sulla possibile introduzione della legge marziale, sull'arruolamento di volontari e riservisti e sull'invio degli arruolati in Ucraina. Potrebbe chiarire se verrà dichiarata la legge marziale e se i soldati arruolati verranno schierati in Ucraina?

 

Putin – Molto di ciò che vediamo ora e di ciò che sta accadendo è senza dubbio una tecnica per combattere la Russia. A proposito, le sanzioni che ci sono state imposte assomigliano a una dichiarazione di guerra. Ma fortunatamente non ci siamo ancora. Credo che i nostri cosiddetti "partner" conservino ancora una certa comprensione di cosa significherebbe una guerra e quale pericolo rappresenti per tutti. Tutto ciò nonostante le dichiarazioni irresponsabili, come quelle fatte dal ministro degli Esteri britannico, quando ha detto che la Nato potrebbe coinvolgersi nel conflitto. A quel punto, abbiamo dovuto prendere immediatamente la decisione di mettere in allerta le nostre forze strategiche. [Gli occidentali] hanno reagito dicendo che non intendevano nulla del genere, nessuno però ha messo il ministro britannico al suo posto, e nessuno ha smentito la sua affermazione. Nessuno ci ha detto nulla. Ora, che cosa dovremmo pensare a riguardo? Ecco perché abbiamo reagito come abbiamo fatto.

 

Ora vengo alla sua domanda. La legge marziale è introdotta con ordinanza del presidente coadiuvato dal Consiglio della Federazione in caso di aggressione esterna, precisamente nelle regioni ove si svolge l'attività militare. Ora non siamo in quella situazione, e spero che non lo saremo in futuro. Questo è il primo punto. Il secondo punto è che oltre alla legge marziale c'è anche uno statuto speciale, che viene dichiarato dal Consiglio della Federazione in caso di una significativa minaccia interna. Il terzo regime è lo stato di emergenza, che di solito viene dichiarato in determinate regioni, ma potrebbe essere adottato anche nell'intero territorio del Paese. Questo regime è previsto in caso di disastri tecnologici e naturali, ma, grazie a Dio, nemmeno questo sta accadendo. Non abbiamo intenzione di dichiarare nessuno di questi regimi sul territorio della Federazione Russa.

 

Possiamo vedere che si stanno facendo tentativi per creare problemi nella nostra società, il che è ancora una volta una conferma delle mie parole: abbiamo a che fare non solo con i radicali ma con i neonazisti. Qui da noi le persone esprimono la loro opinione su ciò che piace o non piace nella nostra azione in Ucraina. Ma lì, in Ucraina, persone che esprimono opinioni simili a quelle espresse dalla parte cosiddetta "liberale" della nostra società vengono arrestate per le strade e fucilate: ne abbiamo la conferma. I nostri servizi speciali stanno raccogliendo queste informazioni e le presenteremo presto. I nostri intellettuali liberali protestano, mentre in Ucraina le persone che dicono qualsiasi cosa a favore della Russia vengono giustiziate senza processo.

 

[…] All'attuale operazione partecipano solo militari professionisti, ufficiali e militari a contratto. Non un solo soldato arruolato vi sta partecipando. Non abbiamo intenzione di inviarli in Ucraina, e non lo faremo. Ripeto che solo gli uomini che nella loro vita hanno preso una decisione volontaria e responsabile – difendere il proprio Paese – sono in Ucraina e stanno facendo il loro dovere con onore. Perché è così, perché abbiamo il diritto di dire queste parole, come ho appena spiegato. Ciò vale anche per il personale di riserva sottoposto a periodico addestramento militare: non abbiamo in programma di dispiegarlo in Ucraina. Questo personale è convocato regolarmente per l'addestramento militare – accade ora e accadrà in futuro – ma non arruoliamo queste persone per il servizio militare attivo ed esse non parteciperanno a questo conflitto.

 

Vorrei ora commentare l'operazione militare. So che stanno circolando molte voci e storie. Non ho molto tempo per saperne di più, ma sono stato informato che le persone parlano molto di ciò che sta accadendo e di come sta procedendo l'operazione. Tutti gli analisti sanno cosa sta succedendo, quindi non rivelerò alcun segreto qui. Avremmo potuto agire in molti modi diversi. Avremmo potuto aiutare le repubbliche del Donbass direttamente sulla linea di separazione, cioè sul fronte, usando il nostro esercito russo per sostenerle. Ma in tal caso, considerando l'appoggio incondizionato da parte dell'Occidente ai nazionalisti radicali, la parte ucraina avrebbe ricevuto un sostegno costante con armi, materiali, munizioni e tutto il resto.

 

Ecco perché il nostro stato maggiore e il ministero della Difesa hanno deciso una strategia diversa. La prima mossa è stata l'eliminazione delle infrastrutture militari. Non del tutto, ma in gran parte. Parlo di depositi di armi, depositi di munizioni, aviazione, sistemi di difesa aerea. La distruzione dei sistemi di difesa aerea richiede un certo tempo. Siete civili, non militari, ma lavorate nell'aviazione. Potete capire che questi sistemi devono essere scoperti e poi distrutti; e ormai questo lavoro è in gran parte fatto. Questo è ciò che determina la richiesta di una no-fly zone. Tuttavia, un tentativo di metterla in atto comporterebbe conseguenze enormi e catastrofiche non solo per l'Europa, ma per il mondo intero. Credo che le persone dall'altra parte lo capiscano. Ecco perché abbiamo scelto questa strada, correttamente. I nostri militari stanno lavorando in modo responsabile, facendo tutto il possibile per proteggere i civili. Sfortunatamente, quei banditi neonazisti non hanno alcuna considerazione per il popolo. Hanno persino sparato ai propri militari che non vogliono continuare a combattere, ne abbiamo le prove. Sì, quei nazionalisti, i neonazisti, sparano ai loro stessi militari. I nazionalisti sono radicati praticamente in ogni unità militare ucraina, ce ne sono diverse dozzine in ciascuna, e agiscono in modo così crudele.

 

Ripeto ancora una volta: non dispiegheremo soldati di leva o riservisti in Ucraina per partecipare a questa operazione militare. Sono convinto che il nostro esercito raggiungerà tutti i nostri obiettivi. Non ne dubito nemmeno per un secondo. Ciò si evince dal modo in cui procede l'operazione, che prosegue rigorosamente secondo i piani e la tempistica. Tutto sta accadendo come era stato pianificato dallo stato maggiore. Per quanto riguarda i volontari, i giovani che si recano alle stazioni di reclutamento, siamo loro grati per i sentimenti patriottici che dimostrano, per il desiderio di sostenere il paese e l'esercito in questo momento. Il fatto stesso che vadano ai centri di reclutamento è significativo. Tuttavia, in questo momento il loro aiuto non è richiesto. E sono convinto che non servirà. Ora mi sto girando verso la telecamera. Tutti così vedranno e sentiranno quello che sto dicendo. Grazie.

Commenti

Post popolari in questo blog

Anglicani

Prosperi, 'Delicatissimo momento per Comunione e Liberazione. Evitiamo atteggiamenti che ostacolino l'obbedienza alla Chiesa e la nostra unità'

I peccati che mandano più anime all'inferno