Francesco alla Reuters, non mi è mai passato per la mente di dimettermi

Agensir, in "Duc in altum" – 4 luglio 2022

 

"Non mi è mai passato per la mente di dimettermi. Per il momento, no. Davvero!".

 

A smentire le voci, circolate con insistenza sui media, di sue possibili dimissioni, è lo stesso Papa. Interpellato dalla Reuters sulla concomitanza di eventi a fine agosto – inclusi incontri con cardinali di tutto il mondo per discutere di una nuova costituzione vaticana, una cerimonia per la nomina di nuovi cardinali e una visita a L'Aquila – letti da alcuni media come possibile scenario di un annuncio di dimissioni, il Papa ha dichiarato: "Tutte queste coincidenze hanno fatto pensare ad alcuni che sarebbe avvenuta la stessa liturgia. Ma non mi è mai passato per la mente di dimettermi. Per il momento, no. Davvero!".

 

 

 

Francesco, tuttavia, ha ribadito che se un giorno particolari condizioni di salute gli rendessero impossibile la gestione della Chiesa potrebbe valutare le dimissioni. Interrogato sull'orizzonte temporale dell'eventualità, ha detto: "Non lo sappiamo. Lo dirà Dio".

 

Alla domanda sulla sua salute, il Papa ha scherzato: "Sono ancora vivo!". A proposito della gonalgia che lo affligge, Francesco ha rivelato di aver subito "una piccola frattura" al ginocchio quando ha fatto un passo falso mentre un legamento era infiammato. "Sto bene, sto lentamente migliorando", ha aggiunto parlando della buona riuscita delle cure a cui si sta sottoponendo.

 

 

 

In merito ai prossimi viaggi apostolici, il Santo Padre ha espresso il desiderio di recarsi in Russia e in Ucraina dopo la sua visita in Canada, in programma dal 24 al 29 luglio: "Vorrei andare in Ucraina e ho desiderato andare a Mosca prima… e adesso è impossibile, dopo il rientro dal Canada è possibile che io riesca ad andare in Ucraina. La prima cosa è recarsi in Russia per cercare di aiutare in qualche modo, ma vorrei andare in entrambe le capitali".

 

Fonte: agensir.it

 

 

 

 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Anglicani

Prosperi, 'Delicatissimo momento per Comunione e Liberazione. Evitiamo atteggiamenti che ostacolino l'obbedienza alla Chiesa e la nostra unità'

I peccati che mandano più anime all'inferno