Dio e la matematica

Antonio Socci, in "Libero" – 2 luglio 2022

Al matematico Paolo Zellini, che ha appena pubblicato "Discreto e continuo" (Adelphi), Chiara Valerio di "Repubblica" chiede: "Ci siamo inventati la matematica o ci preesiste?".

 

Zellini spiega che è una questione antica: "non potremo mai trovare una risposta certa a riguardo, ma possiamo basarci su un'esperienza comune tra i matematici: in molti casi viene da presumere che l'invenzione e la scoperta sia opera esclusivamente nostra, ma poi ci accorgiamo rapidamente che ciò che abbiamo inventato rivendica la propria esistenza in un paesaggio tutto da esplorare, che sembra preesistere al nostro atto inventivo… credo che il mondo matematico abbia una sua realtà ideale che noi siamo deputati a esplorare più che a inventare".

 

Il 6 aprile 2006, Benedetto XVI parlò di Galileo il quale

 

"ha detto che Dio ha scritto il libro della natura nella forma del linguaggio matematico. Lui era convinto che Dio ci ha donato due libri: quello della Sacra Scrittura e quello della natura. E il linguaggio della natura – questa era la sua convinzione – è la matematica, quindi essa è un linguaggio di Dio, del Creatore. Riflettiamo ora su cos'è la matematica: di per sé è un sistema astratto, un'invenzione dello spirito umano, che come tale nella sua purezza non esiste… è un sistema intellettuale, è una grande, geniale invenzione dello spirito umano. La cosa sorprendente è che questainvenzione della nostra mente è veramente la chiave per comprendere la natura, che la natura è realmente strutturata in modo matematico e che la nostra matematica, inventata dal nostro spirito, è realmente lo strumento per poter lavorare con la natura… Sembra una cosa quasi incredibile che una invenzione dell'intelletto umano e la struttura dell'universo coincidano… Quindi la struttura intellettuale del soggetto umano e la struttura oggettiva della realtà coincidono… Penso che questa coincidenza tra quanto noi abbiamo pensato e il come si realizza e si comporta la natura, sia un enigma ed una sfida grandi, perché vediamo che, alla fine, è 'una' ragione che le collega ambedue…".

 

In sostanza – diceva il Papa – la matematica mostra la struttura razionale dell'universo: "La nostra scienza, che rende finalmente possibile lavorare con le energie della natura, suppone la struttura affidabile, intelligente della materia. E così vediamo che c'è una razionalità soggettiva e una razionalità oggettivata nella materia, che coincidono".

 

Anche Albert Einstein parlava di "ragione incarnata" ed era affascinato da questo mistero. Stephen Hawking ha spiegato: "L'impressione travolgente è quella di ordine. Più cose scopriamo dell'universo, più troviamo che sia governato da leggi razionali".

 

Ancora Einstein: "è certo che alla base di ogni lavoro scientifico qualificato troviamo il convincimento religioso della razionalità e intelligibilità del mondo (…). Tale fermo convincimento legato al sentimento profondo della esistenza di una mente superiore che si manifesta nel mondo dell'esperienza, costituisce per me l'idea di Dio".

 

Einstein, le sue scoperte e il suo pensiero, insieme alla scoperta del DNA, sono alla base dell'annuncio che Antony Flew, dette durante una conferenza a New York, il 9 dicembre 2004: dopo essere stato per tutta la vita il maggior filosofo dell'ateismo del Novecento, si era convinto dell'esistenza di Dio in base alle evidenze scientifiche. Ha spiegato il suo pensiero nel libro "Dio esiste (come l'ateo più famoso del mondo ha cambiato idea)", edizioni Alfa & Omega.

Commenti

Post popolari in questo blog

Anglicani

Prosperi, 'Delicatissimo momento per Comunione e Liberazione. Evitiamo atteggiamenti che ostacolino l'obbedienza alla Chiesa e la nostra unità'

I peccati che mandano più anime all'inferno