Sessantottini scomparsi nell'era del conformismo sierologico e indottrinamento cinese contro l'Occidente

Paolo VI aveva visto bene. Per questo la sua enciclica Humanae Vitae, così tanto contrastata dentro e fuori la Chiesa, è oggi definita profetica. La famiglia e i giovani subiscono oggi le nefaste conseguenze dell'attacco all'autorità, al maschio, alla natalità e all'unità familiare. La sessuologa belga Thérèse Hargot nel suo libro "Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)" ci racconta il disastro di una gioventù ingannata e disorientata dalla così detta "liberazione sessuale"

21 NOV

Sessantottini scomparsi nell'era del conformismo sierologico

Saved in: Blog by Aldo Maria Valli

Cari amici di Duc in altum, dal sito testadelserpente.wordpress.com un'analisi che merita attenzione.

 

***

Maggio 1968. Il mondo occidentale si ritrova travolto da una delle più grandi rivoluzioni culturali e sociali che abbia mai vissuto. Una contestazione globale, una rivoluzione collettiva mossa dalla sinistra culturale e politica, che mira a mettere in crisi certezze ed abitudini di un mondo destinato al tramonto.

 

Dalle università d'America e d'Europa si alza il grido di una gioventù pronta a "spaccare il mondo" e a sobbalzare gli equilibri che lo hanno retto fino a quel momento. Al grido di "vietato vietare" si alza un'ondata di proteste contro la società borghese, il patriarcato, il principio di autorità accademica, familiare, politica e religiosa. I padri hanno ormai le ore contate, così come i professori (We don't need no education… Hey teacher, leave us kids alone!"), i politici e i preti ("Cloro al clero!").

 

La protesta giovanile fu la miccia che accese il fuoco della rivolta. Il mondo accademico uscì dalle biblioteche con in mano nuove tesi capaci di ripensare il pensabile. L'esistenzialismo e il decostruzionismo incarnavano lo spirito del tempo. Il pacifismo come nuova religione fece scendere in piazza un fiume di ragazzi contro le guerre americane. Figli dei fiori inneggiavano all'amore libero e al diritto di vita sul frutto di quegli amori spensierati, spesso azzardati, a volte neanche voluti. "Il corpo è mio" dicevano per rivendicare il diritto a decidere cosa far entrare e cosa fare uscire dal proprio corpo. L'uomo prese prepotentemente il posto di Dio, tornando al centro di ogni speculazione e ragionamento. La sociologia e la psicanalisi presero il posto della teologia, diventando le scienze somme a cui tutte le altre scienze, compresa la filosofia (che cambiò padrone), dovettero rispetto e onore. Gli studi di genere ebbero dunque campo libero, essendo la realtà delle cose un "padre" ingombrante, troppo anziano e da far fuori, la legge naturale una costruzione sociale, la metafisica un oppio intellettuale per spiriti deboli asserviti alle noiose fantasie degli antichi.

 

La nascita del movimento LGBT fu salutata con fervoroso applauso dagli intellettuali più influenti. E cominciarono le pressioni per normalizzare ogni tipo di comportamento sessuale nel nome della libertà.

 

Non passò molto tempo finché, nel 1973 l'American Psychiatric Association (APA), dopo molte pressioni e intimidazioni, rimosse l'omosessualità dal Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-II). Dopo un lungo dibattito che vide spaccata la comunità scientifica, la decisione fu messa ai voti e approvata per alzata di mano con il 58% di voti favorevoli. La questione era ormai diventata prima di tutto un affare politico.

 

Le leggi sul divorzio segnarono l'inizio della fine per la famiglia, un colpo mortale al cuore della società; mentre l'invenzione della pillola anticoncezionale segnò per l'Occidente uno spartiacque nella concezione della sessualità e dell'uomo in generale, decidendo di slegare il piacere dalla procreazione. Il frutto di questa rivoluzione antropologica fu quello di ottenere piacere senza correre il rischio di procreare portando così l'Occidente nel baratro spaventoso dell'attuale inverno demografico mentre si generano, per il miglior offerente, figli senza piacere.

 

Ma cosa resta oggi della generazione hippie che portava le magliette di Che Guevara per far torto al papà (che finanziava la guerriglia urbana e le occupazioni)? Che fine ha fatto la generazione che sulle note di Bob Marley (Got to have kaya now) inneggiava alla marijuana per "toccare il cielo".

 

Che fine ha fatto la generazione Kurt Cobain? Il cantante che ha infiammato un'intera generazione con le sue idee controcorrente, la sua vita spericolata e senza limiti e la sua dichiarata volontà di "distruggere il sistema dal di dentro", fingendo di farne parte? Quello che "meglio bruciare in una fiamma che spegnersi lentamente". Cobain invitava a "prendere la televisione e buttarla dalla finestra". Coloro che buttavano le televisioni urlando rabbiosi "fuck the sistem", esibiscono ora il loro certificato di buona condotta civica sotto forma di lasciapassare verde direttamente dai monitor dei loro telefonini ultima generazione, mentre accompagnano i figli a vaccinarsi per poter andare in palestra e al pub senza noie e lungaggini.

 

Cosa resta, a cinquant'anni di distanza, della rivoluzione anti-autoritaria e anti-istituzionale sessantottina? I suoi protagonisti, i giovani figli dei fiori e del libero amore, sono ora gli adulti che insegnano alle università, che governano il paese e che ci istruiscono attraverso quella televisione che solo cinquant'anni fa detestavano. Gli assassini del padre sono gli attuali patrigni. E sono peggiori dei loro odiati progenitori e maestri.

 

Il fallimento delle tesi rivoluzionarie sessantottine è oramai una evidenza conclamata. Il sessantotto è finito presto, ed è finito male. Ma sebbene lo spirito e il fervore che animò i suoi protagonisti sembrasse destinato a non spegnersi nei cuori e negli animi, la storia dimostra che quello spirito rivoluzionario e anticonformista si è del tutto assopito, non appena i sessantottini hanno occupato il potere politico e culturale, per far spazio ad nuovi ideali: quelli del quieto vivere, della "nuda vita", alla quale sacrificare il sacrificabile.

 

Paolo VI aveva visto bene. Per questo la sua enciclica Humanae Vitae, così tanto contrastata dentro e fuori da Chiesa, è oggi definita profetica. La famiglia e i giovani subiscono oggi le nefaste conseguenze dell'attacco all'autorità, al maschio, alla natalità e all'unità familiare. La sessuologa belga Thérèse Hargot Nel suo libro "Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)" ci racconta il disastro di una gioventù ingannata e disorientata dalla cosiddetta "liberazione sessuale".

 

Quelli che scendevano in piazza per le minoranze e gli emarginati, per abbattere ogni tipo di barriera sociale, oggi si ingozzano di selfie e godono della morte dei non vaccinati ai quali chiedono di pagarsi le cure in caso di malattia.

 

Quelli che "No alla polizia nelle università" ora esigono il controllo del lasciapassare per accedere agli atenei e alle scuole. E quelli che combattevano per una "università di massa" contro una "università d'elite", quelli del potere studentesco contro l'autoritarismo accademico, ammettono ora solamente professori e studenti muniti di lasciapassare, mettendo alla porta i non allineati e sanzionando con misure economiche e disciplinari coloro che non si adeguano.

 

Quelli che "mettete fiori nei vostri cannoni" esigono oggi un autoritarismo militarizzato, il controllo sociale tramite app di tracciamento e un regime di polizia a sostegno delle politiche sanitarie.

 

Quelli che "vogliamo pensare" hanno smesso di farlo per delegare alla politica le ragioni della propria quotidianità.

 

Quelli che invocavano la liberazione da ogni controllo autoritario sottopongono ora i loro simili alla censura, alle discriminazioni e al controllo sanitario di un governo sempre più vigilante e autoritario.

 

Quelli che "Un nuovo modo di fare produzione sotto le presse mettiamoci il padrone", impediscono ai lavoratori di entrare nelle loro aziende, bloccando gli stipendi, minacciano sanzioni economiche e conseguenze disciplinari.

 

Quelli che condannavano a morte ogni principio di autorità, ora invocano l'ossequiosa sottomissione alle autorità politiche, nazionali e sovranazionali, e chiedono di avere "fede" nella scienza.

 

Quelli che detestavano i mercati affidano ora la loro vita all'uomo dei mercati finanziari, offrendogli carta bianca e definendolo l'uomo "della provvidenza".

 

Quelli che insultavano i politici con "A piazzale Loreto c'è ancora posto" e "Nixon boia, Andreotti è la sua troia" saltano ora sulla poltrona se qualcuno osa criticare il presidente della Repubblica e quello del Consiglio dei ministri artefici dell'attuale crisi sociale in qui verte il paese.

 

Quelli che "lotta continua" per la "democrazia diretta" non si scompongono per decenni di governi non eletti ma decisi da accordi di Palazzo col beneplacito di compagni presidenti sceltissimi, né hanno da eccepire sulla delegittimazione del Parlamento a favore dei DPCM con la scusa di uno stato di emergenza.

 

Quelli che criticavano la società del benessere e lo sviluppo delle tecnologie in nome di un naturalismo esistenziale, affidano oggi la loro vita ai telefonini dove conservano gelosamente, lasciandole a disposizione del fornitore dei servizi, big tech e Stato, i dati sensibili in barba alle loro battaglie sulla privacy.

 

Quelli che "Il corpo è mio" offrono ora il loro braccio alla scienza su richiesta delle autorità politiche per sottoporsi al tentativo di fermare il contagio da Covid19 mantenendo lontano dalla mente quei dubbi sollevati da una parte del mondo scientifico e le cronache di effetti nefasti evidenziatisi in alcuni dei valorosi e sfortunati volontari.

 

I pacifisti che detestavano i conflitti e lottavano per la liberazione delle classi meno abbienti, sono oggi gli artefici di un nuovo conflitto sociale che alimentano con slogan denigratori, violenza verbale e leggi discriminatorie contro una minoranza non allineata.

 

I protagonisti della controcultura di quegli anni occupano ora i luoghi del potere politico e culturale chiedendo conformismo totale e uniformità in un paese dove non essere di sinistra significa per un politico, un accademico o un intellettuale avere la strada in salita e il fucile partigiano puntato sulla tempia.

 

I sessantottini di ieri stanno fomentando una nuova lotta di classe. Solo che ora stanno dalla parte delle autorità che hanno detestato e avversato.

 

Se il Sessantotto è stato un grande j'accuse al conformismo in ogni sua accezione (etico, politico, culturale, sociale e religioso) , "gli anni dell'incanto libertario" (Flores d'Arcais) sono ormai lontani e chi osa invocare la libertà di pensiero per dissentire dal nuovo regime politico-sanitario viene segnalato alle autorità, imprigionato nell'accusa d'insubordinazione, linciato mediaticamente e pubblicamente boicottato (così è successo tra l'altro a "idoli" come il filosofo Cacciari e lo storico Barbero). La violenza non è subdola né dissimulata; ma alla luce del sole, sotto gli occhi di tutti. Un'eterogenesi dei fini che fa dei vecchi compagni di lotta contro il padrone, i nuovi padroni di un nuovo mondo che nasce, i nuovi dittatori di un regime che è solo un primo passo verso quella che oggi chiamano la "nuova normalità".

Commenti

Post popolari in questo blog

L'atto di dolore perfetto nel tempo della pandemia

Nata per il paradiso. La straordinaria vita di Laura Degan giunta in cielo a sette anni dopo cinque di tumore

La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti boom