Invitare amici e parenti a ridiventare cattolici

Saved in: Blog by Aldo Maria Valli di Eric Sammons

In quello che si può considerare il primo sermone papale, san Pietro conclude la sua esortazione dicendo agli ebrei: "Pentitevi e ciascuno di voi si faccia battezzare nel nome di Gesù Cristo, per la remissione dei vostri peccati; dopo riceverete il dono dello Spirito Santo" (At 2,38). È stato il primo di innumerevoli inviti rivolti negli ultimi duemila anni dai papi ai non cattolici a convertirsi e ad entrare a far parte della Chiesa cattolica.

 

Eppure, negli ultimi decenni gli inviti papali alla conversione sono scomparsi.

 

Nella ricerca per il mio libro più recente, Deadly Indifference, ho letto centinaia e centinaia di discorsi papali moderni rivolti a gruppi interreligiosi, in particolare dai papi Paolo VI e Giovanni Paolo II. Leggendo questi discorsi, ho notato qualcosa di strano: non una volta il papa ha invitato i suoi ascoltatori non cattolici a diventare cattolici. Sebbene ogni papa a volte abbia notato il valore del cattolicesimo (di solito nel modo in cui condivideva un valore particolare con la religione a cui i suoi ascoltatori aderivano), non ho mai trovato un momento in cui un papa recente abbia chiesto direttamente ai non cattolici di convertirsi all'unica verità del cattolicesimo. E, naturalmente, papa Francesco sembra avere una reazione allergica alle conversioni. A differenza del primo papa, i papi moderni sono reticenti a cercare conversioni.

 

Ora, so cosa pensano in tanti: un incontro interreligioso non è il luogo adatto per cercare conversioni. Lo scopo di tali incontri è di concentrarsi sui valori e le credenze che condividiamo, non di dire alle persone di convertirsi. Farlo sarebbe sia improprio che maleducato.

 

Ma non è proprio questo il problema? Tali considerazioni, comuni tra noi oggi, mettono il rispetto umano al di sopra della salvezza eterna. Si preoccupano più di ciò che la gente penserà di noi che di ciò che Dio pensa delle loro anime.

 

Questo non è solo un problema papale: ha un impatto su tutti i cattolici. Attraverso la maggior parte della storia della Chiesa, i cattolici, dal papa fino alla panca della parrocchia, hanno capito che ci è stato dato un dono inestimabile, ma ci è anche stato dato l'obbligo di condividere quel dono con gli altri. Rifiutare quel dono perché potrebbe essere offensivo per alcuni è un abuso di ciò che il Signore ci ha donato. Poiché i papi recenti hanno guidato la tendenza, pochissimi cattolici oggi si sentono a proprio agio nel condividere il tesoro che possiedono.

 

Allora perché i cattolici non chiedono più ai non cattolici di convertirsi? Chiaramente ci sono una serie di ragioni, alcune culturali, altre religiose. È considerato scortese parlare di religione pubblicamente. Viviamo in una società "tollerante", il che significa che dovremmo accettare ogni altra fede e pratica religiosa come legittima. Neghiamo che ci sia una verità assoluta e parliamo in termini di "mia verità" e "tua verità".

 

Tutti questi atteggiamenti e altri sono fattori importanti. Ma direi che l'indifferenza religiosa è la ragione chiave: troppi cattolici semplicemente non credono che alla fine sia importante se qualcuno è cattolico. Non è qualcosa che cambia la vita, ma più una preferenza personale, come il tuo gelato preferito.

 

Tuttavia, se uno è un cattolico credente, dovrebbe credere che è attraverso la Chiesa cattolica – e solo la Chiesa cattolica – che si è salvati. Questa non è una preferenza personale, ma l'unico percorso verso la beatitudine eterna. Inoltre, non essere cattolici comporta il rischio di un destino terribile: la dannazione eterna. Allora perché non dovremmo invitare i non cattolici a diventare cattolici? Non pensiamo che sia importante?

 

La risposta si trova nell'aggettivo "credente" cattolico. La maggior parte di noi non crede veramente, o ignora, ciò che insegna la Chiesa quando si tratta di salvezza. È credenza comune tra i cattolici che le altre religioni possano portare salvezza. Inoltre, molti cattolici non riescono a credere che Dio condannerebbe chiunque (a parte forse Hitler e pochi altri) al fuoco eterno dell'inferno.

 

Questa indifferenza religiosa si basa su una concezione errata di Dio. Lo immaginiamo come una figura di Babbo Natale, vecchio e allegro e sempre pronto a fare regali. Ma l'immagine biblica di Dio è molto diversa. A meno che non accettiamo il rifiuto dell'Antico Testamento da parte dell'eretico del II secolo Marcione, dobbiamo riconciliare la sua concezione di Dio con la nostra. Più precisamente, dobbiamo conformare la nostra concezione a quella della Bibbia, di tutta la Bibbia.

 

Dio desidera che tutti gli uomini siano salvati (cfr 1 Tm 2,4), ma non costringe nessuno alla salvezza. Mentre gli ecclesiastici beige potrebbero obiettare che dovremmo sperare che tutti gli uomini siano salvati, papa Pio IX più di un secolo fa condannò il seguente errore: "Almeno una buona speranza deve essere nutrita nella salvezza eterna di tutti coloro che non sono affatto nella vera Chiesa di Cristo" (Sillabo [1864], 17). Dobbiamo renderci conto che uomini e donne vanno all'inferno, ed è possibile che la maggior parte di loro lo faccia. Dopotutto, tutti meritiamo l'inferno a causa dei nostri peccati, che sono un rifiuto della vita con Dio. Ma nella sua misericordia Dio ci mette a disposizione la salvezza, se diventiamo suoi discepoli.

 

È difficile immaginare che la maggior parte dei leader della Chiesa, o la maggior parte dei cattolici, ci creda davvero. Se lo facessero, vedrebbero la conversione dei non cattolici come la loro missione primaria nella vita. Come san Pietro, li esorterebbero a pentirsi e a farsi battezzare, anche se tale invito portasse al rifiuto sociale o addirittura alla persecuzione. In effetti, è il colmo dell'egoismo avere un grande tesoro e tenerlo per sé. Mentre i dirigenti della Chiesa amano concentrarsi sui nostri obblighi verso coloro che sono poveri materialmente, ignorano coloro che sono poveri spiritualmente.

 

Dobbiamo scrollarci di dosso la nostra indifferenza verso la salvezza e ricominciare a invitare amici e parenti non cattolici a diventare cattolici. È la missione fondamentale della Chiesa (cfr Mt 28,19-20), e se i nostri responsabili della Chiesa non la adempiono, tocca a noi farlo.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'atto di dolore perfetto nel tempo della pandemia

Nata per il paradiso. La straordinaria vita di Laura Degan giunta in cielo a sette anni dopo cinque di tumore

La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti boom