L'Eucaristia, l'Amore di Gesù che sana ogni situazione

Tutte le più alte espressioni dell'Amore –Crocifisso, unitivo, adorante- sono racchiuse nell'Eucaristia. Purificando la nostra anima dal peccato mortale e da ogni male con il sacramento della Penitenza e accostandoci devotamente alla comunione rimanendo con Lui dai 10 ai 15 minuti, riceviamo i frutti che ci permettono di conformarci a Gesù. Il Suo è un dono coì grande San Pietro Giuliano Eymard, poco prima di morire, disse: "Avete l'Eucaristia: che volete di più?"

Maria Bigazzi in "La Nuova Bussola", 9/7/2020

L'Eucaristia è Gesù Amore, il sacramento che contiene il Corpo, Sangue, Anima e Divinità del Signore Gesù Cristo. Essa è il frutto dell'immenso Amore di Gesù per noi, per il quale Egli non ha esitato a dare tutto Sé stesso fino a farsi nostro cibo. Gesù, che "avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine" (Gv 13.1-15), rimane presente nelle specie del pane e del vino, per dare gloria al suo eterno Padre attraverso la memoria della sua Passione e per darci il Pane della vita eterna. Nell'Eucaristia, vi è Gesù vivo e vero, "Dio Amore", che ci ha amato fino all'eccesso, immolandosi come Agnello innocente per la nostra Redenzione.

Tutte le più alte e più profonde espressioni dell'Amore sono racchiuse nell'Eucaristia: l'amore crocifisso, unitivo e adorante; ma anche l'amore contemplativo, orante e inebriante. Gesù Eucaristico è Amore crocifisso, che si immola per noi nel Sacrificio del suo Corpo e del suo Sangue nella Santa Messa, in memoria e rinnovazione del Sacrificio della Croce. Il pane e il vino offerti in sacrificio a Dio, per mezzo del sacerdote, divengono la sua Carne e il suo Sangue, vero cibo e vera bevanda, nutrimento, forza e vita che noi riceviamo nella santa Comunione.

In essa Gesù si dona completamente a noi e, essendo Amore unitivo, penetra nel nostro petto rimanendo corporalmente presente in noi il tempo che durano le specie del pane. È "l'unione consumata", come la chiama santa Elisabetta della Trinità: "Lui in noi e noi in Lui". Per mezzo dell'Eucaristia noi ci uniamo a Gesù, ma anche a tutte le membra del suo Corpo mistico, "poiché c'è un solo pane", scrive san Paolo"noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo nell'unico pane" (1Cor 10,17). Per essere "perfetti nell'unità", Gesù deve essere in noi e il Padre in Lui, perché come il Padre è nel Figlio, e il Figlio è nel Padre, così anche noi diventiamo una cosa sola nel Padre e nel Figlio (Gv 17,21). Ma per unirci a Gesù è necessario presentarsi a Lui "santi e immacolati", purificando la nostra anima mediante il sacramento della Penitenza, consapevoli delle parole di Gesù: "Se non ti laverò, non avrai parte con me" (Gv 13,8).

Accostandosi santamente alla Comunionel'anima riceve i frutti che le permettono di compiere una trasformazione graduale interiore che assimila la nostra persona a Gesù Ostia, con l'acquisto delle sue virtù e con la perfezione che configura la nostra vita in modo sempre più santo. Si tratta del frutto completo della Santa Messa, della Comunione e dell'adorazione eucaristica. Il nutrirsi devotamente e quotidianamente della Santa Eucaristia porta l'anima a conformarsi a Gesù, dandole un'impronta eucaristica. "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me" (Gal 2,20).

Benedetto XVI istruisce al riguardo, affermando che "il Corpo e il Sangue di Cristo sono dati a noi affinché noi stessi veniamo trasformati a nostra volta. Noi stessi dobbiamo diventare Corpo di Cristo, consanguinei di Lui". (Omelia in occasione della XX Giornata della gioventù, Colonia, domenica 21 agosto 2005).

L'anima deve quindi aspirare a diventare "Ostia eucaristica" con "Gesù Ostia", conformandosi a Gesù in modo che non sia più lei a vivere, ma Cristo in lei, per poter esclamare con san Massimiliano Maria Kolbe: "Il tuo Sangue scorre nel Sangue mio, la tua anima, o Dio incarnato, compenetra la mia anima, le dà forza e la nutre".

Essendo Amore infinito, Gesù Cristo non ci ha privati della sua presenza e, come Amore adorante, resta fra noi con umiltà nel Tabernacolo, nascosto sotto i veli eucaristici come vittima innocente in olocausto di adorazione al Padre, intercedendo incessantemente per noi.  Egli "da ricco che era si è fatto povero" (2Cor 8,9) per noi. Nella presenza eucaristica Gesù si è spogliato della sua ricchezza divina e umana ma anche della sua forza e potenza. Nel suo sconfinato Amore, ha preferito esporsi a insulti, irriverenze e profanazioni, piuttosto che privarci della sua presenza sui nostri altari. Egli ha nascosto la propria divinità, scegliendo liberamente di assumere la povertà della natura umana, a sua volta occultata per rendersi presente sotto le specie visibili e materiali del pane e del vino.

Adorando il Verbo fatto Carne, il cuore dell'uomo sperimenta i frutti dell'Amore di Dio, dissetandosi all'unica "fonte di acqua zampillante per la vita eterna" (Gv 7, 37), sorgente quotidiana di amore, di forza, di luce e di gioia, di coraggio, di ogni virtù e bene.

Non c'è situazione umana e spirituale che non possa essere curata e sanata dalla Santa Eucaristia. San Cirillo di Gerusalemme, Padre e Dottore della Chiesa, insegna:

«Se il veleno dell'orgoglio ti gonfia, ricorri all'Eucaristia, e il Pane sotto le cui apparenze si è annichilito il tuo Dio t'insegnerà l'umiltà. Se in te arde la febbre dell'avarizia, cibati di questo Pane e imparerai la generosità. Se ti rattrista il vento gelido dell'egoismo, ricorri al Pane degli angeli e nel tuo cuore spunterà rigogliosa la carità. Se ti senti spinto dall'intemperanza, cibati della Carne e del Sangue di Cristo che nella vita terrena praticò sì eccellentemente la sobrietà e diverrai temperante. Se sei pigro e indolente nelle cose spirituali, rinforzati con questo Cibo celeste e diverrai fervente. Se, infine, ti senti ardere dalla febbre dell'impurità, accostati al banchetto degli angeli e la Carne immacolata di Cristo ti farà puro e casto».

Dunque, se abbiamo l'Eucaristia, che vogliamo di più?


Commenti

Post popolari in questo blog

L'atto di dolore perfetto nel tempo della pandemia

Nata per il paradiso. La straordinaria vita di Laura Degan giunta in cielo a sette anni dopo cinque di tumore

La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti boom