Il rischio di utilizzare il Vaticano II per derive dottrinali

Il recente intervento di monsignor Carlo Maria Viganò dedicato ai rischi di legami strumentali tra il Concilio Vaticano II e le "deviazioni dottrinali, morali, liturgiche e disciplinari sorte nel post-Concilio e progressivamente sviluppatesi fino a oggi" punta su una questione che, per quanto sia fonte di sofferenza per chi ama il magistero non è eludibile.

Aldo Maria Valli in "Duc in altum" 14-6-2020

Il recente intervento di monsignor Carlo Maria Viganò dedicato ai legami tra il Concilio Vaticano II e le "deviazioni dottrinali, morali, liturgiche e disciplinari sorte e progressivamente sviluppatesi fino a oggi" punta su una questione che, per quanto sia fonte di sofferenza per molti di noi che siamo cresciuti nella Chiesa postconciliare, non è eludibile.

Monsignor Viganò, prendendo spunto da un contributo del vescovo Athanasius Schneider, parla apertamente di un "monstrum generato nei circoli dei modernisti" e che ora si mostra per ciò che è, "nella sua indole eversiva e ribelle".

Inutile girarci attorno: se oggi abbiamo una Chiesa che in molte occasioni prende vie ereticali di matrice gnostica e si ispira a quel vago umanitarismo che tanto piace al mondo e che, non a caso, le procura l'applauso di chi è sempre stato nemico della Chiesa stessa, è perché il Concilio Vaticano II, a differenza di tutti quelli che lo precedettero, pretese, in fin dei conti, di fondare una Chiesa nuova. È vero che ciò non venne mai proclamato e che anzi si parlò della necessità del rinnovamento senza intaccare il depositum fidei, ma i circoli modernisti di fatto utilizzarono il Concilio per introdurre una discontinuità. E lo strumento retorico a cui si fece ricorso fu l'espressione, del tutto inedita, "spirito del Concilio", concetto che permise di fatto di introdurre sconvolgimenti, ben al di là di quanto era scritto nei testi.

C'è un passaggio, nell'intervento di monsignor Viganò, che mi ha colpito in modo particolare, perché è molto personale e penso che più di un lettore vi si possa riconoscere: "Giunge un momento nella nostra vita in cui, per disposizione della Provvidenza, ci è posta dinanzi una scelta determinante per il futuro della Chiesa e per la nostra salvezza eterna. Parlo della scelta tra il comprendere l'errore in cui siamo caduti praticamente tutti, e quasi sempre senza cattive intenzioni, e il voler continuare a volgere altrove lo sguardo o giustificarci".

Ecco, credo che questa affermazione metta in rilievo il dramma di chi, cresciuto nella Chiesa del dopo Concilio, a distanza di decenni non può non aprire gli occhi e rendersi conto dell'inganno.

In campo ecumenico come in quello liturgico, scrive Viganò, a lungo "abbiamo pensato che certi eccessi fossero solo un'esagerazione di chi si era lasciato prendere dall'entusiasmo della novità", ma ci siamo sbagliati. Riferendosi all'orrenda pachmama, monsignor Viganò lo dice chiaramente: "Se il simulacro di una divinità infernale è potuto entrare in San Pietro, ciò fa parte di un crescendo che lo spartito prevedeva sin dall'inizio". Allo stesso modo, se "numerosissimi cattolici praticanti, e forse anche gran parte degli stessi chierici, sono oggi convinti che la fede cattolica non sia più necessaria per la salvezza eterna" e se molti sono ormai intimamente convinti che "il Dio Uno e Trino rivelatosi ai nostri padri sia lo stesso dio di Maometto", è perché il seme dell'errore e dell'eresia è stato piantato più di mezzo secolo fa e poi coltivato nel corso dei decenni.

"I progressisti e i modernisti – scrive Viganò – hanno saputo astutamente nascondere nei testi conciliari quelle espressioni di equivocità che all'epoca parevano innocue ai più ma che oggi si manifestano nella loro valenza eversiva".

Io non sono uno storico della Chiesa né tanto meno del Concilio Vaticano II, ma sento di poter aderire a quanto spiega monsignor Viganò quando sostiene che c'è stato un inganno e che molti sono caduti nella trappola. Quando l'arcivescovo parla di una "corsa verso l'abisso" e si dice stupito del fatto che "ancora ci si ostini a non voler indagare le cause prime della crisi presente, limitandosi a deplorare gli eccessi di oggi quasi non fossero la logica e inevitabile conseguenza di un piano orchestrato decenni orsono", credo che ci metta di fronte a un compito non aggirabile.

Viganò è molto netto quando mette in collegamento diretto la pachamama con Dignitatis humanae, la liturgia protestantizzata con le tesi di monsignor Annibale Bugnini, il documento di Abu Dhabi con Nostra aetate, e so bene che tante persone, anche tra coloro che fanno parte dello schieramento opposto a quello modernista, di fronte alle affermazioni dell'arcivescovo fanno un balzo sulla sedia, sostenendo che i mali e gli abusi non sono nati con il Concilio ma a causa di un tradimento del Concilio. Non è questa la sede per entrare nella disputa. Per parte mia, sento di poter aderire all'analisi di monsignor Viganò quando scrive che "il Concilio è stato utilizzato per legittimare, nel silenzio dell'autorità, le deviazioni dottrinali più aberranti, le innovazioni liturgiche più ardite e gli abusi più spregiudicati. Questo Concilio è stato talmente esaltato da essere indicato come l'unico riferimento legittimo per i cattolici, chierici e vescovi, oscurando e connotando con un senso di spregio la dottrina che la Chiesa aveva sempre autorevolmente insegnato, e proibendo la perenne liturgia che per millenni aveva alimentato la fede di un'ininterrotta generazione di fedeli, martiri e santi". E sento di poter aderire anche là dove Viganò scrive: "Lo confesso con serenità e senza polemica: sono stato uno dei tanti che, pur con molte perplessità e timori, che oggi si rivelano assolutamente legittimi, hanno dato fiducia all'autorità della gerarchia con un'obbedienza incondizionata. In realtà penso che molti, ed io tra questi, non abbiamo inizialmente considerato la possibilità di un conflitto tra l'obbedienza a un ordine della gerarchia e la fedeltà alla Chiesa stessa. A rendere tangibile la separazione innaturale, anzi, direi perversa, tra gerarchia e Chiesa, tra obbedienza e fedeltà è stato certamente quest'ultimo pontificato".

Insomma, "nonostante tutti i tentativi di ermeneutica della continuità miseramente naufragati al primo confronto con la realtà della crisi presente, è innegabile che dal Vaticano II in poi si sia costituita una chiesa parallela, sovrapposta e contrapposta alla vera Chiesa di Cristo. Essa ha progressivamente oscurato la divina istituzione fondata da Nostro Signore per sostituirla con un'entità spuria, corrispondente all'auspicata religione universale di cui fu prima teorizzatrice la massoneria. Espressioni come nuovo umanesimo, fratellanza universale, dignità dell'uomo sono parole d'ordine dell'umanitarismo filantropico negatore del vero Dio, del solidarismo orizzontale di vaga ispirazione spiritualista e dell'irenismo ecumenico che la Chiesa condanna senza appello".

Arrivare a queste conclusioni provoca, lo ripeto, sofferenza, eppure, come scrive Viganò, occorre guardare in faccia la realtà. "Questa operazione di onestà intellettuale richiede una grande umiltà, anzitutto nel riconoscere di essere stati tratti in errore per decenni, in buona fede, da persone che, costituite in autorità, non hanno saputo vigilare e custodire il gregge di Cristo: chi per quieto vivere, chi per i troppi impegni, chi per convenienza, chi infine per malafede o addirittura per dolo. Questi ultimi, che hanno tradito la Chiesa, devono essere identificati, ripresi, invitati a emendarsi e, se non si ravvedono, cacciati dal sacro recinto. Così agisce un vero pastore che ha a cuore la salute delle pecore e che dà la vita per loro; di mercenari ne abbiamo avuti e ne abbiamo tuttora fin troppi, per i quali il consenso dei nemici di Cristo è più importante della fedeltà alla sua Sposa".

La trappola è scattata, in tanti ci siamo cascati, ma ciò non giustifica il perseverare nell'errore. "E se fino a Benedetto XVI – osserva Viganò – potevamo ancora immaginare che il colpo di stato del Vaticano II (che il cardinale Suenens definì il 1789 della Chiesa) avesse conosciuto un rallentamento, in questi ultimi anni anche i più ingenui tra noi hanno compreso che il silenzio, per timore di suscitare uno scisma, il tentativo di aggiustare i documenti papali in senso cattolico per rimediare alla loro voluta equivocità, gli appelli e i dubia a Francesco rimasti eloquentemente senza risposta, sono una conferma della situazione di gravissima apostasia cui sono esposti i vertici della gerarchia, mentre il popolo cristiano e il clero si sentono irrimediabilmente allontanati e considerati quasi con fastidio dall'episcopato".

Spesso guardare in faccia le origini della malattia provoca sofferenza e pena; può nascere anche un insidioso senso di fallimento. Non di meno, occorre farlo se si vuole trovare la via della guarigione.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Don Gino Oliosi

Prete da sessanta anni!

Intervista a Padre Flavio Uboldi, teologo cappuccino, per il 103 anniversario dell'inizio delle apparizioni di Fatima