Nelle tenebre senza la luce di Cristo R isorto l'uomo non è libero, capace di amare e quindi essere felice in tutte le tribolazioni, per fino nella morte

Quando nel cuore dell'uomo accade il tutto della luce, della speranza della risurrezione, diventa libero. Diventa uomo di carattere, uomo di fede, uomo di speranza anche di fronte al morire, uomo capace di amare e di essere amato cioè felice, pronto al sacrificio, uomo segno di una umanità capace di discernere il vero bene dal male, capace di riconoscere il Pastore dal lupo divoratore

In "Messa in latino" 13 aprile 2020

Roma. Nella veglia pasquale nella chiesa di San Salvatore in Lauro in pieno centro storico di Roma, santuario eucaristico e mariano dove si venerano anche alcune Reliquie di San Pio da Pietrelcina, sono risuonate forti e  vibranti le accorate parole  del Parroco Mons. Pietro Bongiovanni che in quella celebrazione sapeva di avere la presenza dei Santi e delle Sante che da secoli sono venerati in quella splendida chiesa.

Nella liturgia della Santa Notte di Pasqua, seguita dai parrocchiani in streaming,  con il cortese permesso del Rev.do Parroco abbiamo trascritto  l'Omelia nella quale si scorgono tutte le caratteristiche dell'eroismo cattolico che nei momenti tragici della storia ha reso tanti sacerdoti e religiosi che operavano nella Città Eterna splendenti di carità nella completa dedizione verso i fratelli sofferenti .
Il Signore Crocifisso, Risorto e Buon Pastore assista e protegga i Suoi Consacrati posti a servizio delle pecorelle del Suo gregge.

Veglia Pasquale 2020 

Chiesa di San Salvatore in Lauro, Roma

Omelia

Questa notte non è come tutte le altre notti questa notte segna una discontinuità rispetto a tutte le altri notti questa notte il segno della luce, il segno potente della luce abbaglia tutti noi perché nella notte Colui che era morto è risorto: una cosa mai intesa nella storia dell'umanità il Crocefisso è risorto 

Si! È veramente risorto! 

Mi faccio una domanda con te fratello e sorella che stai seguendo questa liturgia: che cosa

sarebbe la nostra vita se non ci fosse questa notte!  

Questa notte, oscura come tutte le altre notti, questa notte inondata di una luce nuova sfolgorante. 

Cosa sarebbe la nostra vita sarebbe semplicemente un viaggio assurdo verso la morte ma questa notte nessuno la può cancellare: non c'è potere umano che può toglierla dalla prospettiva della storia dell'uomo 

Tanti, tanti hanno continuamente pensato di spegnere questa luce.

Ancora oggi lo sforzo di molti è rivolto proprio a questo: cancellare dalla prospettiva dell'uomo la notte che passa dall'oscurità allo splendore della luce. 

Perché si vuol togliere all'umanità questa notte risplendente di luce?

Perché l'uomo quando è dominato dalla notte è un uomo debole, manovrabile, gestibile. 

Quando l'umanità è dominata dalla paura diventa un gregge capace di seguire qualsiasi pastore fosse anche un lupo divoratore.

Quando l'uomo non ha la speranza diventa succube di tutto ciò che gli viene propinato anche le cose più tremende e assurde. 

Ma quando nel cuore dell'uomo è presente questa notte con il fulgore della sua luce questo uomo diventa libero, diventa uomo di carattere, uomo di fede, uomo di speranza, uomo capace di amare, uomo pronto al sacrificio, uomo segno di una umanità capace di discernere il bene dal male, capace di riconoscere il pastore dal lupo divoratore.  

Questa è la notte che con la sua luce cambia la terra e le dà un destino finalmente di immortalità: viene perdonato il peccato, viene rialzato il morto, viene rianimato lo sfingato, viene dato a chiunque lo chieda la prospettiva di un futuro che porta con sé la luce di questa notte perché porta con sé il protagonista di questa notte che è il Cristo crocefisso e risorto. 

Fratelli e sorelle noi siamo immersi in un periodo complesso le cui conseguenze si dipaneranno davanti a noi gradualmente ma già richiederanno grandi sacrifici : piangeremo e già stiamo piangendo i nostri morti , stiamo curando le ferite di molti, siamo di fronte a tanta gente che mossa da grande pietà e da grande professionalità sta dando il meglio di se', siamo di fronte al barcollare di tante situazioni incerte ma dentro di noi abbiamo la forza di quel Cristo crocefisso e risorto che ci dice una parola sola: PACE A VOI NON ABBIATE PAURA: IO IL SIGNORE SONO CON VOI COME RISORTO FINO ALLA FINE DEL MONDO!

Vieni! Vieni Signore Gesù rimani con noi e fa che nessuno di noi vada perduto perché nessuno di noi abbia a temere mai nulla Tu o Signore sei accanto a noi come il Redentore Risorto che ci porta nella luce piena della verità e della speranza. 
Buona Pasqua fratelli e sorelle ovunque voi siate.

Buona Pasqua e custodiamo in cuore e nella vita questa luce che si è accesa per non spengersi mai più.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Don Gino Oliosi

Prete da sessanta anni!

Intervista a Padre Flavio Uboldi, teologo cappuccino, per il 103 anniversario dell'inizio delle apparizioni di Fatima