Card. Eijk di Utrecht: "Il futuro è nella fede cattolica ortodossa, manifestata in modo chiaro e autentico"

Il ritorno al sacro in una relazione con Cristo presente in una vera vita di preghiera, personale e comunitaria, è la nostra salvezza

In "MiL" 17 aprile 2020

Il Cardinale Willem Jacobus Eijk ha spiegato che "dopo il Concilio Vaticano II, molte persone nei Paesi Bassi sono andate troppo in fretta. La gente credeva, tra le altre cose, che il celibato sacerdotale sarebbe stato presto abolito, e molti sacerdoti presero il comando. Quando si è scoperto che ciò non sarebbe accaduto, molti si sono dimessi. Durante il famoso Consiglio pastorale di Noordwijkerhout (1968-1970), tutti furono invitati a partecipare alla discussione sul futuro della Chiesa olandese, che causò molto caos. Ci sono state anche molte esperienze liturgiche, con l'obiettivo di mantenere i giovani nelle chiese. Tutto ciò è stato vano, perché i giovani non vengono in chiesa per ascoltare la chitarra ma per Cristo. Se vogliono la chitarra, preferiscono andare a un concerto di chitarra... La Chiesa alla fine si polarizzò in questo senso nei Paesi Bassi. Papa Giovanni Paolo II era molto preoccupato per questa situazione e aprì a Roma un'assemblea speciale del Sinodo dei vescovi, con i vescovi dei Paesi Bassi. Ciò avvenne nel 1980 e fu il punto di partenza di una lunga strada verso la standardizzazione. Papa Giovanni Paolo II conosceva i Paesi Bassi: uno studente all'Angelicum di Roma, aveva già fatto un soggiorno nei Paesi Bassi nel 1947. Abbiamo una sua lettera in cui ha scritto che ammirava la potente organizzazione della Chiesa olandese. Tuttavia, ha notato una mancanza di spiritualità, fede vissuta e vita di preghiera personale tra i cattolici olandesi".


Riflettendo sulla decristianizzazione dell'intero Occidente, sulla secolarizzazione avanzata, il cardinale Eijk ha spiegato che i "primi segni del declino della Chiesa cattolica nei Paesi Bassi divennero evidenti subito dopo l'ultima guerra. La Chiesa cattolica nei Paesi Bassi era un'organizzazione basata più sui legami sociali che sul contenuto della fede condivisa dai membri. Questo era vero anche in altri paesi dell'Europa occidentale, ma forse un po' meno. Molti credenti non avevano abbastanza legami personali con Cristo. In effetti, la vita semi-ecclesiastica, organizzata intorno alla Chiesa (in particolare con scuole cattoliche, circoli sportivi e scout cattolici) era spesso l'unico legame con la Chiesa per i cattolici, un legame sociale.Questo è ciò che è scomparso. E questo è precisamente il motivo per cui la Chiesa non ha potuto resistere all'ascesa della cultura individualista negli anni '60, che ha ridotto la forte coesione reciproca che era esistita fino ad allora in tutta la società olandese e addirittura è scomparsa completamente in alcuni punti. L'individualismo che si è imposto ha, quindi, avuto la sua causa diretta nella rapida crescita della prosperità negli anni '60, che ha permesso alle persone di vivere in gran parte indipendentemente l'una dall'altra. Da allora questa cultura è diventata una cultura iper-individualista grazie all'introduzione dei social media intorno al 2005.


Ragionando sulle comunità protestanti nei Paesi Bassi il cardinale Eijk ritiene che "le comunità protestanti nei Paesi Bassi si sono effettivamente ridotte considerevolmente negli ultimi decenni. La Chiesa riformata olandese perse praticamente l'intera élite e gli operai durante l'ultimo quarto del XIX secolo, poi si svuotò gradualmente dalla prima guerra mondiale. Solo le obbedienze protestanti molto ortodosse si stabilizzarono o addirittura aumentarono leggermente. Questa è la prova che l'ortodossia ha un futuro. Le religioni che si adattano alla cultura e ai tempi nostri perdono se stesse, quindi perdono i loro seguaci. In effetti, più in generale, le parrocchie che hanno una forte identità e un'ordinata liturgia domenicale hanno il maggior richiamo. Lì vediamo famiglie, giovani. Il numero di credenti certamente diminuisce, ma oggi chi sceglie di essere credente è attivo il più delle volte.


Sulla situazione della Chiesa Cattolica in Olanda il cardinale Eijk non nasconde le sue paure. "La situazione è preoccupante. Nella seconda metà degli anni '60, un'intera generazione di giovani ha smesso di andare in chiesa. Questi giovani, ora nonni, hanno trasmesso poca o nessuna fede ai loro figli. E ora abbiamo a che fare con i loro nipoti, che generalmente non sanno nulla della fede cristiana e che, molto spesso, non sono nemmeno battezzati. Nel 2002, meno della metà degli olandesi, il 43%, riferiva di appartenere a una chiesa. Questa percentuale è poi diminuita del 12% in 14 anni: nel 2016 solo il 31% si considerava ancora membro di una Chiesa. Questo sviluppo riflette la velocità della secolarizzazione nei Paesi Bassi. Questo, ovviamente, ha un impatto sul numero di olandesi registrati come cattolici: nel 2000 ce n'erano 5.106.000. Nel 2015, è stata osservata una riduzione del 24% rispetto al 2000, a 3.882.000 cattolici su una popolazione che è passata da 15.864.000 a oltre 16.500.000 nello stesso periodo. Il numero di cattolici che ogni domenica frequentano la chiesa è passato da 385.675 nel 2003 a 186.700 nel 2015: un calo del 52% in 12 anni. Centinaia di chiese sono già state chiuse e questo continuerà. Dobbiamo essere realistici al riguardo. Quando il numero di cattolici praticanti nei paesi dell'Europa occidentale diminuisce e il numero di volontari e le dimensioni delle risorse finanziarie di conseguenza diminuiscono, è inevitabile che un gran numero di chiese sarà chiuso, ed è un fatto molto doloroso".


Il cardinale Eijk non se la sente di parlare di un rinascimento veloce nel prossimo futuro, "ma ci sono segni di speranza. In primo luogo, quando celebriamo l'Eucaristia, il Signore viene da noi sotto forma di pane e vino e quando riceviamo la comunione, la riceviamo personalmente, sia che molte o poche persone partecipino alla celebrazione. È la fonte di una grande e profonda gioia spirituale interiore che niente e nessuno, nemmeno la secolarizzazione, può toglierci. E non è una gioia egoistica, in quanto coloro che la ricevono hanno la ferma volontà di promuovere il più possibile la fede in Cristo. Inoltre, l'attuale cultura individualista non è eterna: dovrà lasciare il posto a una cultura diversa, più aperta alla fede cristiana. Infine, c'è un motivo speciale per continuare a sperare. Certamente la Chiesa sta diminuendo di "quantità", vale a dire in numero di cattolici. È doloroso e inquietante in sé dover riconoscere questo fatto. Possiamo consolarci parlando della "qualità" di chi rimane cattolico? No, non credo".


Sulle comunità contemplative in Olanda il cardinale Eijk ha spiegato che anche il loro numero è diminuito negli ultimi decenni. "Nell'arcidiocesi di Utrecht ci sono ordini religiosi e congregazioni di suore e monaci dedicati alla preghiera. La loro presenza nella preghiera è preziosa per la Chiesa".


Citando il rettore del seminario minore di Apeldoorn, mons. Toon Ramselaar, per il cardinale "una causa importante della crisi di fede nei Paesi Bassi è la convinzione dei cattolici che la fede cattolica non è 'altro che un sistema di verità e comandamenti' che non tocca più la loro vita quotidiana. La fede, ha quindi perso la sua rilevanza nella vita quotidiana, per la maggior parte dei cattolici. Così che la hanno abbandonato in massa in breve tempo. Ramselaar fece questa osservazione nel 1947, dopo aver discusso con sacerdoti e laici sulla crisi della Chiesa che videro arrivare. La storia della secolarizzazione tra i cattolici olandesi e la diagnosi fatta da Karol Wojtyla [il futuro San Giovanni Paolo II] subito dopo la seconda guerra mondiale ci insegna una cosa: l'annuncio della catechesi e lo sviluppo della liturgia devono avere un carattere spirituale nel senso che non dovrebbero limitarsi a un trasferimento di verità astratte e dichiarazioni etiche, ma dovrebbero portare bambini, giovani e adulti a una relazione veramente personale con Cristo e a una vera vita di preghiera.


Per il cardinale Eijk ritorno al sacro, silenzio e adorazione sono essenziali per sviluppare una nuova evangelizzazione. "Oggi le pensioni del monastero sono affollate. Coloro che vengono ai monasteri in questo modo mancano di qualcosa nella loro vita quotidiana e cercano di trovarlo nel silenzio delle case religiose. Può essere un primo passo verso un ritorno alla fede. Sebbene, purtroppo, la visita al monastero sia di breve durata: una volta tornati alla vita quotidiana, il sovraccarico di attività riprende per tutti come prima. In ogni caso, il sacro silenzio della chiesa, il culto, le celebrazioni degne sono essenziali e, inoltre, tutto ciò sembra attrarre le persone che cercano Dio.


Il Cardinale Eijk spiegato anche che in Olando esistono gruppi legati alla straordinaria forma del rito romano. "Ma sono ancora piccoli. Un'associazione per la liturgia latina esiste nei Paesi Bassi dal 1967. Il suo scopo originale era quello di promuovere le celebrazioni latine secondo il Novus Ordo. Ma dal motu proprio Summorum Pontificum di Papa Benedetto XVI, questa associazione è ora impegnata nella Messa latina secondo la straordinaria forma della liturgia romana. In queste celebrazioni secondo la straordinaria forma della liturgia romana, è sorprendente vedere che i fedeli sono spesso giovani. Il loro numero non è ancora molto grande nei Paesi Bassi, a differenza della Francia per esempio. Questi gruppi non svolgono un ruolo importante nella ri-evangelizzazione, ma dimostrano inequivocabilmente che il futuro è per la fede ortodossa, manifestata in modo chiaro e autentico. Queste cerimonie sono attraenti e le persone partecipano.


Sull'acquisto della chiesa di Saint-Willibrod a Utrecht da parte della Fraternità San Pio X il cardinale ha spiegato d'essere felice che Saint-Willibrod "sia stata preservata per una funzione liturgica. Ma non sono in grado di giudicare il ruolo della FSSPX nella ri-evangelizzazione dei Paesi Bassi".


Concludendo l'intervista il cardinale Eijk ha spiegato che liturgia nella forma straordinaria del rito romano avrà un ruolo per il futuro della Chiesa. L'entità di questo ruolo è difficile da misurare e probabilmente varierà da paese a paese. In ogni caso, il latino è essenziale come lingua liturgica, anche nella forma ordinaria della liturgia".


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Don Gino Oliosi

Monteforte: la mia esperienza di esorcista

Preghiera ai Santi pastorelli di Fatima contro l'epidemia