La regalità sociale di Gesù Cristo cuore della Dottrina sociale della Chiesa

Samuele Cecotti in "Duc in altum" – 21 novembre 2023

Osservatorio Van Thuan info.ossvanthuan@gmail.com 

 

Sabato 2 dicembre prossimo, presso il convento francescano di San Daniele a Lonigo (VI), si svolgerà VII convegno della serie "San Tommaso e la Dottrina sociale della Chiesa", quest'anno dedicato alla Regalità sociale di Cristo.

 

I convegni "San Tommaso e la Dottrina sociale della Chiesa" sono nati dall'esigenza di ritrovare le radici filosofico-teologiche della Dottrina sociale, radici che proprio papa Leone XIII indica con certezza nel pensiero di san Tommaso d'Aquino. Ecco allora la necessità di un tomismo sociale-politico ovvero di una considerazione razionale dei grandi temi politici, sociali, economici e giuridici nel quadro del realismo metafisico-gnoseologico tommasiano. Riprendere la grande lezione dell'Aquinate per pensare con verità la dimensione socio-politica dell'uomo. 

 

In un tempo, il nostro, segnato dai più inquietanti processi di dissoluzione di ogni solido ordine morale-giuridico razionalmente fondato, la Dottrina sociale ha il compito "profetico" di andare controcorrente, di essere all'opposizione indicando con forza la verità dell'ordine naturale di giustizia, il necessario vincolo di ogni norma con il diritto naturale, la dimensione pubblica della Vera Religione, il fondamento in Dio di ogni umana autorità, la Regalità sociale di Cristo.

 

Dopo aver considerato nei precedenti convegni il bene comune, il principio di sussidiarietà, il fondamento del diritto e della legge, la persona umana e l'errore del personalismo cattolico, l'autorità e la libertà nella verità e il diritto naturale di proprietà, quest'anno lo sguardo sulla Regalità sociale di Cristo consentirà di delineare, alla luce della lezione di san Tommaso d'Aquino, il fondamento, il cuore e il vertice della Dottrina sociale e di ogni Respublica Christiana.

 

Parlare di Regalità sociale di Cristo oggi è impresa intellettualmente coraggiosa perché significa affermare la Signoria di Gesù Cristo non solo sulle anime dei credenti ma su famiglie, corpi sociali, popoli, nazioni, Stati. Significa affermare la necessaria subordinazione a Cristo della politica, significa negare in radice la Rivoluzione (francese) e la sua eredità. Significa opporre alla modernità politica (sovranità, laicità, artificialità/convenzionalità, giuspositivismo) un'alternativa totale: la Respublica Christiana!

 

Il convegno è promosso, assieme all'Osservatorio Van Thuân, dall'Istituto del Verbo Incarnato, dalla Società Internazionale Tommaso d'Aquino e dalla Gustav-Siewerth-Akademie.

 

Relatori saranno il professor Stefano Fontana, direttore dell'Osservatorio, il professor Danilo Castellano, ordinario di Filosofia politica, il professor Giovanni Turco, docente di Filosofia del diritto, don Samuele Cecotti, vice-presidente dell'Osservatorio Van Thuân, e il professor padre Arturo Ruiz Freites, teologo e prorettore della Gustav-Siewerth-Akademie.

Vi invitiamo a partecipare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Anglicani

I peccati che mandano più anime all'inferno

Sulla bellezza della Messa “Tridentina”