Cardinale Woelki: "il Sinodo tedesco è un parlamento protestante"


Il cardinale di Colonia Rainer Maria Woelki dice che quello che si sta svolgendo è in realtà un Parlamento della Chiesa protestante

Marco Tosatti, Stilum Curiae 1 febbraio 2020

Il cardinale di Colonia Rainer Maria Woelki ha espresso in un'intervista a Domradio tutte le sue preoccupazioni nei confronti del Sinodo della Chiesa tedesca, che si è aperto a Francoforte, e che dovrebbe durare due anni. Toccando tutta una serie di temi – morale sessuale, celibato dei preti, ruolo delle donne – che hanno fatto parlare più di un commentatore di prodromi di scisma nei confronti di Roma e della dottrina cattolica. E il porporato nella sua intervista – di cui offriamo qualche brano nella nostra traduzione, sotto forma di parafrasi. Chi ha familiarità con il tedesco può trovare il testo qui.

L'articolo comincia con il titolo: "Tutte le mie paure si sono avverate".

Woelki dice di aver chiarito di nutrire grande preoccupazione, per il fatto che quello che si sta svolgendo è in realtà un Parlamento della Chiesa protestante, e che questo è chiaro dal modo in cui questo evento è stato preparato e realizzato. "Ma è successo davvero". In molti discorsi sono ignorati i prerequisiti essenziali di natura ecclesiologica rispetto a ciò che è la Chiesa. E questo era già chiaro quando si parlava di servizio ecclesiale, quando si mettevano tutti insieme vescovi e laici esprimendo così l'idea che  tutti erano uguali. E questo in realtà non ha nulla a che fare con ciò che la Chiesa cattolica è e significa.

L'intervistatore gli chiede se questa sensazione è confermata dal fatto che la disposizione dei posti segue un criterio alfabetico. Il cardinale risponde che questo "Chiarisce semplicemente che la costituzione gerarchica della chiesa, come documentato nuovamente nel Concilio Vaticano II ed espressa anche in "Lumen gentium", è messa in discussione. La coesistenza organica dei consacrati e dei non consacrati e la varietà dei compiti che vi sono espressi sono effettivamente messi in discussione e relativizzati dalla disposizione dei posti e da molti altri piccoli segni. Penso che sia estremamente preoccupante".

Woelki ricorda che "Quando scriviamo i nostri discorsi, testi e documenti, dobbiamo sempre ascoltare ciò che il Signore vuole dirci, non solo ciò in cui crediamo. Il Signore parla attraverso la Parola delle Scritture, ma parla anche attraverso la fede e l'insegnamento della Chiesa". "E ora non è che duemila anni dopo stiamo di nuovo costituendo o reinventando la Chiesa, ma siamo stabiliti in una lunga tradizione. La fede, come è stabilita nei consigli e anche dalle origini apostoliche, non può essere in qualche modo demolita o reinventata ora. Ci sono dei requisiti. Anche questo fa parte di un processo spirituale, il percepirlo e riflettere profondamente su di esso e non buttarlo via come un vecchio caffè, perché potrei non averlo capito. Si tratta prima di cercare di capire quale sia la fede e l'insegnamento della Chiesa, e quindi riflettere sulle domande che stiamo affrontando oggi nel 2020 e quindi rispondere in base a questa fede della Chiesa e al Vangelo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Don Gino Oliosi

Prete da sessanta anni!

Intervista a Padre Flavio Uboldi, teologo cappuccino, per il 103 anniversario dell'inizio delle apparizioni di Fatima