Inginocchiati nel ricevere la Comunione

Nel Santuario della Santa Casa di Loreto sono sempre di più i fedeli che, anche in assenza degli inginocchiatoi, non esitano ad inginocchiarsi durante la Consacrazione e quando ricevono la Comunione

"MIL", 07/12/2019

I fedeli debbono essere informati che la "Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ribadisce che «la pratica di inginocchiarsi per la Sacra Comunione ha a suo favore secoli di tradizione ed è un segno di adorazione particolarmente espressivo, del tutto appropriato alla luce della vera, reale e sostanziale presenza di Nostro Signore Gesù Cristo sotto le specie consacrate» (Lettera This Congregation, 1 luglio 2002: trad. it. Enchiridion Vaticanum vol. XXI, p. 471 n. 666). Il Dicastero chiarisce che non è lecito rifiutare la Sacra Comunione per la semplice ragione che i comunicandi scelgono di riceverla in ginocchio (cf. Istruzione Redemptionis Sacramentum, n. 91)" ( Cfr. Sito Ufficiale della Santa Sede, Ufficio delle celebrazioni liturgiche del Santo Padre ). 
E' lo Spirito Santo che ispira buoni e devoti sentimenti nei semplici fedeli soprattutto nei tristi momenti in cui la fede è fortemente minacciata dal relativismo e dal sincretismo; ci vengono in mente due riflessioni che nel tempo hanno assunto la caratteristica di profezia: la prima del teologo Joseph Ratzinger il 24 dicembre del 1969 "...la gente vedrà quel piccolo gregge di credenti come qualcosa di totalmente nuovo: lo scopriranno come una speranza per se stessi, la risposta che avevano sempre cercato in segreto - il futuro della Chiesa - non risiederà in coloro che cercano affannosamente di adattarsi alle mode del momento e di lanciare slogan orecchiabili, ma nei santi, in grado di vedere più lontano degli altri perché rivolti a Dio" ( Cfr. La Spigola) 

La seconda riflessione profetica è di otto anni dopo quella di Ratzinger quando il Papa Paolo VI in una famosa intervista al filosofo e scrittore Jean Guitton l'8 settembre 1977 affermò realisticamente: «C'è un grande turbamento in questo momento nel mondo della Chiesa, e ciò che è in questione è la fede. Capita ora che mi ripeta la frase oscura di Gesù nel Vangelo di san Luca: "Quando il Figlio dell'Uomo ritornerà, troverà ancora la fede sulla Terra?". Capita che escano dei libri in cui la fede è in ritirata su punti importanti, che gli episcopati tacciano, che non si trovino strani questi libri. Questo, secondo me, è strano. Rileggo talvolta il Vangelo della fine dei tempi e constato che in questo momento emergono alcuni segni di questa fine. Siamo prossimi alla fine? Questo non lo sapremo mai. Occorre tenersi sempre pronti, ma tutto può durare ancora molto a lungo. Ciò che mi colpisce, quando considero il mondo cattolico, è che all'interno del cattolicesimo sembra talvolta predominare un pensiero di tipo non cattolico, e può avvenire che questo pensiero non cattolico all'interno del cattolicesimo diventi domani il più forte. Ma esso non rappresenterà mai il pensiero della Chiesa. Bisogna che sussista un piccolo gregge, per quanto piccolo esso sia». (Cfr. Il Timone) 

Solo pochi giorni fa MiL si era occupata dell'ennesimo triste episodio avvenuto questa volta a Monteprandone, Diocesi di San Benedetto del Tronto, allorché un fedele che con molta discrezione aveva " fatto defluire la fila davanti a sé, poi quando è stato il suo turno si è inginocchiato per prendere l'ostia dalle mani del prete, a quel punto il parroco della parrocchia Regina Pacis don Gian Luca Pelliccioni, lo ha invitato ad alzarsi di fronte allo stupore dello stesso Galluzzi e degli altri fedeli" ( Cfr.MiL ) 

Una vicenda tutt'altro che conclusa! 

La guida turistica ci invita infine a ringraziare il Signore per "la devozione verso il Santissimo Sacramento che molti fedeli con coraggio ed in numero crescente stanno dimostrando ".

Speriamo che la testimonianza dei fedeli " del piccolo gregge" possa ispirare una più consona devozione sul grande mistero del Corpo e Sangue del Signore!

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista a Don Gino Oliosi

Prete da sessanta anni!

Monteforte: la mia esperienza di esorcista