Covid, Vaccino e la nuda vita

Alcuni aforismi e pensieri del filosofo Giorgio Agamben

 

 http://www.accademianuovaitalia.it/images/0-0-QUATER2020/0-isolation.gif

GLI ITALIANI E LA "PANDEMIA"

«È evidente che gli italiani sono disposti a sacrificare praticamente tutto, le condizioni normali di vita, i rapporti sociali, il lavoro, perfino le amicizie, gli affetti e le convinzioni religiose e politiche al pericolo di ammalarsi. La nuda vita – e la paura di perderla – non è qualcosa che unisce gli uomini, ma li acceca e separa.»

(17 marzo 2020 Giorgio Agamben - https://www.quodlibet.it/giorgio-agamben-chiarimenti)

http://www.accademianuovaitalia.it/images/gif/stati-persone/0-fissi-piccoli-bandiere/GOLDEN3.gif

COVID E VACCINO

 

La nuda vita e il vaccino

Qual è la figura della nuda vita che è oggi in questione nella gestione della pandemia? Non è tanto il malato, che pure viene isolato e trattato come mai un paziente è stato trattato nella storia della medicina; è, piuttosto, il contagiato o – come viene definito con una formula contraddittoria – il malato asintomatico, cioè qualcosa che ciascun uomo è virtualmente, anche senza saperlo. In questione non è tanto la salute, quanto piuttosto una vita né sana né malata, che, come tale, in quanto potenzialmente patogena, può essere privata delle sue libertà e assoggettata a divieti e controlli di ogni specie. Tutti gli uomini sono, in questo senso, virtualmente dei malati asintomatici. La sola identità di questa vita fluttuante fra la malattia e la salute è di essere il destinatario del tampone e del vaccino, che, come il battesimo di una nuova religione, definiscono la figura rovesciata di quella che un tempo si chiamava cittadinanza. Battesimo non più indelebile, ma necessariamente provvisorio e rinnovabile, perché il neo-cittadino, che dovrà sempre esibirne il certificato, non ha più diritti inalienabili e indecidibili, ma solo obblighi che devono esser incessantemente decisi e aggiornati.

(16 aprile 2021 Giorgio Agamben - https://www.quodlibet.it/giorgio-agamben-la-nuda-vita-e-il-vaccino)

http://www.accademianuovaitalia.it/images/gif/stati-persone/0-fissi-piccoli-bandiere/GOLDEN3.gif

IL VOLTO E LA MORTE

Si comprende allora perché un mondo senza volti non possa essere che un mondo senza morti. Se i vivi perdono il loro volto, i morti diventano soltanto dei numeri, che, in quanto erano stati ridotti alla loro pura vita biologica, devono morire soli e senza funerali. E se il volto è il luogo in cui, prima di ogni discorso, comunichiamo con i nostri simili, allora anche i vivi, privati del loro rapporto col volto, sono, per quanto si sforzino di comunicare con i dispositivi digitali, irreparabilmente soli.

Il progetto planetario che i governi cercano di imporre è, dunque, radicalmente impolitico. Esso si propone anzi di eliminare dall'esistenza umana ogni elemento genuinamente politico, per sostituirlo con una governamentalità fondata soltanto su un controllo algoritmico. Cancellazione del volto, rimozione dei morti e distanziamento sociale sono i dispositivi essenziali di questa governamentalità, che, secondo le dichiarazioni concordi dei potenti, dovranno essere mantenuti anche quando il terrore sanitario sarà allentato. Ma una società senza volto, senza passato e senza contatto fisico è una società di spettri, come tale condannata a una più o meno rapida rovina.

(Testo pubblicato sulla «Neue Zürcher Zeitung», 30 aprile 2021)

Giorgio Agamben, nato a Roma nel 1942 da una famiglia veneziana di origine armena, è tra i maggiori filosofi contemporanei.

Per articoli e pubblicazioni vedi anche: https://www.quodlibet.it/una-voce-giorgio-agambeDel 14 Maggio 2021

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'atto di dolore perfetto nel tempo della pandemia

Nata per il paradiso. La straordinaria vita di Laura Degan giunta in cielo a sette anni dopo cinque di tumore

La Dad è un rischio. Per i ricoveri di adolescenti boom