Gerarchia a Verona con il ringraziamento al vescovo emerito e l'accoglienza del nuovo ordinario

 

La gerarchia della Chiesa cattolica è composta da vescovi , sacerdoti e diaconi . Nel senso ecclesiologico del termine, "gerarchia" significa, in senso stretto, il "sacro ordine" della Chiesa, Corpo di Cristo, istituito per rispettare la diversità dei doni e dei ministeri necessari per la vera unità ( 1 Cor. 12 ).

 

Nel vocabolario comune come nella terminologia canonica, la "gerarchia" include coloro che esercitano l'autorità all'interno di una Chiesa cristiana. Nella Chiesa cattolica l' autorità spetta principalmente ai vescovi, mentre sacerdoti e diaconi hanno funzioni di assistenti, collaboratori o ausiliari. Di conseguenza, anche "gerarchia della Chiesa cattolica" è usato per riferirsi solo ai vescovi.

 

A 30 dicembre 2014, la Chiesa cattolica aveva 2.998 diocesi o giurisdizioni equivalenti, ciascuna guidata da un vescovo. Le diocesi sono divise in diverse comunità chiamate parrocchie , ciascuna amministrata da uno o più sacerdoti, diaconi o ministri laici . Di solito la cura di una parrocchia è affidata a un sacerdote, con rare eccezioni. Circa il 22% di tutte le parrocchie non ha un parroco residente e 3.485 parrocchie nel mondo sono assegnate a diaconi o laici.

 

Tutto il clero, compresi diaconi, sacerdoti e vescovi, può predicare , insegnare, battezzare , ricevere matrimoni e condurre liturgie funebri . Solo i sacerdoti e i vescovi possono celebrare i sacramenti dell'Eucaristia (anche se altre persone possono essere ministri di comunione ), penitenza (detta anche riconciliazione o confessione), cresima (i sacerdoti possono amministrare questo sacramento) se ricevono l'autorizzazione del loro vescovo) e l' unzione degli infermi . Solo i vescovi possono amministrare il sacramento dell'ordine , mediante il quale gli uomini sono ordinati vescovi, sacerdoti o diaconi.

 

 

Sommario 

1         I vescovi

1.1      Papa (Vescovo di Roma)

1.1.1  Funzioni e titolo

1.1.2  Elezione

1.2      Patriarchi

1.2.1  Patriarchi cattolici di rito latino

1.2.2  Patriarchi cattolici di rito orientale

1.3      Arcivescovi Maggiori

1.4Cardinali

1.5      Primati

1.6      Metropolitana

1.7      Arcivescovi

1.8      Vescovi diocesani

1.8.1  Posizioni di diritto equivalenti ai vescovi diocesani

1.9      Altri vescovi

2         Ordinario e ordinario locale

3         Sacerdozio

3.1      In generale

3.2      Sacerdoti che prestano servizio fuori della loro diocesi

3.3      Curia diocesana e Capitolo canonico

3.4      Vicari della Fiera, o Decani

3.5      parroco

3.6      Sacerdoti assistenti/vicari parrocchiali

3.7      titoli onorari

4         diaconato

5         laici

6         religiosi

7         riferimenti

8         Link esterni

Vescovi

I vescovi , che possiedono la pienezza degli ordini, e quindi quella del sacerdozio e del diaconato, formano un corpo (il Collegio episcopale ) considerato come successore degli apostoli e sono «fatti Pastori nella Chiesa per essere, essi stessi, maestri di dottrina, sacerdoti del sacro culto e ministri di governo" e "rappresentano la Chiesa". Nel 2012 i vescovi cattolici erano 5.133; alla fine del 2014 i vescovi cattolici erano 5.237. Il Papa stesso è un vescovo (della Diocesi di Roma ) e usa tradizionalmente il titolo di "Venerabile Fratello" quando scrive formalmente a un altro vescovo.

 

Il ruolo tipico di un vescovo è quello di assicurare il governo pastorale di una diocesi . I Vescovi che svolgono questa funzione sono detti diocesani ordinari , perché hanno quella che il diritto canonico chiama autorità ordinaria (cioè non delegata) su una diocesi. Questi vescovi possono essere conosciuti come gerarchi nelle chiese cattoliche orientali . Altri vescovi possono essere nominati per assistere gli ordinari ( vescovi ausiliari e vescovi coadiutori ) o per esercitare una funzione in un altro ambito al servizio della Chiesa, come la diplomazia della Santa Sede ( nunzi apostolici ) o all'interno della Curia romana .

 

 

I vescovi di un paese o di una regione possono formare una conferenza episcopale e incontrarsi periodicamente per discutere questioni di attualità. Le decisioni in determinati settori, in particolare la liturgia , sono di competenza esclusiva di queste conferenze. Le decisioni delle conferenze sono vincolanti per ciascun Vescovo partecipante solo se approvate da almeno due terzi dei membri e confermate dalla Santa Sede .

 

I Vescovi sono ordinariamente ordinati all'Episcopato da almeno altri tre Vescovi, anche se solo uno è richiesto per la validità. In tutti i casi, un mandato pontificio è imperativo. L'ordinazione all'episcopato è considerata il completamento del sacramento dell'Ordine; anche quando un vescovo si ritira dal servizio attivo, rimane vescovo, essendo permanente l'effetto ontologico dell'Ordine. I vescovi in ​​pensione portano generalmente il titolo di "vescovo emerito" della loro sede (diocesana o titolare). Inoltre, non c'è differenza ontologica tra un vescovo "semplice" e un vescovo che porta un titolo come arcivescovo o patriarca: un vescovo ordinato non ha bisogno di una nuova ordinazione quando è nominato a un nuovo ufficio.

 

A livello sacramentale, tutti i vescovi sono uguali. Tuttavia, a seconda della loro giurisdizione, funzione e privilegi, si possono distinguere diversi gradi, come mostrato di seguito. Tutti i vescovi sono "vicari e legati di Cristo".

 

Papa (Vescovo di Roma)

 

Il Papa Francesco , Vescovo di Roma

Il Papa è il Vescovo della Diocesi di Roma . Come tale porta anche i seguenti titoli papali : Vicario di Cristo  ; Successore del Principe degli Apostoli  ; Sommo Pontefice della Chiesa Universale; Primate d' Italia  ; Arcivescovo e Metropolita della Provincia di Roma  ; Sovrano dello Stato Vaticano  ; Servo dei servi di Dio.

 

Funzioni e titolo

"Papa" non è né una funzione né un titolo, ma una designazione onoraria, che significa "Padre" (denominazione comune a tutto il clero). Il titolo onorifico "papa" è usato dall'inizio del iii °  secolo in tutto l'Occidente e diventa vescovo, in greco , nell'Odissea di Omero (6:57). In Oriente, la designazione "papa", della stessa origine di "papa", è ancora comune tra il clero della Chiesa ortodossa bulgara e della Chiesa ortodossa russa , e la maggior parte dei patriarchi orientali di Alessandria porta ancora il titolo di papa . Papa Marcellino (morto nel 304) è il primo vescovo di Roma a portare il titolo di "papa" in maniera provata. Dal vi °  secolo, la cancelleria imperiale di Costantinopoli normalmente riserva questa designazione al vescovo di Roma. Dall'inizio del vi °  secolo, il suo uso in Occidente inizia ad essere limitato al Vescovo di Roma, per restringerlo esclusivamente a partire dall'xi °  secolo, quando papa Gregorio VII dichiarò la riserva al vescovo di Roma.

 

Come vescovo della Chiesa di Roma, succede ai compatroni di questa Chiesa locale, San Pietro e San Paolo . In quanto tale, la Chiesa di Roma, quindi suo vescovo, ha sempre avuto una certa preminenza nella comunione cattolica e almeno in una certa misura il primato tra i suoi pari, gli altri vescovi, così come san Pietro aveva un certo primato tra i suoi coetanei. , gli altri apostoli. L'esatta natura di questo primato è una delle questioni più importanti per l'ecumenismo del nostro tempo e la sua dottrina si è sviluppata lungo tutta la storia della Chiesa.

 

Il Catechismo della Chiesa Cattolica , citando la costituzione dogmatica Lumen gentium istituita dal Concilio Vaticano II , dichiara: «Il Papa , Vescovo di Roma e successore di San Pietro», è principio perpetuo e visibile e fondamento dell'unità che lega tra loro o i vescovi o la moltitudine dei fedeli" . La comunione con il Vescovo di Roma è diventata un indicatore così importante dell'identità cattolica che la Chiesa cattolica viene talvolta definita "cattolica romana" nel suo insieme, sebbene ciò sia impreciso nella teologia cattolica.

 

Altre tre funzioni del Papa traggono origine direttamente dalla sua funzione di Vescovo di Roma . Nella misura in cui la Chiesa latina deve la sua identità e il suo sviluppo alle sue radici, che sono il patrimonio liturgico, giuridico e teologico di Roma, il Vescovo di Roma è , di fatto, il Patriarca della Chiesa latina . Secondo Papa Benedetto XVI , c'è stata molta "confusione" tra il primato del Papa come Patriarca della Chiesa d'Occidente e il suo primato come primo Patriarca tra i suoi coetanei; da questo "fallimento della distinzione" tra i ruoli e le responsabilità di queste due funzioni nascerebbe l'"estremo accentramento della Chiesa cattolica" così come lo scisma tra Oriente e Occidente. Nel 2006, quindi, papa Benedetto XVI ha rinunciato a usare questo titolo, imitato dal suo successore.

 

 

Essendo Roma la prima Chiesa locale in Italia, il suo Vescovo di Roma è Primate d'Italia, funzione che gli consente di nominare il Presidente della Conferenza Episcopale Italiana .

 

La Chiesa di Roma è anche la Chiesa principale della Provincia di Roma. Il vescovo di Roma è quindi arcivescovo metropolita della provincia romana .

 

Come vescovo, il papa è chiamato vicario di Cristo . Questo titolo fu comune a tutti i vescovi dal iv ° al xii °  secolo e dedicato al vescovo di Roma dal xii ° all'inizio del xx °  secolo e infine ritornò ai vescovi nel Concilio Vaticano II.

 

Il Papa risiede nella Città del Vaticano , uno stato indipendente situato nella città di Roma, istituito dagli Accordi Lateranensi del 1929 tra la Santa Sede e l' Italia . Proprio come i loro predecessori governavano lo Stato Pontificio (754-1870), i papi di oggi hanno esercitato l'autorità civile assoluta nel microstato della Città del Vaticano dal 1929.

 

Gli ambasciatori sono accreditati non presso lo Stato della Città del Vaticano , ma presso la Santa Sede , oggetto di diritto internazionale ancor prima della creazione dello Stato. Il corpo di funzionari che assistono il Papa nel governo della Chiesa nel suo insieme è chiamato Curia Romana . Il termine "Santa Sede" (cioè la sede episcopale di Roma) è generalmente usato solo per il papa e la curia, poiché il Codice di Diritto Canonico , che riguarda il governo della Chiesa latina nel suo insieme e non gli affari interni della sola diocesi di Roma, usa il termine in questo senso tecnico.

 

Infine, il titolo di "Servo dei servi di Dio" è un'aggiunta di papa Gregorio Magno (Gregory I st ) per ricordare che nel cristianesimo, l'autorità è sinonimo di servizio / ministero ( diakonia ).

 

Per rivolgersi al Vescovo di Roma, usate la formula "Sua Santità".

 

elezione

Le norme vigenti per l'elezione di un papa sono sancite dalla costituzione apostolica Universi Dominici Gregis . Questo testo regola la distribuzione dei poteri dalla morte di un papa fino all'annuncio dell'elezione del suo successore, tra i cardinali e i servizi della curia romana, nonché le disposizioni per le cerimonie funebri del defunto papa. , e il luogo, l'ora e le modalità delle votazioni del conclave , riunione dei cardinali elettori. Questo nome deriva dal latino: com- (set) e Clavis (chiave). Si riferisce al confinamento dei partecipanti, così tenuti lontani da influenze esterne, misura il cui scopo originario era quello di costringere i cardinali a giungere rapidamente a una decisione che è stata invece introdotta prima come mezzo per costringerli a prendere una decisione.

 

Come tutti i vescovi, il papa ha la possibilità di rinunciare alla sua sede , ma a differenza di altri vescovi, non è obbligato a farlo. I casi di rinuncia più noti sono quelli di Céléstin V nel 1294, di Gregorio XII nel 1415 e di Benedetto XVI nel 2013. Circa il 10% dei papi ha lasciato il proprio ufficio (di propria volontà o per deposizione) prima della propria morte.

 

patriarchi

Dall'anno 64 , la sede apostolica dell'apostolo Pietro è stata occupata fino all'attuale Papa , Vescovo di Roma di fatto primo Patriarca tra i suoi coetanei. Inoltre, a questa sede è stato assegnato il titolo di Patriarca d'Occidente , determinando una "confusione" tra il primato del Papa come Patriarca della Chiesa d'Occidente e il suo primato come primo Patriarca, motivo per cui, nel 2006 , il Papa Benedetto XVI ha rinunciato al titolo di Patriarca d'Occidente e ha deciso di non inserire questo titolo nell'Annuario Pontificio .

 

In totale, la Chiesa cattolica ha contato fino a 18 diversi patriarchi: dodici nella Chiesa latina (quattro sono ancora indossati) e sei nelle Chiese cattoliche orientali (4 altri con a capo un arcivescovo maggiore ).

 

Patriarchi cattolici di rito latino

Per vari motivi storici, dieci patriarchi titolari ricevettero il titolo di "patriarca" ma senza le relative funzioni. Il titolo è puramente onorario ei patriarchi non sono a capo di Chiese particolari autonome. Il Patriarca delle Indie Orientali è d' ufficio l'Arcivescovo di Goa , mentre gli altri Patriarchi sono gli Arcivescovi delle città nominate. Il titolo di Patriarca delle Indie Occidentali è stato conferito ad alcuni vescovi spagnoli (occupando vari seggi), ma è vacante dal 1963.

 

I 12 Patriarcati Cattolici Latini

Patriarcato  Creazione     Cancellazione

1         Ovest (Roma)          64 (dall'apostolo Pietro e dall'apostolo Paolo)         2006

2         Aquileia         533 (dall'apostolo Marco)          1752

3         Grado 607     trasferito a Venezia nel 1451

4         Gerusalemme         1099  

5         Antiochia      1119   1964

6         Costantinopoli        1204  1964

7         Aquitania (Bourges)          1232  

8         Alessandria  1341   1964

9         Venezia         1451   

10       Indie occidentali     1520  vacante dal 1963

11       Lisbona         1716   

12       Indie Orientali (Goa)         1886  

Patriarchi cattolici di rito orientale

Dal 1895, sei capi di chiese particolari autonome (in latino , sui iuris ) composte da più chiese locali (diocesi) portano il titolo di patriarca . I suoi sei patriarchi orientali sono eletti dal sinodo dei vescovi della loro chiesa particolare.

 

I patriarchi che guidano le Chiese particolari autonome hanno autorità non solo sui vescovi della loro chiesa particolare, compresi i metropoliti, ma anche direttamente su tutti i fedeli. I Patriarchi Cattolici Orientali hanno la precedenza su tutti gli altri Vescovi, salvo diversa determinazione del Papa. Il nome di un patriarca è preceduto dal nome "Sua Beatitudine".

 

I 6 Patriarcati Cattolici di Rito Orientale

Chiesa sui iuris       posto a sedere       Patriarcato  Data di creazione  Patriarca

1         copto Alessandria  Patriarcato copto cattolico di Alessandria    1895   Patriarca copto cattolico di Alessandria

2         Greco-melkita         Antiochia      Patriarcato cattolico melchita di Antiochia e di tutto l'Oriente, Alessandria e Gerusalemme         1724   Patriarca melchita di Antiochia

3         maronita      Antiochia      Patriarcato maronita di Antiochia e di tutto l'Oriente       1110  Patriarca maronita di Antiochia

4         siriaco           Antiochia      Patriarcato siro-cattolico di Antiochia 1662   Patriarca siriaco di Antiochia

5         armeno         Cilicia Patriarcato Armeno Cattolico di Cilicia          1742   Patriarca armeno di Cilicia

6         caldeo           Babilonia      Patriarcato caldeo babilonese   1551  Patriarca caldeo di Babilonia

Arcivescovi Maggiori

 

Mons. Sviatoslav Chevtchouk , Arcivescovo Maggiore di Kiev e Galizia

Dal 2005 quattro Chiese particolari e autonome sono guidate da un arcivescovo maggiore  : quella della Chiesa greco-cattolica ucraina nel 1963, della Chiesa cattolica siro-malabarese nel 1992, della Chiesa cattolica siro-malankarese , poi della Chiesa greco-cattolica rumena. nel 2005.

 

Se non diversamente specificato, l'autorità di un arcivescovo maggiore nella sua chiesa sui iuris è equivalente a quella di un patriarca nella sua chiesa. Questa funzione, che viene immediatamente dopo quella di patriarca, è stata creata nel 1963 per dotare di completa autonomia le Chiese orientali cattoliche, avendo raggiunto una certa dimensione e stabilità quando le condizioni storiche, ecumeniche o politiche non consentono la loro elevazione a patriarcato.

 

Anche l'arcivescovo maggiore della Chiesa cattolica siro-malankarese usa il titolo di Catholicos .

 

cardinali

 

Un cardinale (secondo da sinistra) e vescovi

I cardinali sono i principi della chiesa nominati dal papa. Di solito sceglie vescovi a capo di dicasteri della curia romana o ricopre importanti sedi episcopali in tutto il mondo. Insieme, i cardinali costituiscono il collegio cardinalizio che consiglia il papa. I cardinali di età inferiore agli 80 anni, alla morte o rinuncia di un papa, partecipano all'elezione del suo successore . Lo stemma cardinalizio è sormontato dal galero con nappe rosse, colore che simboleggia il sacrificio di Cristo e dei martiri della Chiesa.

 

Non tutti i cardinali sono vescovi. Domenico Bartolucci , Karl Josef Becker , Roberto Tucci e Albert Vanhoye sono esempi di vescovi non cardinali del xxi °  secolo. Il Codice di diritto canonico del 1917 introdusse il requisito che un cardinale debba essere almeno un sacerdote. In precedenza, dovevano solo aver ricevuto gli ordini minori , senza nemmeno essere ammessi al diaconato . Teodolfo Mertel , morto nel 1899, fu l'ultimo cardinale non sacerdote. Nel 1962, papa Giovanni XXIII stabilì la regola che un uomo nominato cardinale senza essere vescovo deve ricevere la consacrazione episcopale, ma alcuni chiedono e ottengono una dispensa da tale obbligo (ad esempio il cardinale Vanhoye). Tuttavia, queste eccezioni sono rare.

 

Il Codice di diritto canonico del 1917, secondo la tradizione osservata ad esempio durante il Concilio Vaticano I, prevedeva che i cardinali avessero la precedenza su tutti gli altri prelati, compresi i patriarchi. Il Codice di diritto canonico del 1983 non affronta questo problema.

 

Il cardinalato non è parte integrante della struttura teologica della Chiesa cattolica, ma è in gran parte una distinzione onorifica che trae origine dall'attribuzione esclusiva, nel 1059, del diritto di eleggere il papa al principale clero di Roma e ai vescovi. delle sette diocesi suburbane . Per l'importanza attribuita a questo ruolo, ad essi fu applicato il termine cardinale (dal latino cardo , che significa "cerniera"). Nel xii °  secolo, iniziò la pratica della nomina cardinalizia del clero non romano. Ad ogni cardinale viene sempre assegnato un titolo cardinalizio legato a una chiesa di Roma oa una delle diocesi suburbane, di cui diventa ministro titolare (la realtà di questo legame varia da cardinale a cardinale). Tra queste sedi suburbane, il decano del Collegio cardinalizio , cardinale-vescovo titolare di una delle diocesi suburbane, detiene anche quello di Ostia . Tradizionalmente, solo sei cardinali hanno il grado di cardinale-vescovo , ma quando un patriarca orientale è nominato cardinale, ha il grado di cardinale-vescovo, anche senza detenere una diocesi suburbana. Gli altri cardinali hanno il grado di cardinale-sacerdote o cardinale-diacono , il primo grado viene solitamente attribuito ai vescovi diocesani, il secondo ai responsabili della Curia e ai sacerdoti elevati al cardinalato.

 

Quando viene eletto il capo della Chiesa cattolica, il più alto grado di delega del potere pontificio va al Cardinale Segretario di Stato e poi, quando la sede del Papa è divenuta vacante, il suo potere viene trasferito durante questo periodo di transizione al Cardinale. di Santa Romana Chiesa.

 

primati

In alcuni paesi il titolo di Primate della Chiesa latina è stato conferito al vescovo di un luogo particolare (solitamente una sede metropolitana). In precedenza implicava un'autorità su tutte le altre diocesi del paese o della regione, ma ora concede solo una "prerogativa onoraria" senza potere di governo, a meno che non sia derogata in determinate aree da un privilegio concesso dalla Santa Sede o dalla consuetudine. Il titolo viene solitamente conferito all'Ordinario della Prima Diocesi o dell'Arcidiocesi più antica del Paese. Così, in Polonia , il primate è l'arcivescovo dell'arcidiocesi più antica ( Gniezno , fondata nel 1000), e non della diocesi più antica ( Pozna , fondata nel 968).

 

Negli Stati Uniti l' arcivescovo di Baltimora , pur essendo la prima diocesi eretta nel Paese, non è ufficialmente considerato primate della Chiesa cattolica negli Stati Uniti , ma la sua anzianità gli concede un certo primato legato a "una prerogativa del luogo ".

 

L'ufficio più vicino nell'Ortodossia è l' esarca , che detiene l'autorità sugli altri vescovi senza essere un patriarca. Nelle chiese cattoliche orientali , gli esarchi, sia apostolici che patriarcali, non hanno autorità sugli altri vescovi (vedi sotto, # Equivalenti dei vescovi diocesani nel diritto).

 

metropolitano

 

Reverendissimo Robert Carlson , Arcivescovo Metropolita di Saint-Louis . Indossa il pallio .

Nella Chiesa latina il metropolita (il termine "  metropolita  " è più usato per le Chiese orientali e ortodosse) è il vescovo della sede principale ("sede metropolitana" o "metropoli") di una provincia ecclesiastica composta da più diocesi. . Il metropolita riceve dal Papa un pallio , segno della sua nuova funzione. L'arcivescovo metropolita esercita un limitato potere di vigilanza sulle diocesi suffraganee della sua provincia, in particolare assicurando il rispetto della fede e la disciplina ecclesiastica. Ha anche il potere di nominare un amministratore diocesano per una sede vacante suffraganea se il consiglio diocesano dei consultori non ne elegge uno. Inoltre, il suo tribunale diocesano è la corte d'appello ecclesiastica in contumacia per le suffraganti, e il metropolita ha la possibilità di giudicare personalmente questi appelli.

 

I metropoliti orientali delle chiese arcivescovili maggiori o patriarcali hanno un grado di autorità simile a quello dei metropoliti latini, salvo le disposizioni proprie delle leggi e dei costumi specifici della loro chiesa sui iuris . I metropoliti orientali a capo della propria Chiesa metropolitana sui iuris hanno un'autorità molto maggiore all'interno della loro Chiesa, senza essere dello stesso grado di quella di un arcivescovo maggiore o di un patriarca.

 

Tutti i metropoliti hanno il titolo di arcivescovo e la sede metropolitana è generalmente indicata come arcidiocesi o arceparchia . Questa dignità arcivescovile è legata non solo alle 553 sedi metropolitane ma anche ad altre 77 sedi non metropolitane. La Diocesi metropolitana di Roma è un'eccezione, rimanendo una semplice diocesi pur essendo una metropoli.

 

arcivescovi

Il titolo di arcivescovo viene conferito non solo ai vescovi che guidano le sedi metropolitane, ma anche a coloro che guidano le arcidiocesi non metropolitane. La maggior parte di queste arcidiocesi non metropolitane si trovano in Europa e nel Levante e devono il loro status agli sviluppi storici. Inoltre, l'arcivescovado è retto da altri vescovi cosiddetti "titolari", ai quali sono attribuite sedi storiche prive di realtà diocesana. Molti ricoprono incarichi amministrativi o diplomatici, ad esempio, come nunzi apostolici o segretari di congregazioni della Curia romana . Al vescovo di una sede non arcivescovile può essere assegnata anche personalmente la designazione di arcivescovo, senza modificare il grado della sede che occupa (tale vescovo è chiamato arcivescovo ad personam ). Tuttavia, questa pratica è stata marginale dal Concilio Vaticano II .

 

Vescovi diocesani

Il vescovo (o eparque) di una sede, anche se non possiede un titolo complementare (arcivescovo, metropolita, arcivescovo maggiore, patriarca o papa), è il centro e l'unità della sua diocesi o della sua eparchia , e come membro del Collegio dei Vescovi, condivide la responsabilità del governo di tutta la Chiesa. Poiché ogni chiesa locale particolare è un'incarnazione dell'intera Chiesa cattolica, e non semplicemente una suddivisione amministrativa di qualcosa di più grande, il vescovo che ne è il capo non è un delegato del papa. Ha invece nel proprio nome la responsabilità primaria dell'insegnamento, del governo e della santificazione della sede a lui affidata.

 

All'interno di ciascuna diocesi, anche se l' Eucaristia è celebrata da un altro Vescovo, la necessaria comunione con il Vescovo locale è indicata dalla menzione del suo nome durante la preghiera eucaristica . Nelle Eparchie orientali si fa anche il nome del Patriarca, Arcivescovo Maggiore o Metropolita, avendo anch'essi la diretta responsabilità in tutte le Eparchie della Chiesa in questione. Per lo stesso motivo, ogni celebrazione cattolica dell'Eucaristia cita il Papa per nome.

 

L'ordinazione all'episcopato dà la pienezza del sacerdozio e il completamento del sacramento dell'Ordine . I vescovi sono considerati i successori degli apostoli.

 

All'interno della Chiesa cattolica, le seguenti posizioni hanno somiglianze con quella di un vescovo diocesano, ma non sono necessariamente assunte da un vescovo.

 

Posizioni di diritto equivalenti ai vescovi diocesani

Il canone 368 elenca cinque tipi di giurisdizioni della Chiesa latina considerate equivalenti a una diocesi. Questi sono guidati da:

 

Un prelato territoriale , anticamente chiamato prelato nullius diocesus (senza diocesi), responsabile di un'area geografica non ancora elevata al rango di diocesi.

Un abate territoriale , responsabile di un'abbazia oltre che di una regione che, nei paesi di missione, può essere piuttosto vasta.

Un vicario apostolico (normalmente vescovo titolare), di solito in un paese di missione, non ancora pronto a diventare una diocesi.

Un prefetto apostolico (generalmente non un vescovo), prima di rivendicare lo status di vicariato apostolico.

Un amministratore apostolico permanente , responsabile di un'area geografica che, per gravi motivi, non può essere trasformata in diocesi.

A questi si possono aggiungere:

 

Un esarca apostolico (normalmente un vescovo titolare), responsabile di un esarcato apostolico - non ancora pronto a diventare eparchia - per i fedeli di una Chiesa cattolica orientale in una regione al di fuori del territorio di quella Chiesa.

Un esarca patriarcale, vescovo responsabile di un esarcato patriarcale - non ancora pronto a diventare eparchia - per i fedeli di una Chiesa cattolica orientale in una regione situata nel territorio di questo patriarcato.

Un militare ordinario dedicato ai cattolici che servono nelle forze armate di un paese.

Un prelato personale , responsabile di un gruppo di persone senza riguardo per gli aspetti geografici: l'unica prelatura personale esistente è quella dell'Opus Dei .

Un amministratore apostolico per un'amministrazione apostolica personale: ce n'è una sola, l' amministrazione apostolica personale di Saint-Jean-Marie-Vianney .

Ordinario degli Ordinari personali destinato ai fedeli anglo-cattolici, a norma della costituzione Anglicanorum Coetibus . Ce ne sono tre.

Un superiore per una missione sui juris .

Analogo status può essere considerato anche l' amministratore diocesano (già vicario capitolare) eletto a governare una diocesi in caso di sede vacante. A parte alcune limitazioni di natura e di diritto, ha, ad interim, gli stessi obblighi e poteri del Vescovo diocesano. Di volta in volta, un amministratore apostolico è nominato dalla Santa Sede per guidare una diocesi vacante , o anche una diocesi il cui vescovo non è in grado di partecipare.

 

altri vescovi

Un vescovo diocesano può avere vescovi che assistono il suo ministero. Il Vescovo coadiutore di una sede ha diritto di successione in caso di morte o rinuncia del Vescovo diocesano in carica e, nel caso di un'arcidiocesi, porta il titolo di arcivescovo coadiutore. Allo stesso modo, un vescovo diocesano in pensione mantiene un legame con l'ultima sede da lui occupata. È conosciuto come il Vescovo (o Arcivescovo) Emerito di questa Sede. Un vescovo ausiliare , invece, che può ricoprire anche le funzioni di vicario generale o di vicario episcopale , è nominato vescovo di una sede titolare , sede che ha cessato di esistere nel corso della storia come unità giurisdizionale effettiva.

 

Le sedi titolari - che possono essere arcivescovili o semplicemente episcopali - attribuite a tali vescovi erano anticamente denominate diocesi in partibus infidelium (nelle mani degli infedeli), poiché si trovavano in zone perdute al cristianesimo a seguito delle conquiste musulmane. D'ora in poi, tutti i vecchi uffici, compresi quelli situati nei paesi cristiani, sono considerati titolari. Questi seggi sono assegnati anche ai vescovi che prestano servizio nella Curia romana , come nunzi apostolici o come equivalenti di diritto vescovi diocesani (vedi sopra), come vicari apostolici ed esarchi apostolici.

 

Il termine "vescovo titolare" è usato frequentemente per tali vescovi ma è, a rigor di termini, scorretto, perché non solo hanno il titolo di vescovo, ma sono effettivamente vescovi a pieno titolo, anche se non servono il ministero. sono nominati. Sono membri del Collegio dei Vescovi allo stesso modo dei Vescovi diocesani.

 

In Francia, tutti i vescovi sono chiamati "Monseigneur", o talvolta "Sua Eccellenza". Nella maggior parte dei paesi di lingua inglese, il titolo onorifico che precede il nome di un vescovo è "The Most Reverend". Tuttavia, nel Regno Unito e nei paesi più influenzati dalla pratica inglese (non irlandese), "The Most Reverend" è riservato agli Arcivescovi, mentre altri Vescovi sono chiamati "The Right Reverend". ").

 

Generalmente (ma non limitati a) i titoli o rilevanti funzioni rivestite da vescovi (arco) diocesani non includono quelli del delegato apostolico , nunzio apostolico , Legato Pontificio , vicario patriarcale , delegato pontificio.

 

 

Ordinario e ordinario locale

Gli Ordinari del luogo sono posti a capo di Chiese particolari o comunità equivalenti, o vi esercitano la potestà esecutiva ordinaria.

 

Il Sommo Pontefice (il Papa ) è l'Ordinario locale di tutta la Chiesa Cattolica .

Nelle Chiese orientali cattoliche , i patriarchi , gli arcivescovi maggiori ei metropoliti esercitano la potestà ordinaria di governo sull'intero territorio delle rispettive Chiese particolari autonome.

I vescovi diocesani ed éparques .

Gli altri prelati che guidano, anche temporaneamente, una Chiesa particolare o una comunità equivalente.

Vicari Generali e Protosincelle .

Vicari episcopali e sincelle .

I superiori maggiori degli istituti religiosi (compresi gli abati ) e delle società di vita apostolica sono ordinari dei rispettivi membri, ma non ordinari del luogo.

 

Sacerdozio

Generalmente

I vescovi sono assistiti da sacerdoti e diaconi . Tutti i sacerdoti e i diaconi sono incardinati in una diocesi o in un ordine religioso. Le parrocchie all'interno di una diocesi, siano esse territoriali o personali, sono normalmente sotto la responsabilità di un sacerdote, parroco o sacerdote chiamato.

 

Nella Chiesa latina, di regola, solo gli uomini celibi sono ordinati sacerdoti, mentre le Chiese orientali, sempre di regola, ordinano sia uomini celibi che sposati. Tra le Chiese orientali, la Chiesa cattolica etiope ordina solo uomini celibi, ma ha accolto nella Chiesa ortodossa sacerdoti ordinati sposati, mentre altre Chiese cattoliche orientali, che ordinano uomini sposati, non hanno preti sposati in alcuni paesi. La Chiesa occidentale o latina a volte, anche se raramente, ordina uomini sposati, di solito membri del clero protestante che sono diventati cattolici. Tutte le chiese sui iuris della Chiesa cattolica mantengono l'antica tradizione che dopo l'ordinazione non è consentito il matrimonio. Anche un prete sposato la cui moglie muore non può risposarsi.

 

La Chiesa cattolica e le antiche Chiese cristiane vedono nell'ordinazione sacerdotale un sacramento che consacra l'ordinato a un rapporto di servizio permanente e che, come il battesimo e la cresima, ha un effetto ontologico sulla persona. È per questo motivo che una persona può essere ordinata a ciascuno dei tre gradi di ordine una sola volta. Queste Chiese ritengono inoltre che l'ordinazione possa essere conferita solo agli uomini.

 

Sacerdoti che prestano servizio fuori dalla loro diocesi

Sebbene i sacerdoti siano incardinati in una diocesi o in un ordine, possono ottenere dal proprio diocesano ordinario o dal loro superiore religioso il permesso di servire al di fuori della normale giurisdizione della diocesi o dell'ordine. Queste missioni possono essere temporanee o di natura più permanente.

 

Le missioni temporanee possono includere studi universitari presso un'università pontificia a Roma. Possono anche comprendere incarichi di breve durata tra il personale docente di un seminario situato fuori del territorio della diocesi.

 

Le missioni a lungo termine includono il servizio alla Chiesa universale per il personale di un dicastero o tribunale della Curia romana o del corpo diplomatico della Santa Sede. Possono anche essere nominati rettori o per incarichi di insegnamento a lungo termine in un seminario o università cattolica. I sacerdoti possono anche servire la loro conferenza episcopale , come cappellani militari negli ordinariati militari o come missionari .

 

Curia diocesana e Capitolo canonico

Il Vescovo diocesano nomina un vicario generale per assisterlo nella gestione della diocesi. Di solito viene nominato un solo vicario generale; diocesi particolarmente grandi possono avere più di un vicario generale. Il vicario generale o uno di essi è solitamente nominato moderatore della curia, che coordina l'amministrazione ei ministeri diocesani. Un Vescovo diocesano può anche nominare uno o più vicari episcopali per la diocesi. Hanno la stessa potestà ordinaria dei Vicari generali, ma sono limitati a una specifica divisione della diocesi, a un determinato tipo di attività, ai fedeli di un particolare rito oa determinati gruppi di persone. I vicari generali ei vicari episcopali devono essere sacerdoti o vescovi. Nelle chiese cattoliche orientali, sono chiamati protosincel e sincel .

 

I vescovi diocesani devono nominare un vicario giudiziale al quale è delegato il potere ordinario del vescovo di giudicare le cose. Nella Chiesa latina il vicario giudiziale può essere chiamato anche ufficiale . Il titolare di tale incarico deve essere sacerdote, aver conseguito il dottorato in diritto canonico (o almeno una licenza), avere almeno trent'anni e, a meno che le ridotte dimensioni della diocesi o il limitato numero di pratiche da trattare giustifichino esso, non deve essere il vicario generale. Poiché una delle missioni del vicario giudiziale è quella di presiedere i tribunali collegiali, molte diocesi hanno vicari giudiziali ausiliari che possono presiedere i tribunali collegiali al posto del vicario giudiziale e devono avere le stesse qualifiche.

 

Il Vescovo diocesano nomina presso la cancelleria diocesana un cancelliere , nonché eventualmente un vicecancelliere e dei notai. Queste persone sono responsabili della registrazione degli atti e della conservazione degli archivi della diocesi. Servono anche come segretari della curia diocesana. Il vescovo nomina anche un economo (economo diocesano) e un consiglio per gli affari economici per sovrintendere al bilancio, ai beni temporanei, alle entrate e alle spese della diocesi.

 

Il Vescovo diocesano può nominare sacerdoti come membri del suo capitolo cattedrale o di una chiesa collegiata (così chiamata per il loro "capitolo" di sacerdoti). Questi sacerdoti ricevono il titolo di canonico . Il vescovo nomina anche da sei a dodici sacerdoti del suo consiglio presbiterale per comporre il collegio dei consultori. A loro spetta l'elezione dell'amministratore diocesano in caso di vacanza nella sede.

 

Il vescovo nomina sacerdoti e altri fedeli ai vari organi consultivi. Questi includono il consiglio sacerdotale, il sinodo diocesano e il consiglio pastorale.

 

Vicari della fiera, o Decani

«Il vicario di fiera , detto anche decano, arciprete o altrimenti, è il sacerdote posto a capo di un vicariato di fiera», cioè di un insieme di parrocchie all'interno di una diocesi. A differenza di un vicario episcopale regionale, un vicario da fiera funge da aiutante per i parroci e altri sacerdoti nel vicariato, piuttosto che come autorità intermediaria tra questi e il vescovo diocesano.

 

Sacerdote

Questa sezione riguarda il sacerdote che, nel Codice di Diritto Canonico, è designato con il termine parochus , generalmente tradotto come "il pastore".

 

Il parroco è il vero parroco della parrocchia a lui affidata. Esercita la cura pastorale della comunità a lui affidata sotto l'autorità del Vescovo diocesano, del quale è chiamato a condividere il ministero di Cristo, per adempiere per questa comunità le funzioni di insegnamento, santificazione e governo con la collaborazione di altri sacerdoti o diaconi e con l'assistenza dei fedeli laici di Cristo, a norma del diritto.

 

—Canone 519 del Codice di diritto canonico nella traduzione inglese della Canon Law Society of Great Britain and Ireland, assistita dalla Canon Law Society of Australia and New Zealand e dalla Canadian Society of canon law.

Il parroco (parochus) è il buon parroco (parroco) della parrocchia a lui affidata, esercitando il compito pastorale della comunità a lui affidata sotto l'autorità del Vescovo diocesano di cui era chiamato a condividere il ministero di Cristo, affinché per questa stessa comunità adempie alle funzioni di insegnamento, santificazione e governo, anche con la collaborazione di altri sacerdoti o diaconi e con l'aiuto di fedeli cristiani laici, a norma del diritto.

 

—Canone 519 del Codice di diritto canonico nella traduzione inglese della Canon Law Society of America).

Sacerdoti assistenti/vicari parrocchiali

Il parroco può essere assistito da uno o più altri sacerdoti:

 

Ogniqualvolta sia necessario od opportuno per la cura pastorale della parrocchia, al parroco possono essere affiancati uno o più sacerdoti ausiliari. Come cooperatori con il parroco e condividendo le sue preoccupazioni, devono, attraverso consigli e sforzi comuni con il parroco e sotto la sua autorità, lavorare nel ministero pastorale.

 

—Canone 545 del Codice di diritto canonico nella traduzione inglese della Canon Law Society of Great Britain and Ireland, assistita dalla Canon Law Society of Australia and New Zealand e dalla Canadian Law Society canonical

Ogniqualvolta sia necessario o opportuno svolgere la cura pastorale di una parrocchia, al parroco possono essere associati uno o più vicari parrocchiali. Come collaboratori del parroco e collaboratori affidati alla sua cura, offrano servizio nel ministero pastorale attraverso consigli e sforzi congiunti con il parroco e sotto la sua autorità.

 

—Canone 545 del Codice di diritto canonico nella traduzione inglese della Canon Law Society of America

titoli onorari

La designazione onoraria di Monsignore è attribuita dal Papa ai sacerdoti diocesani (non membri di istituti religiosi ) al servizio della Santa Sede . Può essere attribuito anche ad altri sacerdoti diocesani su richiesta del vescovo del sacerdote. Il sacerdote così onorato è considerato un membro della Casa Pontificia . La designazione corrisponde a una delle seguenti tre funzioni onorarie:

 

Cappellano di Sua Santità (chiamato cameraman pontificio fino ad una riforma del 1969), il grado più basso, caratterizzato da bottoni e bordatura di colore viola sulla tonaca nera, con cintura viola.

Prelato Onorario di Sua Santità (detto Prelato Domestico fino al 1969), grado intermedio, caratterizzato da bottoni e rifiniture rosse sulla tonaca nera, cintura viola e abito da coro comprensivo di tonaca viola.

Protonotario apostolico , grado più elevato, con la stessa veste di un prelato onorario, salvo che possono indossare il mantello di seta purpurea detto ferraiolo .

Nel Dicembre 2013, Papa Francesco ha deciso di non concedere in futuro il titolo di Monsignore a sacerdoti che non fossero al servizio della Santa Sede ma solo nel grado di cappellano di Sua Santità e solo a sacerdoti di 65 anni e più.

 

Secondo la legislazione di papa Pio X , i vicari generali e i vicari capitolari (questi ultimi sono ora chiamati amministratori diocesani) sono titolari (e non veri) protonotari durante munere , purché esercitino tali funzioni e abbiano quindi il diritto di essere detto Monsignore, come indica il titolo breve "Mons. », Davanti al nome di ciascun membro del clero secolare (diocesano) iscritto come Vicario generale nell'Annuario Pontificio . (Titoli onorifici come quello di "Monsignore" non sono ritenuti appropriati per i religiosi).

 

Alcune delle Chiese cattoliche orientali di tradizione siriaca usano il titolo di Chorévêque , approssimativamente equivalente al titolo occidentale di monsignore . Altre Chiese cattoliche orientali conferiscono il titolo onorifico di Archimandrita ai sacerdoti celibi, in segno di rispetto o gratitudine per i loro servizi. I sacerdoti sposati possono essere onorati con il titolo di arciprete , che ha due gradi, il più alto dei quali, "arciprete mitrato", permette al sacerdote di indossare la mitra.

 

Nella Chiesa latina, il titolo di arciprete è talvolta allegato parroco al servizio di alcune chiese storiche, comprese le principali basiliche di Roma. Questi arcipreti non sono sacerdoti, ma vescovi o cardinali. Allo stesso modo, il titolo di arcidiacono è talvolta conferito ai sacerdoti.

 

Diaconato

I diaconi sono ministri ordinati della Chiesa, collaboratori del vescovo accanto ai sacerdoti, ma destinati a concentrarsi sui ministeri di servizio diretto ai poveri e ai bisognosi, piuttosto che sulla guida pastorale. Di solito sono legati a una parrocchia, dove svolgono una funzione liturgica come ministri ordinari del Vangelo e della preghiera dei fedeli. Possono predicare l' omelia e, nel rito romano , possono presiedere a liturgie non eucaristiche come battesimi, matrimoni, funerali, adorazione eucaristica e benedizioni. Nelle Chiese orientali cattoliche , in assenza del sacerdote, i diaconi non indossano la divisa e possono condurre le cerimonie solo come lettori, senza poter presiedere a matrimoni o funerali.

 

I testi biblici che descrivono il ruolo e le missioni del diacono si trovano negli Atti degli Apostoli 6, 1-9 e nella prima lettera a Timoteo 3, 1-13.

 

Possono essere seminaristi che si preparano all'ordinazione sacerdotale, conosciuti come "diaconi in vista del sacerdozio", o "diaconi permanenti" che non intendono essere ordinati sacerdoti. Per essere ordinato diacono, il candidato deve avere almeno 25 anni se celibe; se sposato, il futuro diacono deve avere almeno 35 anni e ottenere il consenso della moglie. Nella Chiesa latina, i diaconi sposati sono necessariamente diaconi permanenti. Nella maggior parte delle diocesi c'è un limite di età per essere ammessi alla formazione diaconale.

 

L'ordinazione diaconale è quella che fa uscire dallo stato laicale per entrare nel clero. In precedenza, la regola nella Chiesa latina era che si diventasse chierico dopo aver ricevuto la tonsura religiosa, seguita dagli ordini minori e dal suddiaconato , considerato uno degli ordini maggiori. Il Papa Paolo VI , nel motu proprio Ministeria quaedam of15 agosto 1972, decreta "che i ministeri in questione non siano più chiamati ordini minori, e che la loro collazione si dica non "ordinazione", ma "istituzione"". Lo stesso motu proprio anche decretato che la Chiesa latina non avrebbe più il principale ordine del suddiaconato, ma consente a qualsiasi Conferenza episcopale che lo desidera di applicare il termine "suddiacono" per coloro che detengono il suddiacono. Sidekick ministero (precedentemente chiamato ordine minore) . Anche nelle società della Chiesa latina che, con l'approvazione della Santa Sede, continuano ad amministrare i riti della tonsura, degli ordini minori e del suddiaconato, coloro che li ricevono rimangono laici e diventano chierici solo «dopo essere stati ordinati diaconi.

 

 

laici

La maggior parte del popolo di Dio sono laici , termine derivato dal greco λαὸς Θεοῦ ( Laos Theou ), che significa "popolo di Dio". Tutti i fedeli cristiani hanno il diritto e il dovere di proclamare sempre più il messaggio del Vangelo a "tutti i popoli di tutti i tempi e di tutti i Paesi". Tutti partecipano alla missione della Chiesa e hanno il diritto di intraprendere qualsiasi attività apostolica secondo la loro condizione e situazione.

 

Il ministero laicale può assumere la forma dell'esercizio del sacerdozio comune di tutti i battezzati, e più in particolare dell'assunzione della missione di catechista , o di servire la Chiesa pastoralmente, amministrativamente o con altri mezzi, in particolare attraverso servizi liturgici come l' accolito , lettore, cantore, accompagnamento dei neofiti nella loro iniziazione , alcuni servizi pastorali (pazienti, carceri, ecc.) nonché membri di organi consultivi diocesani o parrocchiali.

 

Alcuni laici cattolici forniscono un servizio professionale a tempo pieno per conto della Chiesa, piuttosto che in un ruolo secolare. Sebbene il fenomeno sia diffuso in Nord America e in gran parte dell'Europa, l'organizzazione e la definizione del ministero è lasciata alla cura delle conferenze episcopali nazionali. La Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti ha adottato il termine ministero ecclesiale laico per questi individui, intenzionalmente distinto dall'apostolato generale o ministero laico sopra descritto.

 

La direzione consultiva della Chiesa, sia a livello diocesano che parrocchiale, di solito comprende un consiglio pastorale, un consiglio per gli affari economici, nonché diverse commissioni generalmente incentrate sugli aspetti principali della vita della Chiesa e della sua missione, come educazione alla fede, insegnamento cristiano, liturgia, giustizia sociale, ecumenismo o amministrazione.

 

Religioso

I religiosi - che possono essere laici consacrati o membri del clero - sono membri di istituti religiosi pontifici o diocesani , società in cui i membri prendono i voti pubblici e conducono una vita fraterna comune. È una forma di vita consacrata distinta da altre forme , come quella degli istituti secolari . Si distingue anche dalle forme che non implicano l'appartenenza ad un istituto, come quella degli eremiti consacrati, quella delle vergini consacrate e altre forme la cui approvazione è riservata alla Santa Sede.

 

Gli istituti religiosi sono sempre stati divisi in due categorie, ordini e congregazioni .

 

Riferimenti

"  § 873  " , Catechismo della Chiesa Cattolica (consultato il 12 aprile 2019 )

«Se qualcuno dirà che nella Chiesa cattolica non è istituita per divina ordinazione una gerarchia, composta di vescovi, sacerdoti e ministri, sia anatema  » ( Concilio di Trento, Sess. XXIII, can. VI sul Sacramento del Comando ).

Denis Diderot, L'Encyclopédie , t.  VIII, Parigi,1768( leggi online ) , "Gerarchia degli articoli", p.  203-204

"  § 874-896  " , Catechismo della Chiesa Cattolica (consultato il 12 aprile 2019 )

"  § 886, 888, 893, 939  " , Catechismo della Chiesa Cattolica (consultato il 12 aprile 2019 )

Annuario pontificio 2016 , Libreria Editrice Vaticana,2016( ISBN  978-88-209-9747-2 e 88-209-9747-9 , OCLC  949821621 , leggi online )

"  Canone 517  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Statistiche della Chiesa frequentemente richieste  " , Centro per la ricerca applicata nell'apostolato , Georgetown University (consultato il 9 settembre 2016 )

"  Canone 861  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

Comitato sul diaconato, "  Domande frequenti sui diaconi  " , Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (consultata il 9 marzo 2008 )

"  Canoni 900 e 910 § 1  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canone 910 § 2  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canoni 965 e ss.  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canoni 882, 883 e 884  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canone 1003  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canone 1012  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canone 42  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato il 12 aprile 2019 )

Cattolicesimo romano (in "Struttura della Chiesa: il collegio dei vescovi"). Enciclopedia Britannica . Encyclopædia Britannica, Inc. Estratto il 15/03/2012.

"  Canone 375 § 1  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

Istruzione sulla vocazione ecclesiale del teologo, 19  : «Membro del collegio episcopale per ordinazione sacramentale e per comunione gerarchica, il vescovo rappresenta la sua Chiesa, come tutti i vescovi uniti al Papa rappresentano la Chiesa universale nel vincolo della pace , amore, unità e verità. "

Carol Glatz, Statistiche vaticane: la crescita della Chiesa rimane stabile in tutto il mondo , Catholic Herald (5 maggio 2014).

Junno Arocho Esteves, Statistiche vaticane: aumento dei cattolici battezzati nel mondo , Catholic News Service (7 marzo 2016).

Cattolicesimo romano (in "Struttura della Chiesa: il collegio dei vescovi"). Enciclopedia Britannica . Encyclopædia Britannica, Inc. Estratto il 15/03/2012.

"  Canon 375  " , Codice di Diritto Canonico , su vatican.va ,1983(consultato il 19 marzo 2019 )

"  Canone 1014  " , Codice di diritto canonico (consultato il 19 marzo 2019 )

"  Canone 1013  " , Codice di diritto canonico (consultato il 19 marzo 2019 )

Costituzione dogmatica sulla Chiesa, Lumen gentium ,21 novembre 1964( leggi online ) , punto 27

"  Stato della Città del Vaticano  " , su www.vaticanstate.va (consultato il 18 marzo 2019 )

Cattolicesimo romano (in "Struttura della Chiesa: successione apostolica"). Enciclopedia Britannica . Encyclopædia Britannica, Inc. Estratto il 15/03/2012.

"  Canone 331  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canone 330  " , Codice di diritto canonico (consultato il 20 aprile 2007 )

Klaus Schatz , Il primato papale: dalle origini al presente , Michael Glazier,1996, 197  pag. ( ISBN  978-0-8146-5522-1 , leggi online )

"  § 882  " , Catechismo della Chiesa Cattolica (consultato il 19 marzo 2019 )

"  Canone 336  " , Codice di diritto canonico (consultato il 12 aprile 2019 )

Adam AJ DeVille , Ortodossia e papato romano: Ut Unum Sint e le prospettive dell'unità est-ovest , University of Notre Dame Press,2011

Giovanni Paolo II , "  Universi Dominici gregis  " , su vatican.va ,22 febbraio 1996(consultato il 18 marzo 2019 )

"  Canone 458  " , Codice di Diritto Canonico ,1983(consultato il 18 marzo 2019 )

"  Canone 55  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato il 18 marzo 2019 )

"  Canone 63  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali ,1990(consultato il 28 maggio 2008 )

Believe.com , "  Chi sono i patriarchi cattolici?  » , Sulla Croix ,29 gennaio 2015(consultato il 12 aprile 2019 )

"  Canon 56  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali ,1991(consultato il 18 marzo 2019 )

"  Canone 58  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato il 18 marzo 2019 )

"  Canone 151  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali ,1991(consultato il 18 marzo 2019 )

arcivescovi maggiori (in) , Giga-Catholic Information , verificato il 19 aprile 2006

"  Canone 152  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali ,1991(consultato il 18 marzo 2019 )

"  Canone 154  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali ,1991(consultato il 18 marzo 2019 )

"La Chiesa siro-malankarese dice di usare il titolo di Catholicos " , Indian Catholic News Service, 21 luglio 2005.

 cattolicesimo romano (in "Struttura della Chiesa: la Curia Romana e del Collegio Cardinalizio"). Enciclopedia Britannica . Encyclopædia Britannica, Inc. Estratto il 15/03/2012.

"  Canone 232  " , Codice di diritto canonico del 1917 (consultato il 18 marzo 2019 )

(la) Giovanni XXIII , "  Lettera apostolica Motu proprio Cum gravissima  " ,15 aprile 1962(consultato il 18 marzo 2019 )

(in) Rev Padre Charles Augustine , A comment on the new Code of Canon Law ["A comment of the new Code of Canon Law"], St. Louis, B. Herder Book Co,1918( leggi in linea ).

"  Canone 239 § 1, 21  " , Codice di diritto canonico del 1917 (consultato il 18 marzo 2019 )

(en) Auguste Boudinhon e Charles George Hebermann, "Primate", Catholic Encyclopedia ["" Primate ", Catholic Encyclopedia"], t.  XII, New York, Robert Appleton Company ,1911( leggi in linea )

"  Canone 438  " , Codice di Diritto Canonico ,1983(consultato il 18 marzo 2019 )

Louis-Nicolas Bescherelle, Dizionario nazionale o dizionario universale della lingua francese , t.  II, Parigi, Garnier Frères ,1856( leggi online ) , Articolo "Primate", pagina 577

"  Canoni da 435 a 437  " , Codice di diritto canonico (consultato il 21 marzo 2019 )

"  Canone 421 § 2  " , Codice di diritto canonico (consultato il 21 marzo 2019 )

"  Canone 1438  " , Codice di diritto canonico (consultato il 21 marzo 2019 )

"  Canone 1419  " , Codice di diritto canonico (consultato il 21 marzo 2019 )

"  Canoni da 133 a 139  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato il 21 marzo 2019 )

"  Canoni 155 e ss.  » , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato il 21 marzo 2019 )

(it) Annuario Pontificio 2017 , Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana,2017, 2329  pag. ( ISBN  978-88-209-9975-9 e 88-209-9975-7 ) , pag.  1136

Secondo Catholic-Hierarchy.org , dal 2007 ci sono 37 arcidiocesi non metropolitane in Europa (10 immediatamente soggette alla Santa Sede, 1 immediatamente ad un grande arcivescovo cattolico orientale, 25 arcidiocesi suffraganee e 1 arcidiocesi militare) 37. Southwest ( 3 subito sottomessi alla Santa Sede, 21 subito sottomessi ai patriarchi cattolici orientali, 4 arcidiocesi suffraganee), 4 in Africa (2 subito sottomessi alla Santa Sede, 2 subito sottomessi ai patriarchi orientali cattolici), 2 in America del Nord (1 subito sottomessi presso la Santa Sede, 1 arcidiocesi militare), 2 in Sudamerica (1 subito sottomessa alla Santa Sede, 1 arcidiocesi militare), 2 in Australia (entrambi immediatamente sottomessi alla Santa Sede), 1 nel Sud-Est asiatico (sottoposta immediatamente alla Santa Sede), e 1 in Asia meridionale (sottomessa immediatamente a un grande arcivescovo cattolico orientale)

"  §886  " , Catechismo della Chiesa Cattolica (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 368  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

Codice dei Canoni delle Chiese Orientali, canone 314 §1 ; cfr. Bert Groen, William Peter van den Bercken (a cura di), Four Hundred Years Union of Brest (Peeters 1998 ( ISBN  978-90-429-0670-9 ) ), p. 197, che cita anche gli esarchi cattolici orientali, anche nominati da un metropolita.

"  Canoni 427-429  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 134  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canoni 43 e 45  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 78  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 152  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 157  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato l'11 aprile 2019 )

 cattolicesimo romano (in "Struttura della Chiesa: il sacerdozio"). Enciclopedia Britannica . Encyclopædia Britannica, Inc. Estratto il 15/03/2012.

"  Canone 475  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 473 § 1  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 476  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 191  " , Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 1420  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canoni 482 e ss.  " , Codice di Diritto Canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canoni 503 e ss.  " , Codice di Diritto Canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canoni 495 e ss.  " , Codice di Diritto Canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canoni 553 e ss.  " , Codice di diritto canonico ( accesso 11 aprile 2019 )

"  Il Papa limita l'attribuzione del titolo di cappellano di Sua Santità  ", La Croix ,6 gennaio 2014( ISSN  0242-6056 , lettura online , accesso 11 aprile 2019 )

"Park, qui vicarii generalis aut etiam capitularis munere fungitur, hoc munere dumtaxat perdurante, erit protonotarius titularis" (Papa Pio X, Inter multiplices curas , 62. 21 febbraio 1905)

"  Canone 266  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

(la) Paolo VI (  cerimonial translation.net ), "  Lettera apostolica motu proprio Ministeria quaedam  " , su vatican.va ,15 agosto 1972(consultato l'11 aprile 2019 )

Pontificia Commissione Ecclesia Dei, "  Istruzione sull'applicazione della Lettera Apostolica Summorum Pontificum data motu proprio da Sua Santità Papa Benedetto XVI  " , su www.vatican.va ,30 aprile 2011(consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 211  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 216  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 230  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

 cattolicesimo romano (in "struttura della chiesa: i Laici"). Enciclopedia Britannica . Encyclopædia Britannica, Inc. Estratto il 15/03/2012.

"  Canone 228 § 2  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

Collaborators in the Vineyard (pdf) , Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti , 2005

"  Canoni 511 e ss.  " , Codice di Diritto Canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 536  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 492  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 537  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 607  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 710  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 603  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 604  " , Codice di diritto canonico (consultato l'11 aprile 2019 )

"  Canone 605  " , Codice di Diritto Canonico

link esterno

Spiegazioni della gerarchia

Libro II: Il popolo di Dio Liber II. De Populo Dei, Parte II: La costituzione gerarchica tratta dal Codice di diritto canonico sul sito della Santa Sede

Articolo "gerarchia" dell'Enciclopedia Cattolica

Bari, rev. mons. John F (2001). Una fede, un signore: studio del credo cattolico fondamentale. Gerard F. Baumbach, Ed.D. ( ISBN  0-8215-2207-8 )

Elenco dei funzionari

La gerarchia cattolica.org . Questo si basa sulla linea di dati dei vescovi e delle diocesi della Chiesa cattolica romana. Contiene informazioni geografiche, organizzative e di indirizzo su ogni mondo della Diocesi cattolica, comprese le Chiese orientali cattoliche in comunione con la Santa Sede , come la chiesa cattolica maronita o la chiesa siro-malabrese . Fornisce inoltre informazioni biografiche sui vescovi attuali e precedenti in ciascuna diocesi, come date di nascita, ordinazioni e (se applicabile) morte. Non ufficialmente approvato dalla chiesa, il sito web è gestito come progetto privato da David M. Cheney a Kansas City . Per le fonti utilizzate da Cheney nella sua compilazione, vedere http://www.catholic-hierarchy.org/sources.html . [ autopubblicato ]

GCatholic.org

 

This page is based on the copyrighted Wikipedia article "Hi%C3%A9rarchie_dans_l%27%C3%89glise_catholique" (Authors); it is used under the Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported License. You may redistribute it, verbatim or modified, providing that you comply with the terms of the CC-BY-SA.

Cookie-policy       To contact us: mail to admin@qwerty.wiki

 Change privacy settings 

 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Anglicani

Prosperi, 'Delicatissimo momento per Comunione e Liberazione. Evitiamo atteggiamenti che ostacolino l'obbedienza alla Chiesa e la nostra unità'

I peccati che mandano più anime all'inferno