sabato 6 luglio 2019

Muller, Amazzonia correggere il documento perché sia cattolico

Sull'Instrumenntum Laboris per il Sinodo sull'Amazzonia il cardinale Muller ha detto: correggere il documento perché sia cattolico
In Stylum Curiae del 6 luglio 2019
"È solo un documento di lavoro, non è un documento del magistero della Chiesa, e tutti sono liberi di esprimere le proprie opinioni sulla qualità della preparazione di questo documento. Penso che non ci sia un grande orizzonte teologico alle spalle. È stato scritto principalmente da un gruppo di discendenti tedeschi e non da persone che vivono lì. Ha una prospettiva molto europea, e penso che sia più
una proiezione del pensiero teologico europeo sulla popolazione della regione amazzonica perché abbiamo ascoltato tutte queste idee trenta anni fa. Non tutte le idee concordano con gli elementi di base della teologia cattolica, specialmente con la concezione della religione. Noi abbiamo la concezione di una fede rivelata, storicamente realizzata nell'incarnazione del Verbo del Padre in Gesù Cristo, infusa dallo Spirito Santo. Ma la Chiesa cattolica non è una religione come una naturale relazione alla trascendenza. Non possiamo comprendere la Chiesa cattolica solo nell'ambito di un concetto di religione. Le religioni sono fatte dall'uomo, sono impressioni, mezzi, riti di desideri antropologici e pensieri sul mondo, ma la nostra fede si basa sulla rivelazione di Dio nell'Antico e nel Nuovo Testamento, in Gesù Cristo. Pertanto, dobbiamo correggere questo modo di pensare in questo documento in un modo più cattolico".
Qualcuno ha detto che il documento rappresenta un riciclaggio di alcune forme di Teologia della Liberazione.
Müller ha ricordato che " La teologia della liberazione è una teologia cattolica che inizia con la Rivelazione, che inizia nella Sacra Scrittura, nella Tradizione, nella vita magisteriale della Chiesa, e non possiamo mettere l'accento su una nuova ermeneutica che è estranea alla fede cattolica….si può come i cristiani assumono la responsabilità della società, lo sviluppo integrale. Ma non siamo interessati solo al mondo, ma al centro della Rivelazione, che è la comunione con Dio, che inizia in questa vita, e anche lo splendore delle buone opere che Dio ha fatto per noi. Ma non possiamo convertire il cristianesimo, la Chiesa, a essere una ONG solo per uno sviluppo mondano, così che lo sviluppo immanente è il centro della nostra fede. La nostra fede è in relazione con il Dio trino e personale".
Quindi c'è il pericolo che l'Instrumentum Laboris porti a una prospettiva immanente? "Sì, questo è il pericolo perché dietro questo documento non ci sono grandi teologi, e c'è un approccio più pratico, piuttosto ideologico ai problemi".
Sul celibato sacerdotale, e in particolare sul tema dei "Viri Probati", aperto dal Sinodo, il cardinale ha detto: "Bene, da un lato, stanno spingendo per questo [la fine del celibato sacerdotale obbligatorio] e lo dicono apertamente, e, dall'altra parte, dicono, qaundo gli viene chiesto, che ciò non mina il celibato sacerdotale. La disciplina è radicata nella spiritualità del sacerdozio nella Chiesa occidentale e latina. Non possiamo cambiarla come se fosse solo una disciplina esterna, poiché è profondamente connessa con la spiritualità del sacerdozio, come disse il Concilio Vaticano II (Presbyterorum Ordinis, 16). Accettiamo i preti sposati nelle Chiese orientali dove c'è questa tradizione, ma la Chiesa latina continuerà con il celibato nel sacerdozio in questo modo. Penso che questa non sia la grande soluzione che si aspettano e che risolverà tutti i problemi, perché la crisi nel cristianesimo nel mondo occidentale non ha nulla a che fare con il celibato del sacerdozio e dei voti religiosi. È una crisi di fede e anche di leadership spirituale".
È molto interessante quello che il porporato dice sulle radici tedesche di questo Sinodo sull'Amazzoniae dell'influenza germanica. "Vediamo che non è una buona influenza perché la Chiesa cattolica sta andando giù in Germania. Guardate i risultati. Loro [i dirigenti della Chiesa tedesca] non sono consapevoli dei problemi reali [nella Chiesa di oggi] e parlano di moralità sessuale, celibato e donne sacerdote. Ma non parlano di Dio, di Gesù Cristo, della grazia, dei sacramenti e della fede, della speranza e dell'amore, delle virtù teologali e della responsabilità dei cristiani e della Chiesa per lo sviluppo della società in cui c'è un profondo legalismo e disperazione – come diceva il Papa, di un nuovo gnosticismo e di un nuovo pelagianesimo.
Non siamo in grado di promuovere il Vangelo per le persone in Germania e in altre parti d'Europa, come il Belgio e l'Olanda. E vediamo le conseguenze di questa ondata progressista".
Müller concorda con l'intervistatore che non è caso che la Chiesa in Germania abbia aperto un "cammino sinodale" in concomitanza con il Sinodo amazzonico.
"C'è ovviamente una connessione. Si sono occupati degli abusi sessuali in modo assolutamente sbagliato. Non sono in grado e non riescono a vedere le vere cause e le ragioni di questa crisi, e parlano continuamente di altre cose che non hanno nulla a che fare con ciò.
Inoltre, non impariamo dal declino del protestantesimo in Europa. Hanno tutti questi pastori sposati, la loro accettazione del "matrimonio" omosessuale, e non hanno il celibato. Ma nonostante ciò, la situazione della chiesa protestante in Europa è peggiore che nella Chiesa cattolica. Quindi questa non può essere la medicina per superare la crisi profonda, la crisi della fede. È un fraintendimento della missione apostolica dei vescovi, che non sono leader politici. Alla fine, sarà inutile".
Della "sinodalità" del "cammino sinodale" il cardinale pensa che sia un concetto astratto. "Penso che sia molto idealista. Non ci sono basi bibliche per questo. Parliamo della collegialità dei vescovi, ma ora vediamo nella cosiddetta riforma della Curia che la Curia rischia di trasformarsi in un'altra istituzione laica. Tutto il potere è concentrato nella Segreteria di Stato. Non parlano della partecipazione della Chiesa romana o dell'autorità petrina del Papa. Stanno sopprimendo la parola "congregazione" [usata per i dipartimenti vaticani con l'autorità esecutiva], che è una traduzione di sinodo in greco. Quindi, da un lato, stanno sopprimendo la sinodalità della Santa Romana Chiesa, il Collegio cardinalizio, e, dall'altra, stanno convertendo l'istituzione della Curia in una semplice burocrazia, nel solo funzionalismo e non un'istituzione ecclesiastica". E aggiunge: "Non possiamo ora inventare la Chiesa come se la Chiesa fosse fuori moda e ora debba essere rimodellata secondo coloro che si definiscono progressisti, che vogliono costruire la Chiesa secondo le loro idee".

Nessun commento:

Posta un commento