giovedì 13 aprile 2017

Veglia Pasquale

In questa santa notte di Pasqua la Chiesa ci offre un cibo abbondante, prima dalla Scrittura e poi dall’Eucarestia rinnovando le promesse battesimali

Tutta una serie di letture – a partire dal racconto della creazione fino a una splendida profezia di Ezechiele – scandisce il tempo di questa veglia pasquale. Come epistola ci viene proposto un brano della Lettera ai Romani sul battesimo e Paolo ci spiega che la risurrezione viene già comunicata per mezzo del battesimo in attesa del di più nel
giorno natalizio al cielo: per avere parte già alla risurrezione di Gesù, bisogna farsi battezzare. Risorto dice agli Apostoli: “Andate e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole  nel none del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo” (Mt 28,19). Paolo mostra bene la stretta relazione che c’è tra il mistero pasquale e il battesimo cristiano. Quando riceviamo il battesimo, partecipiamo anzitutto alla morte di Cristo. Infatti, la via che ci libera dalla morte verso la risurrezione passa attraverso la passione e la morte di Cristo. Paolo ricorda ai cristiani di Roma: “Per mezzo del battesimo siamo sepolti insieme a lui nella morte”. Al tempo di Paolo il battesimo avveniva per immersione: colui che si faceva battezzare, s’immergeva completamente nell’acqua rinunciando a fare di questa vita, di questo già, il tutto. In questo modo veniva simboleggiata la partecipazione alla morte di Cristo, per poter partecipare poi anche al di più della risurrezione, alla vita veramente vita con l’al di là anche del corpo. Afferma Paolo: “Siamo stati sepolti insieme  a lui nella morte, perché come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, così anche noi possiamo camminare in una vita nuova”. La risurrezione di Cristo è un fatto avvenuto nella storia, di cui gli Apostoli sono stati testimoni e non certo creatori. Nello stesso tempo essa non è affatto un semplice ritorno alla nostra vita terrena; è invece la più grande “mutazione” mai accaduta, il “salto” decisivo verso una dimensione di vita profondamente nuova, l’ingresso in un ordine decisamente diverso, che riguarda anzitutto Gesù di Nazareth, ma con Lui anche noi, anche me, tutta la famiglia umana, la storia e l’intero universo: per questo la risurrezione di Cristo è al centro della predicazione e della testimonianza cristiana, e fino alla fine die tempi. Si tratta di un grande mistero, certamente, il mistero della nostra salvezza fin dalla creazione, che trova nella risurrezione del Verbo incarnato il suo compimento e insieme l’anticipazione e il pegno della nostra speranza. Ma la cifra di questo mistero è l’amore e soltanto nella logica dell’amore esso può essere accostato e in qualche modo compreso: Gesù risorge dai morti perché tutto il suo essere è perfetta ed intima unione con Dio, che è l’amore davvero più forte della morte. Egli era una cosa sola con la Vita indistruttibile e pertanto poteva donare, Dio con un volto umano, la propria vita lasciandosi uccidere, ma non poteva soccombere definitivamente nella morte: in concreto nell’Ultima Cena, come abbiamo celebrato giovedì, egli ha anticipato e accettato per amore la propria morte in croce, trasformandola così nel dono eucaristico di sé, quel dono che ci dà la vita, ci libera e ci salva. La sua risurrezione è stata dunque come un’esplosione dell’amore che scioglie le catene del peccato, del Maligno e della morte. Essa ha inaugurato una nuova dimensione della vita e della realtà, dalla quale emerge un mondo nuovo, che penetra continuamente nel nostro mondo, lo trasforma e lo attira a sé con Maria già assunta in cielo anche con il suo corpo, icona di speranza e di consolazione.

Nessun commento:

Posta un commento